ore

Breaking

Post Top Ad

lunedì 30 dicembre 2013

SCHUMACHER: "LIFE IS ABOUT PASSIONS"


Michael Schumacher, il pilota automobilistico tedesco considerato tra i più grandi campioni della Formula 1, che ha ha conquistato 7 titoli mondiali, i primi due con la Benetton e gli altri cinque con la Ferrari, si trova in coma artificiale all'Ospedale universitario di Grenoble dopo la caduta di ieri mentre sciava a Meribel, sulle Alpi francesi. Il campione ha battuto violentemente la testa contro una roccia rompendo il casco che indossava, l'impatto ha provocato gravi lesioni al cervello. Il direttore della stazione sciistica Christophe Lecomte Gernignon, subito dopo l'infortunio, ha detto: “Schumacher è stato soccorso in elicottero e trasportato all’ospedale di Moutiers. Sull’incidente, ci sono indagini in corso della polizia per capire le origini della caduta, non sappiamo se è stata in pista o fuori pista. Michael era cosciente al momento del trasporto in ospedale e le sue condizioni di salute non destano alcuna preoccupazione”.

Ma secondo i medici la situazione è apparsa subito molto critica, ed è stato necessario un intervento per ridurre l'edema nella parte destra del cranio a cui è seguito il coma indotto per contenere l'emorragia cerebrale. Tuttavia, non si sbilanciano sulle sue possibilità di sopravvivenza. Intanto, oltre alla moglie e ai figli di Schumacher, sono tanti gli amici e i tifosi che affollano l'ospedale per avere notizie sullo sfortunato pilota. 

In un comunicato stampa diffuso dalla famiglia si legge: "Grazie all'equipe medica per tutto quello che sta facendo per aiutare Michael. Apprezziamo il sostegno dei media ma vogliamo chiedere loro di rispettare la nostra privacy e quella delle persone a noi più vicine". 

Michael inizia la sua carriera all'età di quattro anni, alla guida di un kart sul circuito di Kerpen, gestito dal padre. Nel 1984 viene contattato da un imprenditore della zona, Jürgen Dilk, che decide di aiutarlo e così, nel 1988 passò dai kart alle monoposto delle classi superiori. Successivamente partecipa sia al Campionato Tedesco di Formula Ford sia al Campionato Europeo a Göteborg piazzandosi rispettivamente sesto e secondo. Nello stesso anno viene aiutato anche da Gustav Hoecker, concessionario del marchio Lamborghini, a gareggiare in Formula König,  e vince nove gare su dieci.  Nel 1989, Willi Weber decide di fargli siglare un contratto biennale per gareggiare in Formula 3. In seguito passerà al team della Mercedes. L'esordio in Formula 1 avviene nel 1991, con una eccellente prestazione che lo porta a classificarsi settimo e che gli fa chiudere un nuovo contratto con la Benetton dove vince numerosi titoli mondiali. Nel 1996 l'approdo in Formula 1 che lo conferma uno dei più grandi piloti della storia dell'automobilismo. Dopo il secondo ritiro dalla Formula 1, Schumacher decide per il 2013 di tornare a correre con i kart chiudendo idealmente un cerchio. 

Sul suo casco da pilota aveva scritto: "Life is about passions - Thank you for sharing mine." Noi diciamo grazie a te Schumi per aver condiviso con noi la tua passione!


Antonella Di Pietro


Nessun commento:

Posta un commento