Caffè Letterario

[caffè letterario][grids]

Spettacolo e Cultura

[Spettacolo e Cultura][bsummary]

Sicilia

[Sicilia][bleft]

Politica

[Politica][bsummary]

Tech Cafè

[Tech Cafè][twocolumns]

FORZA NATALE! E' IL MOMENTO DEL SALTO DI QUALITA' PER IL MESSINA CALCIO

Views:

Ciò che nella scorsa estate hanno fatto Natale Stracuzzi, Pietro Gugliotta e Pietro Oliveri non può che rimanere negli annali della storia del calcio messinese. Un autentico colpo di coraggio, questo si un ATTO DI AMORE nei confronti di una città in cui si sono andati perdendo, nel tempo, senso civico e spirito d’appartenenza.



Loro sono andati controcorrente e in una città con il Comune allo sbando e derisa da tutta Italia perchè ancora non c’è il bilancio “preventivo” del 2015, hanno dimostrato con i fatti che ogni cosa si può fare. Anche la più folle ed impensabile. Chi, senza essere mosso da autentica passione, avrebbe messo a repentaglio i propri quattrini per acquisire una società piena di debiti come l’A.C.R. Messina? Sapendo che non solo dovevano garantire un cospicuo impegno per la stagione sportiva ma che avrebbero dovuto mettere le mani in tasca per pagare debiti contratti da altri... In tutto questo contesto, grazie alle scelte effettuate, (vedi gli uomini del management) hanno dato il la ad una stagione che si sta addirittura concludendo in gloria. Con la quasi raggiunta partecipazione alla TIM Cup, la Coppa Italia che conta, e con una squadra che, “repetita iuvant”, è stata messa in piedi in una settimana, che non ha mai fatto il ritiro precampionato, e con un budget ovviamente limitato. E adesso?

In primo piano Stracuzzi e Gugliotta

E adesso è il momento del coraggio. Dell’analisi di coscienza e di un nuovo ATTO DI AMORE. Oggi, chi detiene la proprietà si trova dinanzi la possibilità di allargare la partecipazione societaria ad altri soggetti che certamente sono interessati ad investire nell’A.C.R.. Per carità, se gli attuali soci ritengono di poter andare avanti da soli, ma GARANTENDO INVESTIMENTI E PROGRAMMI DI SVILUPPO PLURIENNALI, che lo facciano. E’ nel loro sacrosanto diritto e da osservatori e tifoseria non potrebbero che ricevere il più assoluto consenso. Ma se, come direbbero a Napoli, l’acqua è poca e la papera non galleggia, allora l’ATTO DI AMORE consisterebbe nel valutare positivamente l’ingresso di nuovi soci nella compagine proprietaria. E così, INSIEME, cominciare a costruire quella società che parte dai campi di allenamento, dalla ristrutturazione del settore giovanile, dall’ottenimento di una concessione pluriennale per l’utilizzo degli impianti, dalla realizzazione di un adeguato sistema di scouting in grado di realizzare nel tempo una sorta di “progetto Udinese” capace di rendere autosostenibile tutta la baracca.

Natale Stracuzzi

Natale Stracuzzi è un uomo buono. Glielo leggiamo continuamente negli occhi che trasudano generosità. Quella stessa generosità che nell’agosto scorso gli ha fatto commettere quella sorta di pazzia. Oggi, con quasi un anno di esperienza sulle spalle, avendo vissuto quanto il mondo del calcio sia complicato e irto di insidie, si ritrova davanti a sè una grande opportunità e deve decidere, insieme ai suoi soci ovviamente, se coglierla o meno. E’ in procinto di scrivere un’altra pagina di storia calcistica messinese. Voglio augurargli di essere in grado di aprire il suo cuore. Di avere la capacità di cancellare egoismi e preconcetti e di pensare solo e soltanto al fine ultimo: il bene del Messina Calcio

E allora, forza Natale!


Reno De Benedetto



Lascia un commento
  • Blogger Puoi commentare con Blogger
  • Facebook Puoi commentare con Facebook

Nessun commento :

Salute e Ambiente

[Salute e Ambiente][twocolumns]

Attualità e Cronaca

[Attualità e Cronaca][list]

Opinioni

[Opinioni][bsummary]

Religione

[Religione][twocolumns]