MAI PIU' BULLI: UN CONVEGNO PER SENSIBILIZZARE I MINORI SUL TEMA DEL BULLISMO - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

MAI PIU' BULLI: UN CONVEGNO PER SENSIBILIZZARE I MINORI SUL TEMA DEL BULLISMO

MAI PIU' BULLI: UN CONVEGNO PER SENSIBILIZZARE I MINORI SUL TEMA DEL BULLISMO

Share This

Si è tenuto nella mattinata di ieri presso la Scuola Media Giovanni Paolo II di Fondachello Valdina (ME) il I Convegno “Mai più bulli” organizzato dall’Accademia Cube Art presieduta da Antonella Saracino e dall’Istituto Comprensivo Stefano D’Arrigo. 



Dopo i saluti istituzionali della preside prof.ssa Laura Cappuccio e della presidente della Accademia Cube Art, Antonella Saracino fortemente impegnata nella sensibilizzazione su temi di estremo spessore sociale, ha portato i saluti dell’Amministrazione Comunale il Sindaco di Valdina dott. Gianfranco Picciotto e il Comandante dei Carabinieri di Fondachello Valdina, Carmelo Carbone e il Comandante dei Carabinieri di Roccavaldina, Tindaro Farina. Ha preso la parola l'avv. Giusy Costa, criminologa e moderatrice del convegno, che ha cercato con questo ed altri progetti di contribuire ad informare i giovani sul delicato tema del bullismo e del cyber-bullismo, ha concluso con un invito importante rivolto agli studenti: "Abbiamo il coraggio di parlarne sempre con adulti". Tante le autorità presenti e grande partecipazione degli studenti che hanno dato il loro contributo con un video realizzato dalla classe 5 della scuola elementare e i ragazzi delle medie si sono cimentati nella lettura di due brani sul bullismo e ciber-bullismo e hanno interpretato il monologo scritto da Massimiliano Bruno.

targhe
Interventi poi del dott. Antonio Ruotolo, Capitano dei Carabinieri della compagnia di Milazzo, che ha illustrato i fenomeni di bullismo che si sono verificati sul territorio e l’importante contributo che le forze dell’ordine riescono a dare,  dell’avv. Rosella Nastasi parte attiva della campagna, della dott.ssa Rita Barbieri, Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Barcellona P.G. che ha portato la sua esperienza personale e professionale, sottolineando le figure di reato compiute e infine la dott.ssa Vanessa Scamporlino, psicologa che ha sottolineato che il fenomeno del bullismo deve essere compreso piuttosto che giustificare le azioni dei protagonisti. La bellissima giornata si  è conclusa con la consegna alle autorità intervenute di targhe ricordo  sulle quali era postata una frase "la felicità è un bambino che gioca con la palla" un monito che l'Accademia Cube Art lancia per tornare al gioco pulito senza violenze e in spensieratezza. La grafica della campagna è stata curata dalla dott.ssa Claudia Costa.


Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad