DAL CAPODANNO ALL'EPIFANIA. TUTTI GLI EVENTI A MESSINA

“Capodanno di Messina”, l'evento patrocinato dal Comune e organizzato dall'assessorato alla Cultura, in collaborazione con la Confcommercio e la IV Circoscrizione prenderà il via dopo la mezzanotte. 



Sul palco allestito a Piazza Duomo artisti locali che aggiungeranno oltre alla musica, tanta voglia di ballare e divertirsi insieme. Ad esibirsi saranno tre formazioni siciliane: il trio “Io mammete e tu” che spazierà dallo swing al pop coinvolgendo il pubblico con medly anni '70 e '80; seguiranno le voci delle “Glorius” che si fonderanno con il rhytm e blues di “Johnny bellebambine”, band che si ispira alle travolgenti musiche dei blues brothers; ed infine Dj set per ballare in piazza sino all'alba. La serata sarà coordinata da Giuseppe Cardullo.

Sempre a partire dalle 00.30, la Galleria Vittorio Emanuele sarà animata dalla musica del gruppo “Penny Wise”. Anche la II e la V Circoscrizione hanno organizzato delle manifestazioni musicali; in particolare per la II municipalità, sabato 2 gennaio 2016, al villaggio Unrra, “Note Colorate”, concerto di voci bianche e giovanili; domenica 3, a Santa Lucia sopra Contesse, concerto dell'Accademia Syntagma Musicum, che si terrà all'interno del presepe vivente nella villetta L. Crespi; lunedì 4, a San Filippo superiore, e martedì 5 a San Filippo inferiore, il coro di voci bianche e giovanili “Note Colorate”; martedì 5 e mercoledì 6, a Forte Ogliastri, organizzato dalla V Circoscrizione, si svolgerà l'evento “Insieme a Forte Ogliastri”; e mercoledì 6, a Villa Cianciafara, il concerto dell'Associazione “Sicilia e Dintorni” per festeggiare l'Epifania. Infine la Biblioteca Comunale e l'Archivio Storico hanno organizzato per martedì 5, alle ore 17, nella saletta 70 posti, al piano terra del Palacultura, “Il Natale nella tradizione Peloritane: tra il sacro e il profano” in collaborazione col Museo Cultura e musica Popolare dei Peloritani, interverrà l'etnomusicologo Mario Sarica, e parteciperà il suonatore di zampogna a paro Salvatore Vinci.


Commenti