ore

Breaking

Post Top Ad

lunedì 8 giugno 2015

LA POLITICA HA PERSO LE ELEZIONI

Non so chi ha vinto queste ultime elezioni. So però chi le ha perse: ovvero la Politica! Ora che finalmente il sistema si è "americanizzato", come saccenti ed interessati "soloni" da tempo auspicavano, abbiamo raggiunto in Italia il risultato da questi sperato. Ed il risultato è: il Governo della minoranza.



Quando solo, o poco più, del 50% degli elettori vota, ed un partito, uno qualsiasi, raggiunge il 40%, significa che appena il venti percento degli elettori Governa l'ottanta! E qua trovano spazio arrampicatori di ogni sorta e la politica finisce nelle mani di ristrette oligarchie speculativo-finanziarie che distruggono i diritti elementari nella gran parte dei Cittadini e soprattutto azzerano le speranze di poveri, bisognosi, giovani e persone a modo.

Questo avviene proprio perché ai partiti viene a mancare una reale e consistente legittimazione popolare che li possa arricchire e fortificare.

Ed il vero tema di queste elezioni diventa il disgusto della gente espresso con il non voto. Saprà o vorrà qualcuno porre rimedio ed affrontare seriamente il tema? Vista la sterile canea  nella quale il Pd ha vinto perché ha fatto 5-2, F.I. ha vinto perché ha vinto Toti in Liguria, la Lega ha vinto perché Zaia ha stravinto malgrado Tosi, Grillo ha vinto perché ha aumentato le percentuali elettorali e poi hanno vinto, non capisco perché, anche Alfano e  Schifani, ne dubito.

Tutto ciò mi riporta con sgomento ai dibattiti post elettorali di 20/30 anni fa (prima Repubblica per intenderci) ma con attori allora ben diversi e più qualificati rispetto a quelli di oggi e con una situazione politico sociale anch'essa ben diversa. Per fortuna però resta ancora forte la voglia di lottare contro l'interessata imbecillità e contro il "sistema strutturato a forma d'idiota" che ci vogliono propinare come "democrazia avanzata". 

Pietro Currò
Messina 07/06/2015


Pietro Currò, nato a Messina, è stato più volte Assessore Comunale nella sua città e segretario regionale del Partito Repubblicano Italiano in Sicilia, ed è il presidente dell'Associazione Politico Culturale "Agorà" di Messina. Sostenitore dei diritti umani e ambientalista è tesserato nella sezione italiana di Amnesty International e di Greenpeace. Suoi i tanti esposti presentati in Procura per l'amianto presente in alcune baracche di Messina. 

E' anche l'autore di "Caro Sindaco" (Armando Siciliano Editore, 1993), un libro di denuncia sulle incompiute della città di Messina. Prefazione di Enzo Bianco. Interventi di Giuseppe Ayala, Enzo Basso, Mario Bolognari, Pippo Di Stefano, Francesco Mangano, Antonio Mazzeo, Giuseppe Restifo, Salvo Zanghì. Foto di Lillo Massimino, Armando Siciliano, Michelangelo Vizzini.

Una delle frasi preferite di Pietro Currò, nella quale è racchiuso il suo pensiero, è quella di Bartolomeo Vanzetti:
"Voglio un tetto per ogni famiglia, un pane per ogni bocca, un'educazione per ogni cuore, la luce per ogni intelletto"

A.D.P. 

Nessun commento:

Posta un commento