PIERO ANGELA RICEVE A MESSINA IL DOTTORATO HONORIS CAUSA - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

 PIERO ANGELA RICEVE A MESSINA IL DOTTORATO HONORIS CAUSA

PIERO ANGELA RICEVE A MESSINA IL DOTTORATO HONORIS CAUSA

Share This

Un nuovo, illustre personaggio entra a fare parte della comunità accademica di Unime: Piero Angela ha ricevuto oggi, in un’Aula Magna gremita, il Dottorato honoris causa in Biologia Applicata e Medicina Sperimentale.

Pioniere di radio e tv in Italia, Piero Angela è un personaggio poliedrico della cultura italiana che alterna la sua attività di giornalista e conduttore televisivo a quella di scrittore e, in particolare, divulgatore scientifico. Ha scritto 38 libri, molti tradotti in diverse lingue fra cui inglese, tedesco e spagnolo. L'ultimo volume è intitolato "Il mio lungo viaggio. 90 anni di storie vissute" (Mondadori 2017).

La cerimonia di conferimento del Dottorato honoris causa è stata inaugurata dalle parole del prof. Salvatore Cuzzocrea, coordinatore del Dottorato di Ricerca in Biologia Applicata e Medicina Sperimentale: “Siamo onorati, in quest’occasione così importante, di ospitare un personaggio autorevolissimo del nostro Paese. La presenza di Piero Angela rappresenta l’occasione perfetta per ribadire che il Dottorato che ho il piacere di coordinare mira a portare avanti l’arte della ricerca, con attività giornaliere che danno la concreta possibilità ai nostri studenti di partecipare al dibattito scientifico internazionale. Ringrazio il dott. Angela perché la nostra passione per le Scienze biomediche deriva anche dal suo lavoro”.

La laudatio è stata tenuta dal prof. Flavio Angileri, associato di Neurochirurgia dell’Ateneo, il quale ha inizialmente ricordato i principali passaggi della carriera del dott. Piero Angela, costellata da successi e grandi traguardi: "Ha iniziato da cronista radiofonico e proseguito con le conduzioni, in particolare, del Tg2. Il 1981, con la nascita di ‘Quark’ e il susseguirsi, sino ad oggi, di programmi simili, rappresentano l'intuizione più grande e provano il suo grande amore per la Scienza.  La sua caratura si percepisce anche da alcune curiosità, basti pensare che un asteroide, identificato negli anni Novanta, ed un mollusco, portano oggi il suo nome. Oltre a riconoscimenti nazionali ed internazionali (tra cui il prestigioso Premio "Kalinga"dell'Unesco per la divulgazione scientifica) è stato insignito della Medaglia d'Oro per la Cultura dal Presidente della Repubblica e dell'onorificenza come Grande Ufficiale - Ordine al merito della Repubblica Italiana. E’ stato tra i fondatori del CICAP, Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, associazione nata per promuovere l’educazione scientifica e lo spirito critico, nonché per indagare sull’effettiva esistenza dei presunti fenomeni paranormali. Il prof. Angileri ha, poi, evidenziato quanto sia facile, oggi, che si diffondano notizie prive di qualsiasi fondamento. "Proprio di fronte a questa deriva, è indispensabile che mondo della scienza e settore dell’informazione siano legati da un rapporto serio e stabile. In tal senso, il dott. Angela ha rappresentato e rappresenta uno dei migliori esempi lottando  contro le pseudo informazioni scientifiche ed ha fatto della divulgazione, chiara e competente, la regola principale del suo lavoro".
Un momento della cerimonia
Piero Angela ha tenuto una lectio doctoralis su “Medicina e Società”. “Innanzitutto – ha esordito - desidero sinceramente ringraziare l'Ateneo per avermi tributato il Dottorato honoris causa. Inoltre, sono stato piacevolmente sorpreso dalla bellezza di questa città. Fin qui ho ottenuto 9 lauree ad honorem, ma mai un riconoscimento di questo livello. Queste onorificenze non mi vengono date di certo per ciò che so, ma per quello che cerco di fare e trasmettere. Condivido idealmente questo titolo con tutti coloro i quali hanno, negli anni, lavorato con me. Il mio amore per i documentari e la divulgazione della scienza è nato a Cambridge, quando ebbi a che fare con lo scienziato Max Perutz, vincitore del Premio Nobel per la Chimica, e con i suoi studi sulla molecola dell'emoglobina. Ho appreso che la scienza non è democratica, perché necessita di accurati controlli e numerose verifiche. Caratteristiche fondamentali per chi ha delle responsabilità verso la collettività. Solo chi ha appreso questa lezione ha diritto di parola in ambito scientifico. E' incredibile come, nel tempo, abbia potuto conoscere i cambiamenti della medicina e della scienza e la loro correlazione con le tecnologie. La macchina di Watson, ad esempio, con la sua intelligenza artificiale è capace di sostituirsi ad un medico. Non solo, grazie a questo rapporto, l'aspettativa di vita umana si è allungata e in futuro aumenteranno gli anziani, ma diminuiranno i giovani a causa della crisi delle nascite. I rappresentanti della gioventù saranno sempre meno e dovranno accrescere le loro capacità per gestire la società. Consiglio loro, per esperienza, di puntare all'eccellenza, di essere curiosi e di amare ciò che fanno, come io amo la scienza e il suo metodo".

La cerimonia è stata conclusa dal Rettore, prof. Pietro Navarra: “Oggi il dott. Piero Angela entra a far parte della nostra comunità accademica e, grazie a lui ed al suo esempio, il prestigio del nostro Ateneo aumenta. Siamo fieri di averlo accolto nel migliore dei modi".

La cerimonia si è tenuta con la media-partnership della RAI.



Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad