ore

Breaking

Post Top Ad

giovedì 19 marzo 2015

COME GUARDARE L'ECLISSI SOLARE SENZA RISCHI PER GLI OCCHI

Domani, venerdì 20 marzo 2015, giorno dell'Equinozio di Primavera, è prevista un’eclissi parziale di Sole in Europa, Islanda, Africa settentrionale e Asia settentrionale. Sarà totale per gli abitanti delle Isole Fær Oer e Svalbard, mentre in Italia la copertura del Sole varierà tra il 40 e il 70% in base alla latitudine. Lo spettacolo sarà migliore al nord e raggiungerà il suo culmine alle 10.45. Un appuntamento da non perdere: la prossima eclissi sarà visibile soltanto nel 2026. Ecco alcuni consigli per godersi al meglio l’evento astronomico senza rischi per gli occhi.  



Per guardare a lungo il Sole, come accade durante un'eclissi, è necessario munirsi di occhiali ad hoc o di un filtro specifico, reperibile in un negozio di articoli per astronomia, da qualche ottico ben rifornito oppure online. Per l’osservazione del fenomeno vi raccomandiamo l'utilizzo di filtri adeguati, perché fissare il sole a occhio nudo mette in serio pericolo la vista e potrebbe provocare danni permanenti. «L’intensità della luce solare è così forte che osservarla in modo diretto può colpire la macula, bruciandola e quindi rendendo cieco l’individuo» spiega Matteo Piovella, Presidente della Società Oftalmologica Italiana. «Qualsiasi tecnica scegliate, non guardate il Sole ininterrottamente. Fate pause e fate riposare i vostri occhi. E non usate normali occhiali da sole: non offrono una protezione sufficiente» è il consiglio della Nasa.

Mentre, l'astronomo Giuseppe Petricca (@AstroPratica) suggerisce di «procurarsi la giusta attrezzatura su internet (occhiali  per l’osservazione solare, filtri per telescopi o binocoli). Basta cercare "occhiali per eclissi solare": usciranno molte proposte. Per quanto riguarda le ottiche, quello che occorre è un filtro in AstroSolar, reperibile anch’esso online: è un materiale che lascia passare meno dell’1% della luce solare in arrivo dalla stella, assicurando una vista perfetta e senza alcun rischio aggiunto per gli occhi». In particolare, vengono tagliati sia gli ultravioletti sia gli infrarossi, un lavoro che gli occhiali da sole e gli altri “rimedi” casalinghi non sono in grado di fare. Senza questa precauzione, il rischio di un danno alla retina è molto elevato.

Se invece avete un telescopio, potete comunque realizzare un filtro con l'AstroSolar, ma anche acquistarne uno appropriato per il vostro strumento, in materiali diversi (per esempio il mylar). Se si vuole utilizzare un binocolo, si possono tagliare due pezzi quadrati di filtro, abbondanti rispetto al diametro delle lenti del binocolo, e fissarli attorno alle lenti stesse con due elastici o con del nastro adesivo. Se i filtri non sono perfettamente piatti e presentano qualche piccola piega non è grave. Lo stesso sistema si può applicare se si vuole riprendere l'eclissi con una macchina fotografica: il filtro, in questo caso, va fissato sull'obiettivo della macchina fotografica in modo che lo copra completamente.

Attenzione: con l'utilizzo di uno strumento ottico, anche un modesto binocolo, il rischio si moltiplica perché la luce raccolta è molto più intensa. Le precauzioni vanno quindi prese con la massima scrupolosità.

In alternativa si può ricorrere all'osservazione indiretta, metodo molto più sicuro, ma meno spettacolare. È sufficiente procurarsi un pezzo di cartone non trasparente alla luce al centro del quale praticare un foro del diametro di mezzo centimetro attraverso il quale la luce del Sole viene proiettata su un normale foglio A4 da stampante posizionato a circa 1 metro. Sul foglio si formerà l’immagine invertita  del'eclissi.  Allontanando o avvicinando il foglio di carta al cartone con il foro si possono ottenere immagini più grandi e meno nitide o più piccole e più nitide. Ovviamente senza mai guardare attraverso il foro nel cartone.

 Il 20 marzo la Luna si troverà tra Sole e Terra e coprirà quindi il disco solare:
- l’eclissi inizierà alle 9:20 (ora italiana) e proseguirà fino alle 11:50;
- raggiungerà il suo massimo intorno alle 10:30-10:40;
- l’eclissi sarà visibile in tutta Italia, ma sarà parziale;
- al nord il Sole risulterà coperto al 70%
- al sud il Sole risulterà coperto al 50%;
- l’eclissi sarà invece totale nell’estremo nord dell’Europa.

In Italia sarà visibile tra le 8,40 e le 12,30 circa, con picco massimo intorno alle 10,30. La Nasa ha messo a disposizione questa mappa interattiva in cui è possibile verificare l'ora esatta relativa alla propria località (bisogna aggiungere un'ora perché gli orari sono in UTC). L'area di visibilità dell'eclissi totale si trova all'estremo nord dell'Europa, perciò dal nord Italia il Sole sarà oscurato per il 65-70%, mentre scendendo verso sud la porzione coperta dalla Luna diminuirà gradualmente.

A questo link puoi guardare tutti gli orari dell'eclissi del 20 marzo 2015, ad esempio a Messina l'ora di inizio è: 09:24:24, ora max: 10:30:11; copertura 41.9%; ora di fine: 11:39:34. 


Alcune notizie sono state prese da Focus, Nasa e Astronomia Pratica.


A.D.P.





Nessun commento:

Posta un commento