ore

Breaking

Post Top Ad

lunedì 21 settembre 2015

A TAORMINA AGGIUNGI UN PASTO A TAVOLA PER TUO FRATELLO

Il 26 e 27 settembre la Comunità Papa Giovanni XXIII sarà nelle parrocchie e nelle piazze di oltre 400 città in Italia con l'iniziativa, giunta alla settima edizione, "Aggiungi Un Pasto a Tavola" per denunciare la tragica realtà di chi ancora oggi muore di fame e testimoniare che, insieme, si può fare davvero qualcosa di concreto per salvare le loro vite. A Messina l'evento mondiale si svolgerà nel Corso Umberto di Taormina. 



"Aggiungi un Pasto a Tavola" porta nelle piazze e nelle chiese di centinaia di città, dal Trentino alla Sicilia, il tema dell'ingiustizia della fame in Italia e nel Mondo con la campagna "Un Pasto al Giorno" che sostiene le realtà di accoglienza della Comunità Papa Giovanni XXIII. Con un piccolo contributo si riceve un pacco di pasta, simbolo di ciò che per molti è “ordinario” ma che per molti è ancora “straordinario”. La pasta non distribuita sarà poi donata alle mense per i poveri della Comunità e di altre associazioni (Caritas, Banco Alimentare, parrocchie, ecc.) in tutta Italia perchè diventi un aiuto concreto ed immediato. Le donazioni raccolte durante "Aggiungi un Pasto a Tavola" si trasformano in pasti, nei centri nutrizionali, nelle mense per i poveri e nelle realtà di accoglienza della Comunità.

Ma non solo in Italia perchè "Aggiungi Un Pasto a Tavola" abbraccia il mondo. L’iniziativa, infatti, si svolgerà anche in dieci Paesi esteri: Svizzera, Germania, Olanda, Inghilterra, Francia, Spagna, Portogallo, Russia, Bolivia e Cile. Questi sono alcuni degli oltre 30 paesi dove la Comunità Papa Giovanni XXIII e "Un Pasto al Giorno" è presente con realtà di accoglienza, comunità terapeutiche, mense di strada, Capanne di Betlemme. In Cile ad esempio dal 1999, nel quartiere di Peñalolen, uno dei più poveri della città di Santiago, c'è il Comedor "Nonno Oreste", una mensa che offre un pasto, spesso l'unico della giornata, a circa 170 persone, fra cui senza tetto e persone in difficoltà. Ma la Comunità interviene non solo nelle periferie del mondo. E' presente anche nelle sedi istituzionali, infatti dal 2006 è accreditata presso l'ECOSOC, il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite. Così, anche quest'anno, "Aggiungi Un Pasto a Tavola" sarà a Ginevra presso l'Onu per sensibilizzare le istituzioni internazionali e dare voce a chi non ha voce.

4 tonnellate di pasta ogni giorno. Ecco il fabbisogno alimentare quotidiano delle 41.000 persone che sono sostenute dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. Una persona che soffre non è un estraneo, ma è un fratello da accogliere in casa e da far sedere alla propria tavola condividendo con lui la vita di tutti i giorni. Perchè sono nostri fratelli le persone che muoiono di fame, che chiedono aiuto, che chiedono di avere voce. Sono nostri fratelli le persone italiane e le loro famiglie che hanno perso il lavoro e ora vivono in strada. I bambini e i ragazzi di strada che incontriamo nelle baraccopoli. Lo sono i profughi che fuggono da vite tremende. Sono tutti fratelli di "Un Pasto al Giorno", un progetto nato nel 1985 da Don Oreste Benzi il giorno in cui capì che per garantire un pasto al giorno ad un bambino malnutrito bastavano 10mila lire al mese. “Quel morto di fame di mio fratello” diventa così la missione della Comunità Papa Giovanni XXIII che accoglie persone che soffrono alla propria tavola come fossero fratelli. 

Una missione che non si fermerà finchè gli ultimi non saranno i primi. 

E tu cosa faresti per un fratello?

Puoi donare:

Con bollettino su CCP n.12148417 
Intestato a Comunità Papa Giovanni XXIII 
Causale: Sostegno Un Pasto al Giorno

Con un bonifico usando il codice
IBAN: IT 41B 033 5901 6001 0000 0008 036 
Intestato a Comunità Papa Giovanni XXIII 
Causale: Sostegno Un Pasto al Giorno

Andando a questo link: www.daicistai.org

Per maggiorni informazioni scrivi a unpastoalgiorno@apg23.org oppure chiama al numero verde gratuito 800-629639. 



A.D.P.


Nessun commento:

Posta un commento