IL PERCORSO ARTISTICO DI SALVATORE TRIMARCHI NELLA MOSTRA A LUI DEDICATA. - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

IL PERCORSO ARTISTICO DI SALVATORE TRIMARCHI NELLA MOSTRA A LUI DEDICATA.

IL PERCORSO ARTISTICO DI SALVATORE TRIMARCHI NELLA MOSTRA A LUI DEDICATA.

Share This

“Figghiu di ‘stu mari - Squarci di vita di Salvatore Trimarchi. Aneddoti Testimonianze Ricordi”. Un percorso volto alla riscoperta e a una più intima comprensione di un intenso cantautore siciliano.



Un omaggio all'arte di Salvatore Trimarchi con un Convegno incentrato sulla vita, sulla produzione musicale e poetica del poliedrico cantautore monfortese a quasi un anno dalla sua morte, e una Mostra nella splendida cornice del Castello di Spadafora: era questo l’intento dell'evento dello scorso 7 giugno a conclusione della tavola rotonda, fortemente voluto dalla Pro Loco della cittadina tirrenica.

Si è rivelato qualcosa di più: riportare alla memoria il cantautore, la sua arte come la sua personalità, ha portato nuova luce, grazie in particolare all’intervento della Professoressa Rosa Paratore sulla sua vasta e in parte inedita produzione. Tante sono state le voci, tra i relatori e dal pubblico, che ne hanno sottolineato la genialità, manifestata nell’immediatezza e originalità della parola poetica e del componimento sonoro. Un vivace dibattito che ha consegnato ai partecipanti interessanti spunti di riflessione su Trimarchi uomo e artista e sulla sua contagiosa e instancabile autenticità.

Oltre alla Professoressa Paratore, il Convegno ha visto la partecipazione anche della Dott.ssa Tommasa Siragusa della Soprintendenza BB.CC. di Messina, di Piero Giacobello, Presidente Pro loco di Spadafora, del Prof. Stefano Sgrò e del moderatore dell’incontro, il Prof. Giovanni Saija Bisazza. Durante l’incontro, due componenti del gruppo etnico Malanova, il frontman Pietro Mendolia (chitarra e voce) e Giovanni Ragno (friscaletto siciliano), hanno riservato ai convenuti una sorpresa: hanno proposto, personalizzandola, A canzuni pi Sara - ballata d’amore in dialetto siciliano composta da Salvatore Trimarchi pochi anni fa e completamente inedita - guadagnandosi un lungo applauso commosso.

A conclusione del Convegno, sono stati premiati i migliori bozzetti su Salvatore Trimarchi, scelti fra quelli prodotti dagli alunni del Liceo Artistico “Renato Guttuso” di Spadafora, diventati parte integrante della Mostra retrospettiva. Il miglior bozzetto è stato giudicato quello di Marika Lombardo, mentre Veronica Castiglione e Salvo Samuel hanno ottenuto delle menzioni speciali.


Il Convegno ha fatto da prologo ad una Mostra che racconta la vita dell’artista attraverso fotografie, dischi e i suoi più amati cimeli, e sarà fruibile ai visitatori fino a giovedì 11 giugno 2015.



Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad