ore

Breaking

Post Top Ad

venerdì 13 febbraio 2015

SYNDONE IN CONCERT OPENING BAND IL MAGNETOFONO

Dopo il successo in Italia e all'estero, la prog-rock band torinese Syndone gioca in casa con un'attesissima performance al Teatro Baretti insieme al trio veneto il Magnetofono.



Venerdì 20 febbraio, ore 21, al Teatro Baretti di Torino nuovo concerto dei Syndone! La gloriosa formazione torinese di new progressive rock, dopo anni di assenza dai palchi, continua nella promozione live del nuovo album Odysséas, pubblicato dalla Fading Records e apprezzato dalla stampa specializzata di tutto il mondo. Dopo il successo degli ultimi concerti, la band gioca in casa con una performance torinese insieme al trio veneto Il Magnetofono, formazione autrice di una suggestiva fusione tra canzone d'autore anni '60, jazz e sperimentazione.


Il lungo cammino dei Syndone, partito alla fine degli anni '80 durante la rinascita progressive e giunto al quinto disco Odysséas, trova un significativo riferimento esistenziale e letterario: il viaggio, il percorso di scoperta e conoscenza, il guardare avanti e altrove come metafora di una musica alla ricerca di qualcosa di nuovo. Il tastierista Nik Comoglio, il vocalist Riccardo Ruggeri e il vibrafonista Francesco Pinetti, dopo Melapesante (2010 e ristampato di recente) e La bella è la bestia (2012), tornano con Odysséas, il loro disco più ambizioso e completo. Ancora una volta un concept-album, con A Oriente in copertina, splendida tela del 1979 di Lorenzo Alessandri, uno dei padri del surrealismo italiano.

Al trio si sono affiancati numerosi collaboratori e due special guest altisonanti, Marco Minnemann e John Hackett. Il popolare drummer tedesco (ha suonato, tra gli altri, con Steven Wilson, Adrian Belew, The Aristocrats, Levin e Rudess etc.) ha registrato tutte le parti diventando qualcosa in più di un semplice ospite. Insieme a lui un altro straordinario musicista: John Hackett, flautista colto ed eclettico, noto soprattutto per la sua collaborazione con il fratello Steve Hackett. 



Nessun commento:

Posta un commento