ore

Breaking

Post Top Ad

giovedì 30 marzo 2017

SAMSUNG GALAXY S8: IL RE È TORNATO


Il Galaxy S7, in particolare nella sua declinazione “Edge”, fu riconosciuto quasi all’unanimità come il miglior telefono Android in commercio, nonché uno dei migliori nella storia della telefonia mobile. Dimenticata la triste parentesi Note 7, Samsung ci riprova col suo nuovo top di gamma. Fare di meglio rispetto ad S7 Edge sembrava quasi impossibile. Ci saranno riusciti? Continuate a leggere per scoprirlo.

Prima di tutto è necessario chiarire che tipo di smartphone è il Galaxy S8. Come per le varianti “S” di iPhone, questo telefono altro non è che una versione migliorativa del tanto apprezzato Galaxy S7.
Insomma, Samsung sceglie la linea conservativa e anche stavolta sembra aver fatto centro. Miglioramento dunque, la giusta innovazione, ma nessuna rivoluzione copernicana. Come per dire, chi possiede ancora il vecchio modello, S7, potrà restare tranquillamente con quello. Per tutti gli altri il passaggio è più che consigliato.

Perdiamo la dicitura “Edge” nel nome, ma la sostanza non cambia: Samsung decide di presentare ancora due nuovi smartphone, stavolta entrambi con schermo curvo.
Sono lo stesso telefono, ma proposti in due grandezze differenti.

L’hardware rimane sostanzialmente identico.
Il display per ragioni di marketing prende il nome di Infinity, ma rimane un Super Amoled Quad HD, da 5,8” per S8 e addirittura 6,2” per S8 Plus. La novità sta nell’aspect ratio insolito, da 18,5/9, un formato molto particolare e più allungato del 16/9. Insomma, i video e le applicazioni saranno ridimensionabili per poter essere adattati su questo nuovo formato. Il display, inoltre, è praticamente privo di cornici. Supporta l’HDR, come lo sfortunato Note 7.
In realtà la risoluzione effettiva è leggermente diversa: 2960 x 1440 contro 2560 x 1440 dei precedenti modelli. L’opzione di default sarà quella di avere una risoluzione ridimensionata in Full HD+.
  
Samsung sceglie la linea conservativa e anche stavolta sembra aver fatto centro 
 Il processore a bordo è un Exynos 8895. Si tratta di un leggero miglioramento rispetto al precedente, con un processo produttivo a 10nm e quindi in grado di consumare meno energia.
Invariato il quantitativo di RAM, 4GB LPDDR4.
La memoria interna base è di 64GB UFS 2.1 comunque espandibili tramite microsd.

La novità più importante è l’eliminazione del tasto fisico con l’introduzione della nuova navigation bar, una barra di navigazione virtuale. Come ci sono riusciti? Attraverso l’adozione di una tecnologia molto simile al Force Touch di Apple. Insomma, la barra virtuale è in grado di rilevare la pressione del dito e di restituire un feedback in base al tipo di input. Tutto questo a fronte di uno spessore aumentato solo leggermente. Un grande lavoro da parte di Samsung.

La seconda innovazione è Bixby, un nuovo assistente virtuale. Funziona in ben tre modalità, Voice (di fatto è come Siri, sostituisce S Voice), Home (in grado di gestire le informazioni personali) e Vision (sfrutta la fotocamera per offrire contenuti in tempo reale).

La fotocamera sembra rimasta la medesima, con una qualità eccellente nel settore. La frontale però adesso scatta a 12mpx.

I dispositivi mantengono l’impermeabilità IP68.

La novità più importante è l’eliminazione del tasto fisico con l’introduzione della nuova navigation bar, una barra di navigazione virtuale

Rimane il sensore d’impronte digitali, rivisto e migliorato, ma cambia il suo posizionamento: stavolta è sul retro, per ovvie ragioni di design. Presente anche lo scanner dell’iride e il sistema di riconoscimento del viso.

Le batterie avranno una capacità di 3000mAh per S8 e 3500mAh per S8 Plus.

Da segnalare Samsung DeX, una periferica in grado di rendere il vostro smartphone simile ad un pc desktop. Una soluzione molto simile a quella sperimentata da Microsoft con Continuum. La differenza è che sembra funzionare tutto molto meglio e senza fastidiosi lag. Intendiamoci, il sistema operativo resta Android, ma con qualche accorgimento tipo le funzionalità del tasto destro del Mouse (indispensabili per chi ha lavorato in ambiente Windows negli anni ’90), mentre la licenza Microsoft Office sarà a pagamento, tuttavia la produttività sembra sicuramente migliorata.

Samsung rinnova leggermente anche la sua videocamera per la realtà virtuale, la Gear 360 2017. Supporta il 4K, sembra leggermente più leggera e compatta, ma l’apertura focale resta F2.2.
Insomma, sotto il cofano è rimasta sostanzialmente uguale. Cambia però l’impugnatura: la forma non è più sferica, ma prevede un sostegno con un buon grip.

I prezzi sono assolutamente esagerati.
Parliamo di 830€ per S8 e addirittura 930€ per S8 Plus.

Secondo noi…
Il Re è tornato. Samsung ci porta nel futuro con un telefono dal design fresco e parecchi anni avanti alla concorrenza.
S8 è un S7 potenziato e presentato in una veste ancora più accattivante. Sono scomparsi cornici e tasti, c’è più spazio per il display, ma le dimensioni sono incredibilmente diminuite ed è migliorata la manegevolezza.
Un telefono virtualmente senza punti deboli. Per farvi capire, S8+ ha un display enorme da 6,2” ma risulta addirittura più piccolo di un iPhone 7 Plus che ha un display di soli 5,5”.
Unico neo? I prezzi salati.



Bob

bobpausa@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento