ARTE DEL TEMPO REALE AL MUSEO LAB FORMA - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

"Arte del tempo reale" è il sesto appuntamento della Rassegna Contemporary Art in Sicily, che prosegue il suo percorso alla scoperta dell'arte contemporanea siciliana con due mostre in simultanea per le quali è stato edito un catalogo unificato, che comprende una prestigiosa prefazione del critico d’arte bolognese Renato Barilli.



Con l’inaugurazione di "Arte del tempo reale", domenica 15 novembre alle 19, al Museo Lab Forma di Spadafora (ex Museo dell’Argilla), prosegue il programma di eventi di Contemporary Art in Sicily, il primo festival interamente dedicato all’arte contemporanea siciliana. L’articolata esposizione, che si protrarrà fino al 29 novembre, vedrà la compresenza di due mostre: "Nuova generazione. Artisti siciliani under 40", a cura di Katia Giannetto, e "Videorama. La Sicilia sullo schermo dell’arte", a cura di Pasquale Fameli. Sarà possibile visitare le mostre con ingresso gratuito tutti i giorni dalle 16.30 alle 20.30, mentre il sabato e la domenica il Lab Forma sarà aperto anche dalle 10.30 alle 13.00.

"Nuova generazione. Artisti siciliani under 40" vuole essere un'indagine sui diversi codici espressivi di artisti siciliani, giovani ma già affermati, con il loro bagaglio di mostre personali e collettive allestite in giro per il mondo. Diverse le tecniche espressive in mostra: dalla pittura alle installazioni materiche, dalla digital art alla scultura. “Una testimonianza del fermento che anima gli artisti siciliani under 40 e al contempo una lente di ingrandimento per rintracciare eventuali denominatori e codici comuni - come spiega la curatrice Katia Giannetto - per provare a capire se esiste o meno una specifica koinè siciliana, un trait d’union che lega le personalità delle varie provincie isolane, pur nel rispetto dei percorsi e dei linguaggi personali di ciascun artista”.


"Videorama. La Sicilia sullo schermo dell’arte" vedrà la proiezione di 8 installazioni video scelte nel panorama della video arte siciliana dal curatore Pasquale Fameli, giovane critico, studioso della computer e digital art, già affermato a livello nazionale. “Il video è lo strumento più flessibile dell’arte contemporanea - spiega Fameli - perché riesce ad essere sintesi leggera di tutte le tendenze artistiche del ‘900, comprendendo arte astratta, decorativismo, performance. Sarà una mostra eterogenea che intende aprire il dibattito sulla video arte, in Sicilia e nel mondo”.

Inoltre, al Lab Forma verranno proiettate nei giorni delle mostre anche tutte le opere che hanno partecipato al Concorso Regionale Video Art in Sicily. Nel corso dell’evento di chiusura di giorno 29 si svolgerà, inoltre, la premiazione delle tre opere vincitrici del Concorso Regionale di short movie e video arte monocanale. E' possibile partecipare al concorso entro il 14 novembre, inviando le opere video realizzate con qualunque tecnica all’email videoarte.spadafora@gmail.com. Il bando è disponibile nell’Albo Pretorio online e nel sito istituzionale del Comune di Spadafora (www.comune.spadafora.me.it). Tutte le opere inviate faranno parte di una sezione espositiva dedicata. 

Contemporary Art in Sicily - Spadafora è una rassegna voluta dal sindaco di Spadafora, Giuseppe Pappalardo; dal consigliere e supervisore Antonio D’Amico; da Ranieri Wanderlingh, ideatore e consulente artistico del progetto; gli eventi organizzati all’interno del Castello di Spadafora vedono la convenzione con la Soprintendenza ai Beni Culturali di Messina. La rassegna è nata con lo scopo di promuovere e valorizzare il ruolo culturale e aggregativo di due luoghi simbolici per il territorio di Spadafora e per i comuni limitrofi, come il Castello e il Museo dell’Argilla, attraverso un’esplorazione dei diversi linguaggi e dei diversi codici dell’arte contemporanea siciliana.

La rassegna è inserita in un progetto cofinanziato dall’Unione Europea e dalla Regione Sicilia (a cura dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali), nell'ambito dei fondi per lo sviluppo regionale nella linea d'intervento dedicata all'arte contemporanea. Il progetto comprende anche l'allestimento tecnico espositivo del piano terra del Castello Spadafora e del Museo dell’Argilla, con arredi e centro multimediale; l'arredo tecnico del nascente "Museo Forma" con impianto di video sorveglianza, parcheggio e cura del verde, e la realizzazione di prodotti culturali video e digitali.


Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad