CARTE & PITTURE (AMOR VACUI) - INAUGURATA LA MOSTRA DI DEMETRIO SCOPELLITI - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

CARTE & PITTURE (AMOR VACUI) - INAUGURATA LA MOSTRA DI DEMETRIO SCOPELLITI

CARTE & PITTURE (AMOR VACUI) - INAUGURATA LA MOSTRA DI DEMETRIO SCOPELLITI

Share This

Nello studio d'arte Kalòs di Messina è stata inaugurata oggi pomeriggio la mostra "carte & pitture (amor vacui)" dell'artista Demetrio Scopelliti. All'interno della galleria, Scopelliti ha riservato al pubblico una selezione delle sue recenti opere, frutto di un'attenta osservazione e sperimentazione sulla materia, che lo spinge ad esecuzioni estremamente ricercate e minuziose. Le sue opere sono frutto di una pura sperimentazione materica, commistione tra polveri e colla, stucco e pittura, carte bruciate e brandelli di stoffa, che schiacciati ai margini delle opere lasciano spazio al vuoto, innescando una cadenza quasi musicale, ritmata da esecuzioni cromatiche colme di pittura pastosa e pause, i bianchi. 

Opera di Scopelliti
Il suo approccio con i materiali avviene però, al contrario di quel che sembra, in maniera del tutto casuale e istintiva, come ci spiega la curatrice della mostra Emanuela Tropea "è proprio la materia a suggerire il modus operandi all'artista, il quale ne marca i tratti, ne completa le linee, ne delimita i contorni. Basta infatti una carta bruciacchiata ad attrarre la sua attenzione e a far nascere in lui il genio, suggerendogli come proseguire, quasi fosse un'opera incompiuta. E così l'artista procede: seguitando a concludere quell'impronta iniziale, marcandone il segno e facendola sua. A questo punto del suo percorso, risulta semplice notare le differenze tra le precedenti produzioni rispetto alle attuali in mostra: i Frammenti di memoria, all'interno dei quali si rammentano motivi fitomorfi, elementi architettonici come la greca e la voluta, graffiti e numerose incisioni sul sovrabbondante colore materico, tendono ormai a svanire, lasciando spazio ai vuoti, prevalentemente centrali. Il bianco sovrasta la tela e schiaccia ai margini la tanto amata pittura materica, pur sempre dominante: una commistione tra polveri (di quarzo o addirittura provenienti dal terreno natio), colla, stucco, carta bruciata e stoffa a brandelli. Questa compresenza di pieni e vuoti innesca sulle superfici adoperate una cadenza quasi musicale, ritmata da esecuzioni cromatiche colme di pittura pastosa, le quali si contrappongono alle pause dettate dai bianchi".

Locandina


Sarà possibile visitare la mostra "carte & pitture (amor vacui)" dal lunedì al venerdì, dalle 17:00 alle 20:00, e la domenica dalle 10:30 alle 12:45, sino al 25 novembre 2016, presso lo studio d'arte Kalòs di Messina. 




Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad