DENUNCIATO IL SINDACO ACCORINTI PER LESA MAESTA' NEI CONFRONTI DELLO STATO - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

DENUNCIATO IL SINDACO ACCORINTI PER LESA MAESTA' NEI CONFRONTI DELLO STATO

DENUNCIATO IL SINDACO ACCORINTI PER LESA MAESTA' NEI CONFRONTI DELLO STATO

Share This

Si profilano guai giudiziari per il sindaco di Messina, Renato Accorinti. La bandiera della pace esposta durante la celebrazione della Festa delle Forze Armate lo scorso 4 novembre non sarebbe piaciuta non solo ai vertici delle stesse forze armate, ma anche ad Ernesto Di Pietro, un giornalista che ha rilevato gli estremi per il reato di lesa maestà nei confronti dello Stato e per questo ha depositato una  denuncia alla Procura di Messina.

Durante la cerimonia il sindaco di Messina ha anche esposto con la bandiera della pace la frase “svuotiamo gli arsenali, colmiamo i granai”, che venne pronunciata dall’ex presidente della Repubblica, Sandro Pertini. Questa la posizione di Accorinti: “La nostra isola rischia di diventare una portaerei del Mediterraneo: una base dalla quale fare partire strumenti di morte e controllare con tecnologie satellitari, il Muos, i paesi stranieri.

Anche l’arrivo dei flussi migratori è vissuto come un “problema di ordine pubblico” da affrontare con le forze armate, da circoscrivere in ghetti, lontani dagli sguardi della popolazione italiana, dove non sempre sono garantiti diritti e giustizia. Non si può rimuovere dalla memoria collettiva, quasi esorcizzando, un secolo di lotte del movimento operaio per la pace e il lavoro, il disarmo e la giustizia sociale. Questa Amministrazione appoggia quelle lotte e quegli ideali. Questa Amministrazione dice “Si” al disarmo”. 

Accorinti si è distinto per i suoi modi originali già dal suo insediamento il primo giorno da sindaco, presentandosi a piedi scalzi al Comune. Molti anni prima nel 1982, a Comiso, ha manifestato contro l’installazione di una Base Nato. Il 15 gennaio 1991 è rinviato a giudizio, poiché durante lo svolgimento di una manifestazione contro l’intervento italiano nella Guerra del Golfo istiga i militari a disertare nel caso fossero inviati a combattere nel Golfo Persico e i giovani che ricevessero la cartolina precetto, a strapparla. Il 9 giugno del 1992, a Messina, in un tribunale colmo di studenti e concittadini solidali, è stato assolto.


2 commenti:

  1. Questa denuncia non mi piace,è velenosamente tendenziosa,Accorinti non voleva mancare di rispetto allo Stato,ha fatto solo un gesto inopportuno che io ho criticato ma nulla di più,se non la mia preoccupazione per l'abbandono del Generale dei carabinieri e di alcuni suoi ufficiali.Sono temi questi da demandare al libero dibattito politico e culturale,anche per far cambiare atteggiamento al sindaco,che in quanto tale non è padrone delle piazze nè della scena di manifestazioni come quella del 4 novembre che è una istituzione in sé,ha un protocollo concordato e si dovrebbe rispettare.E' la giornata dei caduti in guerra,e le famiglie ed i discendenti ne sono fieri in quanto è l'unico ringraziamento che hanno avuto dallo Stato,ci tengono e Accorinti li ha confusi ed un po' umiliati.

    RispondiElimina
  2. Ma dai è una cosa ridicola!!! Renato siamo con te!

    RispondiElimina

Post Bottom Ad