FRANCO BATTIATO AL FESTIVAL DI ARCHEOASTRONOMIA "PIETRE&STELLE" - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

FRANCO BATTIATO AL FESTIVAL DI ARCHEOASTRONOMIA "PIETRE&STELLE"

FRANCO BATTIATO AL FESTIVAL DI ARCHEOASTRONOMIA "PIETRE&STELLE"

Share This
L’Istituto di Archeoastronomia Siciliana organizza la III edizione del Festival di Archeoastronomia "Pietre&Stelle", manifestazione internazionale che si svolgerà durante l'estate, dal solstizio d’estate all’equinozio di autunno 2014 (dal 21 giugno al 26 settembre), sarà itinerante ed in Sicilia coinvolgerà le province di Messina e Agrigento, mentre a Malta si terrà nella capitale, La Valletta.


Direttore artistico della kermesse artistica e culturale che in poco tempo è diventata uno degli appuntamenti estivi più apprezzati e seguiti dell’intero Sud Italia, è l'astronomo Andrea Orlando, Dottore di Ricerca in Astrofisica nucleare dell’Università di Catania e membro della SIA (Società Italiana di Archeoastronomia) che dichiara: “Questa terza edizione del Festival vuole rappresentare un vero e proprio connubio tra i beni archeologici e paesaggistici siciliani e la cultura, qui proposta in una delle scienze più multidisciplinari che esistano: l’Archeoastronomia. L’edizione 2013 ha visto la partecipazione di migliaia di persone, un successo straordinario di cui hanno parlato giornali e mass media nazionali. Le grandi novità di questa edizione 2014 saranno le nuove sezioni inserite all’interno della manifestazione, tra cui in particolare: cinema, teatro e laboratori didattici. Anche quest’anno inoltre alcuni appuntamenti si svolgeranno in siti Patrimonio dell’Unesco, ovvero la Valle dei Templi di Agrigento. La kermesse culturale quest’anno coinvolgerà per la prima volta un Paese straniero, l’Isola di Malta, dove il Festival di Archeoastronomia si concluderà con il convegno annuale della SEAC (European Society of Astronomy in Culture). Ma uno degli appuntamenti più suggestivi sarà ancora il ‘vernissage’ della kermesse che si terrà tra i Megaliti dell’Argimusco, l’altopiano che si trova nel territorio di Montalbano Elicona. In questo luogo atavico si possono ammirare megaliti naturali dalle figure antropomorfe e zoomorfe, rocce modellate dal vento e dall’acqua nel corso dei millenni. E proprio queste rocce di arenaria sono state probabilmente utilizzate dall’uomo antico come osservatorio astronomico, per capire per esempio l’alternanza delle stagioni, informazione molto utile per le pratiche agricole.”  Andrea Orlando darà il suo contributo artistico presentando un piccolo studio multidisciplinare su l'Astronomia Araba.

L'evento “Pietre&Stelle 2014” si svolgerà nel sito naturalistico dei Megaliti dell’Argimusco,  a circa 6 km dal borgo di Montalbano Elicona (ME), in occasione del solstizio d’estate 2014, ovvero sabato 21 giugno. Il programma della manifestazione è molto ricco e vedrà la partecipazione di ospiti e artisti illustri. Di particolare importanza sarà infatti la partecipazione del Maestro Franco Battiato, il quale presenterà il suo ultimo documentario: "Attraversando il Bardo", incentrato sul tema della morte e di come essa è concepita nelle diverse tradizioni spirituali, sia occidentali che orientali. Alcune scene del docufilm sono state girate proprio sull’altopiano dell’Argimusco. 


La manifestazione è inserita tra gli eventi “Solstizi - Circuito delle Feste del Sole dei Nebrodi”, patrocinati dal Gal Nebrodi Plus ed è stata organizzata con la collaborazione del Comune di Montalbano Elicona, della Regione Sicilia e di enti privati ed associazioni locali.

Di seguito il programma ufficiale della kermesse inaugurale del 21 giugno “Solstizi Nebrodi/Pietre&Stelle 2014”:

• ore 5:00 – “l’Alba del Solstizio”, brani scelti da Fabio Bagnasco, letture di Alfio Zappalà e Maria Rita Simone di ArchiDrama;
• ore 15:00 – “Ombra e Luce”, percorso di sculture di Rosaria Randazzo;
• ore 16:00 - “Tour della Compassione e dell’Armonia”, incontro con i monaci tibetani del Monastero di Sera Jey;
• ore 16:45 – “Stranieri Familiari”, scritto e diretto da Domenico Bravo con Viviana Lombardo;
• ore 18:00 – “Pietre&Stelle 2014”, presentazione e consegna targhe artistiche, conferenza stampa del film documentario “Attraversando il Bardo, uno sguardo sull’Aldilà” con Franco Battiato, Syusy Blady, Fabio Bagnasco e Massimiliano Pollina;
• ore 18:45 – “U Cuntu”, reinterpretazione del brano di F. Battiato con Antonio Smiriglia ed i Cantori della Tradizione;
• ore 19:15 – “l’Arlecchino del Bardo”, conferenza teatrale di e con Cristina Coltelli;
• ore 20:00 – “I Suoni della Natura”, incontro culturale con Giuseppe Severini;
• ore 20:15 – “Alban Heruin”, rituale del solstizio con Layla Emir, Yasmin Nammu e Ivana Chimisso (danza), Silvia Puglisi (voce) e Umberto Arcidiacono (tamburi);
• ore 20:45 – “l’Astronomia Araba”, conferenza multimediale con Andrea Orlando;
• ore 21:15 – “Mekabale”, danza sufi con Fakhraddin Gafarov (tar e ney) e Serdar Adem Uslan (derviscio roteante);
• ore 21:30 – “Attraversando il Bardo”, proiezione del fil documentazio di Franco Battiato;
• ore 22,30 – “Atavico”, concerto con Enrico Sorbello (violoncello), Ginevra Gilli (arpa e voce), Raffaele Liuzzo (cornamusa) e Mater Matuta (band etnica).
• dall’alba al tramonto – Mandala delle Sabbie a cura dei monaci tibetani 
• dalle ore 15,00 alle ore 21,00 - Annullo filatelico a cura di Poste Italiane
• dalle ore 22:00 alle ore 00:00 - Osservazione del Cielo al telescopio a cura di Piero Romano.

L’Archeoastronomia, la “scienza delle stelle e delle pietre”, è la disciplina che studia gli allineamenti astronomici degli antichi edifici prestando un’attenzione rigorosa al loro contesto storico ed archeologico. Nello specifico è la scienza multidisciplinare che studia gli orientamenti astronomici di tombe, dolmen, menhir, cromlech, templi, chiese, ecc., in funzione di fenomeni celesti come il sorgere ed il tramontare del Sole e della Luna, gli equinozi, i solstizi e le eclissi. 

In Italia tale scienza ha avuto un grande impulso in tempi recenti, infatti è solo nel 2000 che sorge la Società Italiana di Archeoastronomia (SIA), con sede presso l’Osservatorio Astronomico di Brera (Milano). Gli studi realizzati dalla SIA e da alcuni archeologici hanno però riguardato esclusivamente zone del centro e del nord Italia, tralasciando dunque il sud della penisola. Negli ultimi anni alcuni studi hanno coinvolto anche il meridione, in particolare le regioni di Campania, Puglia e Basilicata. E' insegnata solo al Politecnico di Milano e alla Sapienza di Roma. 

In Sicilia, dal 2010, l’Archeoastronomia è balzata agli onori della cronaca grazie all’azione culturale curata dal dott. Andrea Orlando, astrofisico e membro della SIA, il quale ha iniziato una intensa attività di divulgazione scientifica e culturale. L’astronomo catanese è l’ideatore di due importanti rassegne culturali, una realizzata in pieno inverno e l’altra in estate, e di un interessante progetto didattico dal titolo “Alla Scoperta dell’Archeostronomia”, che nel 2012 è stato inserito come area di progetto Brocca al Liceo Scientifico “Leonardo” di Giarre.

L’attività di divulgazione e didattica è accompagnata da quella di studio, volta a valorizzare numerosi siti archeologici e naturalistici siciliani che possiedono una evidente valenza archeoastronomica. Particolare attenzione è stata rivolta al sito naturalistico dell’Argimusco, altipiano megalitico che sorge nel territorio di Montalbano Elicona, grazioso borgo medievale al confine tra Nebrodi e Peloritani. 

Ma oltre all'Argimusco ci sono altri luoghi in Sicilia che meritano l'attenzione culturale e scientifica: i Megaliti della Valle dello Jato, gli Ipogei della Gurfa, l'insediamento rupestre di Rocca Pizzicata, il tempio megalitico della Rocca di Cefalù, le rilevanze antropiche di Monte Cucco-Olgari, il dolmen e le mura ciclopiche di Mura Pregne, il kothon ed i templi di Mozia, l'insediamento preistorico e medievale di Castelluccio. 

Purtroppo la maggior parte di questi siti archeologici e naturalistici non è tutelato e valorizzato dalle Istituzioni, ed infatti molti di essi versano in un totale stato di abbandono e degrado. Ecco dunque che questo contenitore multimediale vuole rappresentare innanzitutto un vero e proprio spazio di conoscenza, uno spazio virtuale in cui tutti, ad iniziare dai cittadini siciliani, possano acquisire coscienza e consapevolezza del territorio isolano, in modo da stimolare la tutela delle sue bellezze archeologiche e naturalistiche uniche e straordinarie. 

Il Festival di Archeoastronomia rappresenterà un vero e proprio viaggio alla scoperta di questa suggestiva scienza multidisciplinare nella quale convergono l’astronomia, l’archeologia, l’antropologia, la storia, la geografia e altre discipline. Un itinerario affascinante che porterà il visitatore a conoscere il cielo ed a toccare con mano alcuni angoli di Sicilia che racchiudono la storia di questa piccola isola‐continente, luoghi che rappresentano dei veri e propri paesaggi sacri, dove il confine tra cielo e terra è segnato da pietre ancestrali. 

“Pietre&Stelle2014” continuerà il suo viaggio itinerante con altre due splendide tappe:
27 luglio (Valle dei Templi, Agrigento): “l’Astronomia nell'Antica Grecia”;
dal 22 al 26 settembre (La Valletta, Malta): “Convegno SEAC2014”.

Per conoscere in dettaglio il programma delle giornate del Festival di Archeoastronomia 2014 potete contattare: info@archeoastronomia.com

Per informazioni: Ufficio Turismo Comune di Montalbano Elicona (0941/678019) – Enzo Ruggeri (338/1007771). 


A.D.P.


1 commento:

  1. Programma di alto livello, complimenti Montalbano Elicona !

    ARGIMUSCO- poesia di Antonio Cattino.
    (Altura dalle risplendenti felci)

    Perdersi fra pietre e titani
    in infiniti spazi aperti
    di cieli che innalzano
    natura battuta dai venti.
    Perdersi è ritrovarsi
    nel fondo del proprio
    cercarsi,
    poi sentirsi,
    capirsi,
    capire
    quel sole che traccia
    siderali sentieri
    e costruisce verità
    indiscusse,
    geometrie radiali
    fra cielo e terra.
    Verde agrifoglio
    richiama speranza;
    rinascere,
    non trapassare,
    in forme che sfidano
    il tempo
    in eterne alternanze
    fino che il tempo sarà.

    Antonio Cattino @ 4 Maggio 2015
    Ogni diritto riservato secondo legge.

    RispondiElimina

Post Bottom Ad