ore

Breaking

Post Top Ad

martedì 19 gennaio 2016

UNA COSTELLAZIONE PER DAVID BOWIE, l'UOMO DELLE STELLE ★

Astronomi belgi hanno reso omaggio a David Bowie, la leggenda del rock morta a 69 anni lo scorso 10 gennaio, dedicandogli una costellazione di sette stelle con la forma del fulmine dipinto sul volto di "Aladdin Sane", incarnazione americana di Ziggy Stardust, nella copertina dell'album omonimo del 1973.



L'omaggio interstellare, che presenta in modo appropriato i corpi celesti in prossimità di Marte, è stato progettato dall'Osservatorio MIRA e dalla stazione radio belga Studio Brussel, PSFK rapporti. Philippe Mollet di MIRA ha spiegato in un comunicato, "Non è stato facile determinare le stelle appropriate. Lo Studio Brussel ci ha chiesto di dare a Bowie un luogo unico nella galassia. Riferendosi ai suoi vari album, abbiamo scelto sette stelle in prossimità di Marte che sono: Sigma Librae, Spica, Alpha Virginis, Zeta Centauri, ASA 204 132, e le Beta Sigma Octantis Trianguli Australis. La costellazione è una copia del fulmine disegnato sul volto di Bowie ed è stato registrato al momento esatto della sua morte ".


"Una quantità incredibile di tributi a David Bowie si svolgono in tutto il mondo attraverso ogni forma di media e con quasi ogni mezzo immaginabile che ci sia," leggiamo nella Pagina ufficiale di David Bowie su Facebook. La costellazione a forma di fulmine, infatti, è solo una parte del tributo astronomico al compianto artista scomparso in seguito ad una battaglia con il cancro. Google Sky ha doppiato Stardust per Bowie permettendo ai fan di creare tributi personali entro i confini della costellazione, che si tratti di nominare un canzone preferita o di lasciare un breve messaggio per ricordare l'eredità di Bowie. Insieme, ciascuno di questi tributi si combinano per illuminare l'interno della costellazione, rendendola facile da individuare nella galassia Google Sky. http://stardustforbowie.be/


Inoltre, il prossimo 28 gennaio uscirà in libreria la seconda edizione di “David Bowie - L’uomo delle Stelle” (Nicola Pesce Editore) di Lorenzo Bianchi e Veronica Veci Carratello la cui pubblicazione era già stata un successo nel 2014 ed era stata prevista la ristampa in occasione dell'uscita di "Blackstar" di Bowie. Ma il grande artista, che ha tenuto nascosta la sua malattia per quasi due anni, è morto improvvisamente pochissimi giorni dopo l'uscita dell'album. Adesso, in tutte le librerie italiane, milioni di suoi fan potranno ripercorrere la sua vita e la sua carriera, sorridendo tra le lacrime, su questa straordinaria biografia a fumetti, vincitrice del premio Cosmonauti 2015. Astronauta perso tra le stelle, alieno venuto dallo spazio, investigatore dell'occulto, smilzo duca bianco, mille identità, un solo uomo. Chi è davvero David Bowie? È questa la domanda a cui nessuno ha mai avuto il coraggio di dare una risposta. Tra ricordi e verità nascoste, tra sogno e realtà, la storia del camaleonte del rock si incrocia con una misteriosa figura che vive in una fortezza tra le stelle. Lorenzo Bianchi e Veronica Veci Carratello con questa graphic novel ci guidano alla scoperta della vita e della carriera artistica di uno dei protagonisti assoluti della scena musicale mondiale, dagli esordi del 1958 fino al ritorno sulle scene del 2013. Un viaggio nei meandri del lato umano e meno conosciuto di David Bowie, in grado di far luce sulla vera identità del Duca Bianco del rock. Un’appassionante graphic novel arricchita da un apparato redazionale che comprende la biografia, la discografia e una gallery dei costumi da lui indossati nel corso della sua carriera.


Una delle voci più originali e singolari nel rock per quasi cinque decenni, David Bowie diviene ben presto una icona anche della moda indossando abiti originali e assumendo molte forme in tutta la sua vita artistica, da astronauta folk-rock sarebbe diventato un androgino dai capelli arancioni, glam-rock straniero (Ziggy Stardust), maestro funk (il Duca Bianco), un amante droga art rocker (gli album di Berlino), una new-wave hit-maker, un rocker duro, un appassionato di techno e un impressionista jazz. Il suo gusto per la teatralità gli valse una legione di fans. Il suo vero nome è David Robert Jones e nasce l'8 gennaio 1947 in un sobborgo operaio di Londra. Di orgini umili, il padre, lavorava per un ente di beneficenza e la madre era una cameriera, inizia a seguire il suo sogno di diventare un artista e comincia a studiare il sassofono all'età di 13 anni frequentando anche una scuola. In seguito ad una lotta con un compagno di classe che lo colpisce con un pugno all'occhio, Bowie si ritrova con la pupilla sinistra dilatata. Un piccolo difetto che però diventerà un segno della sua unicità insieme al suo timbro di voce e alla sua personalità assolutamente inimitabile.


Oltre alla musica si diletta anche in compagnie teatrali. E trascorre del tempo in un monastero buddista in Scozia. Prende il pseudonimo Bowie per evitare confusione con la cantante Monkees Davy Jones. Nei primi anni Settanta inizia a lavorare dietro le quinte per alcuni dei suoi amici. Produce e suona il sassofono in Mott the Hoople All the Young Dudes, scrivendo la canzone principale dell'album. Poi rianima la carriera dell'ex Velvet frontman della metropolitana Lou Reed dandogli un rifacimento glam su Transformer. Durante il suo periodo di Berlino, Bowie lavora anche sulla svolta da solista di Iggy Pop con LPS The Idiot e Lust for Life.


Nel 1972 si fa conoscere al mondo con The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars. Oltre alla title track, "Starman", "Suffragette City" e "Five Years" diventano tra i preferiti del pubblico. L'album diviene disco d'oro negli Stati Uniti nel 1974. Discostandosi dall'idealismo hippie degli anni Sessanta Bowie crea il suo alter-ego, Ziggy, un personaggio sfrontato e arrogante, una canaglia decadente che era anche accattivante per i fan ma che lo stritola. In quel periodo, infatti, fa abuso di droghe arrivando più volte, come da lui stesso dichiarato, vicino all'overdose. Bowie ha mantenuto il personaggio di Ziggy Stardust anche in Aladdin Sane, album del 1973 che conteneva "The Jean Genie", "Drive-In Sabato" e una copertura rag-tag dei Rolling Stones. Nel 1974 ritroviamo il personaggio Ziggy, anche se con altro nome, Halloween Jack, nel concept album Diamond Dogs la cui copertina originale, opera di Guy Peellaert, venne censurata.


Deciso ad "uccidere" Ziggy torna nel 1975 con Young Americans, dove incorpora soul, funk e disco in canzoni come "Fame", ed è co-autore di "Fascination" con Luther Vandross. Brani che faranno parte dell'album Station to Station. Diceva Bowie: "Ascolto Station to Station come se fosse opera di una persona completamente diversa... è un album estremamente tenebroso". Poi si trasferisce a Berlino e inizia la sua collaborazione con l'amico Brian Eno. Nasce la "trilogia di Berlino" comprendente i celebri album Low, Heroes, e Lodger. Bowie, dopo un periodo nero dove si avvicina anche all'occultismo, riesce ad uscire dalla schiavitù della droga per tornare negli anni Ottanta con un rinnovato interesse per la musica più radio-friendly, è il periodo di "Ashes to Ashes". Nel 1981 registra il duetto "Under Pressure" con i Queen, intrecciando la sua voce con quella di Freddie Mercury. Nel 1983 sforna Let's Dance, co-prodotto con Nile Rodgers degli Chic. La collaborazione, che comprendeva il lavoro di chitarra solista da Stevie Ray Vaughan, offriva i singoli "Let's Dance", "China Girl" e "Modern Love". China Girl era in realtà la nuova versione di una canzone che Bowie aveva scritto insieme ad Iggy Pop per il suo album The Idiot. Dello stesso filone dance il duetto con Mick Jagger con "Dancing in the Street".


Malgrado il grande successo che porta Bowie ad uscire dal suo pubblico d'élite per essere conosciuto anche dalla massa, lui stesso descrive quel periodo in modo negativo perchè gli aveva fatto toccare il livello più basso della sua carriera dal punto di vista creativo «Mi ricordo che osservavo la marea di persone e pensavo: "mi chiedo quanti dischi dei Velvet Underground hanno queste persone a casa... ". Mi sentii presto estraniato dal mio pubblico. E fu deprimente, perché non sapevo cosa volessero in realtà». E così il camaleontico David cambia di nuovo pelle nel 1993 per avvicinarsi alla musica elettronica con Black Tie White Noise, sempre co-prodotto con Nile Rodgers. Un album che avrà meno successo commerciale del precedente ma che l'anno dopo viene introdotto nella Rock and Roll Hall of Fame dall'ex frontman dei Talking Heads David Byrne.  La traccia The Wedding Song è dedicata al suo secondo matrimonio celebrato nel 1992 con la bellissima modella Iman Abdulmajid. La coppia ha avuto nel 2000 una figlia Alexandria Zahra "Lexi" Jones ed ha adottato Duncan Zowie Haywood Jones, figlio di Bowie avuto dal primo matrimonio (1970) con Mary Angela Barnett, dalla quale ha divorziato nel 1980.

«La mia natura sessuale è irrilevante. Sono un attore, recito una parte, frammenti di me stesso»

Nonostante i suoi due matrimoni ha sempre aleggiato su di lui il mistero della sua ambiguità sessuale alimentato anche dalle sue dichiarazioni ai media. Lui stesso negli anni '70 si definì omosessuale alla stampa musicale britannica e, nel 1976, uscì per Playboy come bisessuale. "L'errore più grande che abbia mai fatto è stato quello di affermare al settimanale Melody Maker che ero bisessuale", ha detto a Rolling Stone nel 1983, "Ero così giovane e poi stavo sperimentando." Nel 1993 sulla rivista Rolling Stone smentirà definitivamente la voce riguardante la sua bisessualità: «Non mi sono mai sentito un vero bisessuale ma ero magnetizzato dalla scena gay underground. Era come un altro mondo di cui volevo acquistare una quota. Questa fase durò solo fino al 1974, morì più o meno con Ziggy. Davvero, avevo solo fatto mia la condizione di bisessuale. L'ironia è che non ero gay». Sta di fatto che un artista non si giudica in base alla sua sessualità che resta un fatto privato ma sulla sua produzione artistica che, nel caso di Bowie, è stata e continuerà ad essere un riferimento ancora oggi per tanti musicisti.

Nel 1997, ha festeggiato il suo 50° compleanno con un concerto all-star al Madison Square Garden di New York. Dopo un attacco di cuore nel 2004 Bowie si ritira dal tour. La sua ultima apparizione pubblica su un palco risale al 2006. Parallelamente alla sua attività di cantautore si è cimentato anche come attore. Il suo primo ruolo da protagonista è stato quello dell'alieno Thomas Jerome Newton nel 1976 in L'uomo che cadde sulla Terra, un film di fantascienza diretto da Nicolas Roeg e tratto dall'omonimo romanzo di Walter Tevis. Negli anni Ottanta è apparso in una produzione teatrale di The Elephant Man; è stato un vampiro in The Hunger di Tony Scott; ha avuto ruoli nei film Absolute Beginners di Julien Temple, L'ultima tentazione di Cristo di Martin Scorsese e Twin Peaks di David Lynch. Ha interpretato Jareth, malvagio Re dei Goblin nel film fantastico Labyrinth - Dove tutto è possibile di  Jim Henson.


Ultima incursione teatrale dell'artista è stata nel 2015 in Lazarus Off-Broadway diretto da Ivo van Hove che ha come protagonista Michael C. Hall e continua la storia di Newton da L'uomo che cadde sulla Terra. Bowie mantiene il segreto sulla sua malattia, ma ad Ivo van Hove confida che stava combattendo il cancro al fegato e che non sarebbe stato in grado di partecipare a tutte le prove di Lazarus Off-Broadway. "Bowie stava ancora scrivendo sul letto di morte, si potrebbe dire," ha detto van Hove "Ho visto un uomo che ha combattuto come un leone e ha continuato a lavorare. Ho avuto un incredibile rispetto per questo."


Due giorni prima della sua morte, il cantante aveva fatto uscire il suo ultimo album  ★ (pronunciato "Blackstar"), l'8 gennaio, data del suo 69° compleanno. "Ha sempre fatto ciò che voleva. E ha voluto farlo a modo suo e nel modo migliore," ha scritto su Facebook Tony Visconti, uno dei più stretti collaboratori di Bowie dopo la triste notizia "La sua morte non è stata diversa dalla sua vita. Ha fatto per tutti noi una opera d'arte con  ★ "Blackstar", il suo regalo d'addio. Sapevo da un anno che sarebbe andata così ma non ero comunque preparato. Era una persona straordinaria, pieno di amore e di vita. Sarà sempre con noi. Adesso è il momento di piangere".


«Molto di quello che all'inizio mi aveva attratto del buddhismo è rimasto con me, l'idea della transitorietà e che non c'è niente cui aggrapparsi pragmaticamente, che ad un certo punto dobbiamo lasciare andare ciò che consideriamo a noi più caro, perché la vita è molto breve. La lezione che ho probabilmente imparato più di qualsiasi altra cosa è che la mia soddisfazione viene da quel tipo di investigazione spirituale. E questo non significa che voglio trovare una religione a cui aggrapparmi, significa cercare di trovare la vita interiore delle cose che mi interessano» David Bowie

Antonella Di Pietro


Alcune notizie sono tratte da Rolling Stones e dal web.



Nessun commento:

Posta un commento