ore

Breaking

Post Top Ad

venerdì 29 maggio 2015

LA 3^ EDIZIONE DEL MESSINA SEA JAZZ FESTIVAL SI APRE CON UN OMAGGIO A COLE PORTER

Dal 2 al 7 giugno 2015 a Messina è nuovamente Sea Jazz Festival. La manifestazione prevede ogni sera due concerti al Teatro Vittorio Emanuele, con inizio alle ore 21, e poi Jam Session, dalle 23,30 in poi, alla Marina del Nettuno. Direzione e produzione artistica rispettivamente dei Maestri Giovanni Mazzarino e Giovanni Renzo. L’anteprima stasera, 29 maggio, con un omaggio a Cole Porter.



Il Teatro Vittorio Emanuele ospiterà la 3^ Edizione del Messina Sea Jazz Festival che parte oggi, venerdì 29 maggio, ore 21, con “You’re the top”, un concerto dedicato al grande Cole Porter, considerato uno dei più sofisticati musicisti jazz che ha composto dei capolavori come "Night and Day" e "I've Got You Under My Skin" cantati spesso da "The Voice" Frank Sinatra. Il concerto è ideato e orchestrato da Alessandro Lucchetti che si esibirà al pianoforte accompagnato dall’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele diretta dal M° Alessandro Ballista. In programma: "Sogni d'Amore", In the still of the night, You do something to me, Easy to love; "Anything Goes", It’s delovely, I get a kick out of you, You’re the top, Anything goes; "Cos'è l'Amore?", Love for sale, Night and day, Everytime we say goodbye, What is this thing called love?, Begin the beguine; "Kiss Me Kate", Another opening, another show, So in love, From this moment on, Why can’t  you behave, Too darn hot; "Can Can", It’s all right with me, Just one of those things, Let’s do it, I love Paris, It’s all right with me (ripresa); "Roba da Matti", Find me a primitive man, My heart belongs to Daddy, Kate the great, Give him the Oo la la. 

Si inizia martedì 2 giugno, alle 21, con il concerto d'apertura dei "Pluriverso Trio" composto da Cosimo Costantino al clarinetto, Antonino Magazzù al basso elettrico e Angelo Tripodo alla batteria. La serata proseguirà alle 22 con "Piani Paralleli" il nuovo progetto artistico del M° Giovanni Mazzarino (pianoforte e composizione). Una suite scritta per Quartetto e Orchestra da Camera, con Riccardo Fioravanti al contrabbasso e Stefano Brushman Bagnoli alla batteria. L'esibizione sarà accompagnata dall’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele diretta dal M° Paolo Silvestri che ha curato gli arrangiamenti. Special Guest il famoso musicista Jazz, Fabrizio Bosso (tromba e flicorno). "Piani Paralleli", prodotto dalla Jazzy Records, è stato registrato presso la Fazioli Concert Hall e uscirà nel 2016 sia come Album (Vinile e Cd) che come Docufilm sulla musica di Giovanni Mazzarino per la regia di Gianni Di Capua.


Sempre al Teatro di Messina, mercoledì 3 giugno, h. 21, si esibiranno i "No Game 5et" con Daniela Spalletta alla voce, Claudio Giambruno ai sassofoni, Giovanni Conte al pianoforte, Giovanni Villafranca al contrabbasso e Antonio Leta alla batteria. A seguire, h. 22, un altro imperdibile concerto con il Trio Jazz composto da Dado Moroni al pianoforte, Giuseppe Cucchiara al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria. L'introduzione è affidata ai fratelli Giovanni e Matteo Cutello.

Giovedì 4 giugno, alle ore 21, ci sarà la presentazione ufficiale del nuovo lavoro discografico “Inversion” edito dalla Jazzy Records, di Umberto Capilongo. La scelta della Jazzy Records come “casa” per questa sua prima produzione è stato il naturale riflesso dell’amicizia con Giovanni Mazzarino, amico e mentore artistico, che di questo lavoro ha curato gli arrangiamenti, suonando il pianoforte anche in tre delle otto tracce che compongono il disco. È caratterizzato da un elevato tasso di sicilianità anche l’ensamble che dà vita al disco, formato dal pianista Seby Burgio, dalla solida ritmica di Giuseppe Cucchiara al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria (musicista che in Sicilia porta avanti da anni interessanti collaborazioni), più un gruppo di solisti isolani giovani e talentuosissimi: Matteo Cutello alla tromba, Francesco Patti al sax alto e Claudio Giambruno al sax tenore.

Dopo la presentazione di “Inversion”, Umberto Capilongo si esibirà alla chitarra insieme a Francesco Patti, sax tenore, Roberto Mezzatestra, pianoforte, Giuseppe Campisi, contrabbasso e Marcello Arrabito, batteria. Dal Quintet al Quartet, il secondo concerto Jazz della serata (h. 22) vedrà Javier Girotto ai sassofoni, Dino Rubino al pianoforte, Nello Toscano al contrabbasso e Giuseppe Tringali alla batteria.

Venerdì 5 giugno è la volta di Sam Mortellaro al pianoforte con Nicola Caminiti, al sax contralto, Angelo Minacapilli al contrabbasso e Francesco Alessi alla batteria. Inizio concerto ore 21. Seguirà il concerto “George Gershwin, una scala verso il paradiso”, per quartetto jazz e orchestra sinfonica, ideato, arrangiato e diretto da un giovane talento messinese ormai protagonista della scena musicale internazionale, Cettina Donato, che concluderà la serata. Sul palco una star della musica Jazz, Stefano Di Battista (alto sax), insieme a Seby Burgio (pianoforte) stella nascente e già particolarmente brillante del jazz italiano, e ancora Alberto Fidone, (contrabbasso) e Giuseppe Tringali, (batteria), accompagnati dall’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele. Lo spettacolo andrà anche in scena, dal 30 giugno, al Teatro Antico di Taormina


"Molti conoscono Gershwin soltanto per Rhapsody in Blue o Un americano a Parigi o per Porgy and Bess - scrive Cettina Donato nelle sue note di presentazione - mentre i più audaci ricordano il Concerto in Fa o la Cuban Ouverture e la Second Rhapsody. Inoltre Gershwin ha composto centinaia di 'song' che, nonostante non fossero state concepite come canzoni di jazz, sono entrate di diritto e di prepotenza nella storia del jazz mondiale. Per il concerto ho deciso di arrangiare alcune tra le pagine musicali più conosciute di Gershwin e ho cercato di rimanere fedele alle indicazioni che lo stesso Gershwin apponeva sulle partiture originali.”

La direzione organizzativa del Messina Sea Jazz Festival è affidata a Lello Manfredi. La manifestazione è realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Minerva in partnership con l'Ente Autonomo Regionale Teatro di Messina, gli Enti Morali Associazione Bellini e Accademia Filarmonica, la Regione Siciliana, l’Università degli Studi di Messina, il Comune di Messina, la Caronte&Tourist e Marina del Nettuno

Un concerto itinerante fra le due sponde dello Stretto a bordo della nave Vestfold, in programma domenica 7 giugno, dalle 17 alle 22, concluderà il Messina Sea Jazz Festival 2015. L'evento (ad ingresso gratuito), denominato “Strettamente Jazz”, intende essere una grande festa di musica che si svolgerà tra Scilla e Cariddi, per ricordare che il Jazz, Patrimonio dell’Umanità, non è solo musica ma un potente strumento di comunicazione in grado di superare ogni differenza di razza, cultura, lingua e religione. 


A.D.P.



Prezzo biglietti per le serate dal 29 maggio al 5 giugno:
  • Posto:                    Intero:                       Ridotto*
  • I° ORDINE:          € 28,00                       € 23,00
  • PLATEA:              € 25,00                       € 20,00
  • II° ORDINE:         € 18,00                       € 15,00
  • I° GALLERIA:      € 18,00                   € 15,00
  • II° GALLERIA:      € 10,00                    € 8,00


*Per gli abbonati del Teatro Vittorio Emanuele, dell’Associazione Bellini, dell’Accademia Filarmonica e per i possessori della Nepal Card.

Teatro Vittorio Emanuele di Messina. Centralino 090.8966215. Informazioni 090.8966226. Orari di apertura: dal lunedì al sabato dalle 09,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 18,40. La Biglietteria è sempre chiusa nei giorni di festività.

Per acquistare il biglietto online, con carta di credito, senza pagamento di alcuna commissione: www.ticketone.it. Per acquisto attraverso call center TicketOne con carta di credito: 892.101



1 commento:

  1. Che bellezza...,che splendore...! Non occorre andare a New Orleans o percorrere nel tempo quelle 'Ways'...- Messina ha la Voice, the Sound of that sweet overseas...! Tant'è ! Un percorso in Jass che fa brillare gli occhi ed il cuore delle genti vicine e lontanissime... una musica che unisce il globo, potremmo dire ancora : 'We are the People'... we stay all togheter into the dream of yesterday...- Quanto abbiamo sognato in quelle terrazze al sol calante e la luna crescente ed ancor la linda muchacha, sulla guancia ogni motivetto cantato...-Ebbene sì, Messina :merita questo ed altrooo...! Sveglia dunque e ciascuno al proprio posto di 'combattimento'..., senza spade e mugugni...sol un magnifico ,armonioso componimento...- Roberto Lo Presti -

    RispondiElimina