LA BELLE EPOQUE AL TEATRO TRIFILETTI CON "CAFE' CHANTANT" - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

LA BELLE EPOQUE AL TEATRO TRIFILETTI CON "CAFE' CHANTANT"

LA BELLE EPOQUE AL TEATRO TRIFILETTI CON "CAFE' CHANTANT"

Share This

Al Teatro Trifiletti di Milazzo, sabato 23 maggio, alle ore 21, va in scena la commedia brillante in due atti "Cafè Chantant" di Edoardo Scarpetta. 



Vero e proprio capolavoro del prolifico Eduardo Scarpetta, padre dell'indimenticabile Eduardo De Filippo, “Cafè Chantant” punta alla risata trattando uno dei periodi più brutti e difficili del teatro. Ambientata in una Napoli di inizio Novecento, in piena "belle époque", la commedia si snoda tra gli espedienti per campare di un gruppo di teatranti di prosa classica alle prese con la "crisi del settore", a causa dello straripante successo di una nuova forma di spettacolo, appunto il Cafè Chantant. 

Uno spettacolo nel quale si eseguivano piccole rappresentazioni teatrali e numeri di arte varia (operette, giochi di prestigio, balletti, canzoni), in locali dove si potevano consumare bibite e generi alimentari nel corso dello spettacolo. Cafè Chantant, con un forte riferimento legato alla realtà storica dei teatri e alla loro trasformazione, è tutto giocata sull’improvvisazione degli attori classici che si devono cimentare in un nuovo genere d’intrattenimento, reinventando dei nuovi ruoli con personaggi-macchiette: la prima ballerina del can-can, il mago di scena, lo chansonnier dai lustrini malinconici, la bella chanteuse con la mossa. 

Stanche della traballante posizione economica dei loro mariti, causata da romantico idealismo che li inchioda alla loro condizione di “attori classici”, due donne dotate di senso pratico, accettano per tutti e quattro la scrittura in un Café Chantant che, all’epoca di Scarpetta, già si imponeva all’attenzione del pubblico. Dopo le prevedibili resistenze dei mariti, si finisce con l’inevitabile performance che li snatura ma che rende loro il successo perduto. Un pot-pourri di personaggi con le loro miserie e le loro vittorie - tra scappatelle extraconiugali e i problemi della "fame nera” - per un vaudeville alla napoletana, per divertirsi con gusto e riflettere su un particolare momento di crisi etico sociale, facendo qualche dovuto paragone con la società contemporanea. 


Lo spettacolo, allestito al Teatro Trifiletti dalla Compagnia Teatrale "Tabula Rasa", sarà ambientato in Sicilia. Sul palco gli attori: Gaetano Andriolo, Adriano Russo, Rosemary Calderone, Agata Ragusi, Rosario Torre, Giuseppe Cultrera, Giacomo Lo Surdo, Loredana Andaloro e Lycia Rotina

La regia e le musiche sono curate da Patrizia Di Bella. Alla chitarra Marianna Torre. Arrangiamenti musicali di Lycia Rotina. Corpo di ballo Olimpus Floridia. Scenografia di Valeria Italiano e Melina Crisafulli. Costumi di Angela Salmeri. Direttore di scena Mario Lanza. Trucco e acconciature di Andrea Torre e Antonietta Salmeri. Web editor Lorena Sottile

L'evento è organizzato con il patrocinio del Comune di Milazzo.


Antonella Di Pietro



Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad