ore

Breaking

Post Top Ad

venerdì 26 febbraio 2016

#UNGIORNOINPIU 29 FEBBRAIO CONTRO TUTTE LE VIOLENZE DI GENERE

Questo tempo in più, tempo prezioso, potrà essere, per tutte e tutti, quel tempo che troppo spesso non troviamo per riflettere, dibattere, confrontarci, condividere, discutere, parlare e ascoltare quanto ancora oggi - incredibilmente nel 2016 - ci costringe a prendere coscienza delle molteplici forme di violenza. A lanciare #ungiornoinpiu è "Posto Occupato", che dal 2013 contrasta la violenza con la sua campagna di sensibilizzazione.



#ungiornoinpiù è un invito rivolto a chiunque vorrà dedicare un po’ di tempo, fosse anche un minuto, pensando ad esempio a Gisela Mota, la sindaca che lo scorso 2 gennaio, in Messico, ha pagato il coraggio con la sua vita, assassinata a poche ore dalla sua elezione. Una vita dedicata alla lotta per la legalità. In precedenza, erano stati assassinati il marito e il figlio e aveva giurato guerra ai Narcos.
#ungiornoinpiù per pensare alle donne vittime di tratta, agli abusi domestici, alle mutilazioni genitali, alle violenze sui luoghi di lavoro, alle violenze omofobiche e a tutti i diritti negati, ai femminicidi o alle spose bambine.
#ungiornoinpiù per pensare ai profughi e alla loro reale integrazione, ai minori ai quali viene negato il diritto allo studio e alla conseguente dispersione scolastica. Ci racconteremo che esistono accanto a noi vittime invisibili. Se una donna su tre è vittima di violenza, è inevitabile una riflessione.
Per #ungiornoinpiù informeremo sull'importanza del gratuito patrocinio nella difesa delle vittime di violenza. Parleremo di violenza psicologica, economica, verbale e di quella fisica, e approfondiremo anche il tema di quella violenza che subiamo quotidianamente attraverso i mezzi di comunicazione di massa.
#ungiornoinpiù per capire il perché dei fatti di Colonia.
#ungiornoinpiù per incontri nelle scuole, assemblee, presentazioni di libri, concerti, flash mob, proiezioni di film, rappresentazioni teatrali.

Il calendario degli appuntamenti è aggiornabile su Facebook - direttamente dai promotori interessati - alla pagina/evento “29 Febbraio 2016 • #ungiornoinpiu”, raggiungibile anche da QR Code. Le iniziative si svolgeranno in contemporanea in tutta Italia.

Tra le tante adesioni all'iniziativa di Maria Andaloro, ideatrice di Posto Occupato partecipa anche l'avvocato e consigliere comunale Antonella Russo: "Da professionista e donna impegnata in politica, ho deciso di accogliere l’invito partito dalla Campagna “Posto Occupato”, che ha realizzato l’evento “#ungiornoinpiu”, di portata nazionale, e di creare una occasione di incontro e riflessione nella nostra città su una particolare forma di violenza di genere, che è quella sui minori. Per questo motivo, lunedì 29 febbraio, nel salone delle Bandiere del Comune di Messina, dalle ore 10.30 si svolgerà l'incontro-dibattito sul tema: "Minori e loro tutele"

Dopo i saluti istituzionali degli Assessori ai Servizi sociali e alle Pari opportunità del Comune di Messina, dott.ssa Nina Santisi e dott.ssa Patrizia Panarello, interverranno i seguenti ospiti:
-- Avv. Alessio Fasulo, Responsabile del progetto "Frontiera Sud" dell'Associazione "Save the Children", che interverrà sul tema: "Minori stranieri non accompagnati, tutela e iter procedurale";
-- Dott. Giacomo D'Arrigo, Direttore Generale dell'Agenzia Nazionale Giovani, che interverrà sul tema: "Il ruolo dell'Agenzia nazionale Giovani nelle politiche di inclusione per le nuove generazioni";
-- Dott.ssa Clelia Marano, Assistente sociale, che interverrà sul tema: "Il sistema di accoglienza; lo status dei minori migranti”;
-- Avv. Antonio Centorrino, Presidente di "ASS.PE. 93-Camera Minorile" di Messina, che interverrà sul tema: "Tutela legale e tematiche giudiziarie che riguardano i minori".
--Dott.ssa Cettina Restuccia, Assistente sociale, responsabile Area immigrazione e tratta dell’Ass. “Penelope”, che interverrà sul tema: “Minori stranieri vittime di tratta”.
Modera l'Avv. Antonella Russo.
Parteciperà all’evento l’ideatrice di Posto Occupato, Maria Andaloro, che ha lanciato l’iniziativa.


Nessun commento:

Posta un commento