IL CAMPIONE, UN LIBRO-DENUNCIA SUI CANI DA COMBATTIMENTO - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

IL CAMPIONE, UN LIBRO-DENUNCIA SUI CANI DA COMBATTIMENTO

IL CAMPIONE, UN LIBRO-DENUNCIA SUI CANI DA COMBATTIMENTO

Share This

Un romanzo di formazione tenero e profondo, una storia di affetti negati e tenacemente riconquistati. Il racconto di una crescita difficile e delle ferite che lasciano i sogni quando vengono soffocati.

Edito da IoScrittore, Il campione è l'ultimo libro di Cinzia Pierangelini che narra la storia di un ragazzino e il suo cane. Un tema che richiama alla mente un altro romanzo da cui è stato tratto un film, il commovente "Io e Marley" di John Grogan. Ma anche "Hachiko" di Leslea Newman, film interpretato da Richard Gere. Ecco, il libro della Pierangelini può essere forse compreso maggiormente da tutti quelli che hanno, o hanno avuto, un rapporto speciale con questo fedele amico a quattro zampe. La scrittrice, infatti, ha dedicato il suo romanzo ai suoi amati cani: "A Tutù, a Leda, a Baby".

Il libro è anche una denuncia sugli ambienti malavitosi dediti allo sfruttamento degli animali dove uomini senza scrupoli e senza cuore li usano per combattimenti e corse clandestine. Il campione è un romanzo dove i buoni sentimenti prevalgono sui bassi istinti che portano alla violenza sui deboli e gli indifesi. L'autrice lo definisce "un romanzo di formazione destinato a chi ama i cani, la musica e odia l’ignoranza e la brutalità della mafia"

La storia di Nicola e Niger si svolge ai giorni nostri, in Sicilia. Nicola è un ragazzino adolescente che frequenta la terza media. La sua sensibilità e la sua bontà d'animo lo portano ad avvicinarsi alla musica grazie anche alla sua insegnante di Musica, la malinconica Stefania. Il loro rapporto sarà di aiuto reciproco per non affondare nelle sabbie mobili di un destino di violenza per Nico e di solitudine per Stefania. Entrambi subiscono la frustrazione di non poter vivere la vita che volevano. Stefania vive il malessere interiore di non essere stata all'altezza dei suoi famosi genitori, un direttore e una cantante lirica, con la quale ha un rapporto conflittuale, e di aver ripegato scegliendo l'insegnamento. Nicola, invece, nasce in una famiglia che vive ai limiti della legalità e organizza combattimenti clandestini tra cani che vengono addestrati a questo scopo da compare Ignazio. Il padre e il fratello di Nicola hanno scelto per lui il suo destino ma sarà l'incontro con un cucciolo che lo cambierà. Questo percorso di distacco da una famiglia collusa con la criminalità organizzata sarà formativo per la personalità di un ragazzino che sta attraversando il passaggio doloroso dall'adolescenza all'età adulta. Ci riuscirà grazie al potere salvifico dell'amore, quello che prova per il suo cane Niger. La forza di Nicola sarà di grande aiuto a Stefania che avrà, finalmente, il coraggio di spezzare quel cordone ombelicale che la teneva legata a una madre arida. Entrambi troveranno, quindi, nell'amore per la musica e per ogni anima, sia umana sia animale, l'energia positiva di uscire da situazioni stagnanti. Ma anche per liberarsi metaforicamente dalle catene di un guinzaglio acuminato come quello che porta un cane da combattimento.

Copertina

Sinossi:
Nicola è un ragazzino sensibile e intelligente; frequenta la terza media e ama studiare, soprattutto musica, che è la sua grande passione. Stefania è la sua insegnante. Una donna malinconica, stretta tra i rimpianti per le occasioni mancate nella vita e un rapporto difficile con la madre, famosa cantante lirica. Nicola e Stefania non abitano in un posto qualunque. Vivono in Sicilia, una terra splendida e feroce, purtroppo a volte ostaggio della criminalità organizzata, prigioniera di logiche brutali e arcaiche. E infatti il padre e il fratello maggiore di Nicola hanno in mente per lui una strada diversa da quella dei suoi sogni. Una strada che passa per compare Ignazio e i suoi ragazzi, che organizzano combattimenti clandestini di cani. Una strada di violenza e prevaricazione che lo allontani definitivamente dai suoi desideri infantili, dalla sua solitudine pensierosa. Ma l’amore e la passione, quelli più puri, sono difficili da soffocare. E così Nicola e Stefania si troveranno sempre più uniti, l’uno nel suo percorso di formazione e scoperta del mondo e della verità sulla sua famiglia, l’altra ritrovando in quel ragazzo la forza che sentiva di avere smarrito col tempo. E arriverà un cucciolo, il regalo che dovrebbe rendere Nicola un vero uomo, a dare una piega inaspettata. 

Cinzia Pierangelini vive a Messina, dove insegna violino. Ha esordito nel 2005 con la raccolta di racconti Dall’ultimo leggio, cui sono seguiti i romanzi: Eraclito e il muro, ‘A jatta (premio Gazzara al Salone del libro di Messina), Sangue garofano e cannella, In principio fu il mare (premio Assortisti di Roma), la raccolta 21 Racconti e i fantasy per ragazzi Draghia (con lo pseudonimo di Key Pendragon), Il professor Scelestus, Tatanka. Ha pubblicato numerosi racconti, vincitori di premi e selezioni, su importanti antologie e riviste letterarie. Il suo blog: cochina63.altervista.org


Antonella Di Pietro

Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad