Caffè Letterario

[caffè letterario][grids]

Spettacolo e Cultura

[Spettacolo e Cultura][bsummary]

Sicilia

[Sicilia][bleft]

Politica

[Politica][bsummary]

Tech Cafè

[Tech Cafè][twocolumns]

TAOBUK PRESENTA "IL DOLORE PAZZO DELL'AMORE" DI PIETRANGELO BUTTAFUOCO

Views:

Il Festival delle “Belle Lettere” di Taormina approda nella Città dello Stretto. L’assessore comunale alla Cultura e allo Spettacolo, Daniela Ursino e il presidente di Taobuk, Antonella Ferrara lanciano da Messina l’anteprima della VI edizione del Taormina Book Festival. 


Mercoledì 24 agosto, alle ore 21.30, al Teatro Belvedere (ex Irrera a Mare) della Fiera di Messina, lo spettacolo “Il dolore pazzo dell’amore”, tratto dall’omonimo libro edito da Bompiani del giornalista e scrittore Pietrangelo Buttafuoco, la cui narrazione in scena si fonde e si alterna alle ballate e alle musiche originali del cantautore Mario Incudine (voce e corde) che curerà la regia, e Antonio Vasta (fisarmonica e organetto), intrecciando una tessitura di note e parole che vanno dalla voce lontana dei carrettieri siciliani alle melodie delle serenate, fino ad arrivare alla Sicilia di oggi con le sue nuove parole e con la sua nuova musica, sempre senza tempo. Lo spettacolo è dunque un felice incontro tra letteratura e musica, com’è nello spirito di Taobuk, il Festival delle “Belle Lettere” ideato e diretto da Antonella Ferrara e Franco Di Mare, che - con le sue mostre e i concerti - celebra al contempo il connubio tra le arti. 

Copertina
Raccontati al modo dei cantastorie, “Il dolore pazzo dell’amore” offre canti di un unico canto forgiati sulla viva carne della memoria popolare, per cristallizzare quelle storie e farne la rappresentazione di un mito sopravvissuto ai tempi bui del mondo. Prima di essere un libro è il teatro della vita popolare, in cui passato e presente si mescolano in un rabbioso andirivieni. E allora la storia si fa prossima: irrompe l'anno della sovversione, il terremoto del Belice e l'altro terremoto delle rivolte studentesche e operaie e negli anni '80 le storie parallele di mafiosi e di commissari di polizia, che lasciano il segno.  Ed ecco il guascone rugbista diventato capomafia o la solare ascesa al cielo degli eroi del milite Zappalà, il soldato che combatte gli invasori e trovò la morte sulla spiaggia di Donnalucata. 

Il libro è un tuffo nel passato dell'autore vissuto nella sua terra, la Sicilia, intrisa di tradizioni e leggende tramandate di generazione in generazione, come le preghiere ai defunti che portano doni e dolcetti, e personaggi come i diavoli, gli angeli, i re, le ninfe, le regine e i vescovi di una mille e una notte. Un racconto che comincia con i passettini dello Scravacchio, ovvero lo scarafaggio di tutti i "Cunti", e si conclude con la rosa dai cento petali che in una notte nera d'aloe fece a gara di liuto con il cipresso d'argento. 

Ma soprattutto c'è l'amore, e "all'amore bisogna credere, sempre. Anche quando ci fa pazzi di dolore". Anche quando l'amore è una lettera d'addio che distilla malinconia. Così prendono vita il musicante che, a differenza del musicista, suona per passione e sa perdersi nella pazzia e trasformare il dolore in musica; la signorina Lia, la zia che non ritiene alcun pretendente degno di lei e amministra la memoria di famiglia curando album di fotografie; lo zio Angelino, elegante cappellano militare che viaggia e frequenta il bel mondo e che, grazie all'amore per Dio, diventa l'uomo della gioia in una terra di lupi. Maestro dell'ironia e della metafora, Pietrangelo Buttafuoco ci accompagna nel suo mondo, scolpendo la fisionomia di un modo di essere uomini fra gli uomini che forse è anch'esso un "Cunto". Perchè l'amore è una trappola di poesia come spiega lo stesso autore "L’amore, anche quando è perduto, resta. È per sempre, l’amore"

Locandina
“Sono felice di organizzare un evento di anteprima del Festival letterario internazionale nato a Taormina ed oggi alla sua sesta edizione. - ha detto l'assessore Daniela Ursino - Mi fa piacere avere condiviso con Antonella Ferrara l’idea di far passare Taobuk da Messina e di essere riuscita ad organizzare lo spettacolo di Pietrangelo Buttafuoco “Il dolore pazzo dell’amore” grazie al sostegno dei privati che sono a favore della cultura. La direzione del mio assessorato è riuscita a portare nella nostra città eventi culturali di grande risonanza e in questo caso ad ospitare Taobuk, organizzando un evento in prima nazionale, che per me rappresenta un grande onore”. Lo spettacolo, con ingresso libero,  è realizzabile grazie agli sponsor COT s.p.a. - Istituto Clinico Polispecialistico Cure Ortopediche Traumatologiche, da sempre a sostegno della cultura, e alla People on the move. 

L’anteprima di Messina anticipa il ricco programma di Taobuk 2016, che si svolgerà a Taormina dal 10 al 17 settembre, con i patrocini istituzionali di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, Agenzia Nazionale per i Giovani, Università di Messina Comune di Taormina, Comune di Messina-Assessorato Cultura e Spettacolo, Città Metropolitana di Messina, Assessorato Regionale Turismo Sport e Spettacolo e Assessorato Regionale Beni Culturali e dell’Identità Siciliana. 


A.D.P.


Lascia un commento
  • Blogger Puoi commentare con Blogger
  • Facebook Puoi commentare con Facebook

Nessun commento :

Salute e Ambiente

[Salute e Ambiente][twocolumns]

Attualità e Cronaca

[Attualità e Cronaca][list]

Opinioni

[Opinioni][bsummary]

Religione

[Religione][twocolumns]