ore

Breaking

Post Top Ad

lunedì 16 febbraio 2015

LA COMPAGNIA DEI BALOCCHI VA IN SCENA CON IL MUSICAL “IL RE LEONE”

Ne hanno presentato uno stralcio di pochi minuti il 24 gennaio durante “Teatro per amore” (la serata di beneficenza organizzata da Sceluq Ensemble Teatrale il cui ricavato è stato devoluto al Centro d’ascolto Caritas della Parrocchia S. Luca Evangelista) e hanno conquistato l’intera, pienissima platea. Tanto che, a fine serata, decine di spettatori hanno chiesto ufficialmente la data dello spettacolo vero e proprio, prenotandosi. E la data oggi c’è. La Scuola di Musical della Compagnia dei Balocchi andrà in scena con “Il Re Leone” sabato 21 febbraio alle ore 19 al Teatro di Cristo Re a Messina. 



Sul palco giovani e giovanissimi, dagli 11 ai 23 anni: Chiara Caravella e Rebecca Longo (rispettivamente Nala adulta e Nala cucciola), Jeff Valerio Sisti e Giorgio Galipò (rispettivamente Simba adulto e Simba cucciolo), Silvia Santospirito, Bernadette Malaponti ed Enrica La Rosa (rispettivamente Shenza, Banzai ed Ed, le tre jene-capo), Gabriele Casablanca (Rafiki), Nancy Catalano (Sarafi), Riccardo Ingegneri (Timon), Giampiero Santoro (Pumba), Mario Sturniolo (Scar), Marina Buscema, Ilaria Codagnone, Giuliana Currò, Cetty Franchina, Marea Mammano (le jene), Davide Caputo, Cristina Dainotti e Roberto Randazzo (le scimmie), Alessia Di Fiore, Antonella Gravina, Alice Ingegneri e Deborah Panarello (le leonesse), Michela Oteri (il canarino) e Chiara Frisone (il topino). Con loro Alessandra Borgosano (Sarabi), Gianluca Minissale (Musafa), Margherita Frisone (Zazu). Completano il cast tecnico de “Il Re Leone” Mimma Matina ai costumi, Alice Ingegneri, Cetty Franchina e Nancy Catalano al trucco e Simone Lo Presti, che oggi ha 17 anni ed è il tecnico dei “Balocchi” da quando ne aveva 12, al desk audio-luci, con il “nome d’arte” di DJ Biscotto


Dietro le quinte, invece, c’è la “squadra” di esperti-docenti che l’anno scorso ha portato “Un amico in più”, il musical del laboratorio scolastico del liceo Ainis, ai primi premi nazionali: Sasà Neri alla recitazione e alla regia, Agnese Carrubba al canto e agli arrangiamenti musicali, Sarah Lanza alla danza e alle coreografie. Neri, uno dei registi di teatro-scuola più premiati d’Italia, sta anche preparando il “Prometeo incatenato” di Eschilo con il laboratorio teatrale del liceo classico Maurolico di Messina, spettacolo che è stato appena ammesso all’edizione 2015 del Festival internazionale della Gioventù – Gruppo Dramma Antico, di Messene in Grecia, insieme con le “Eumenidi” della Royal Academy of Dramatic Art di Londra e le “Baccanti” dell’University College di Londra. Ma non è tutto. L’appuntamento clou dei “Balocchi” è, infatti, quello con il musical “La Bella e la Bestia” al Palacultura di Messina, in programma per Ascetur 2000 sia nel cartellone scuola (tre giorni a doppia replica in matinée, dal 14 al 16 aprile) sia in serale, il 16 aprile. 

La Scuola di Musical della Compagnia dei Balocchi è nata alla fine del 2014 ma ha già più di dieci anni d’età. La Scuola, infatti, raccoglie il testimone dalla “Compagnia dei Balocchi”, una realtà che ha preso il via all’Istituto scolastico Leone XIII grazie alla lungimiranza e alla sensibilità delle Suore che gestiscono la struttura. L’istituto scolastico dispone, infatti, di un piccolo teatrino, dove Sasà Neri chiese e ottenne di poter realizzare un laboratorio per bambini. Da allora a oggi sono accadute tante cose, ma per rispetto ai giovanissimi allievi del primo anno che decisero il nome del loro laboratorio, tutte le esperienze legate ai “grandi musical per piccoli spettatori” sono rientrate sempre sotto il “cappello” di Compagnia dei Balocchi, mentre, in segno di gratitudine per le Suore dell’Istituto Leone XIII, tutti gli spettacoli dei Balocchi continuano a debuttare nel teatrino della scuola, in repliche dedicate e riservate agli allievi dell’Istituto. Anche oggi che non si tratta più di saggi-studio ma di veri e propri spettacoli.  


“Il laboratorio dei Balocchi si avviò con i figli degli amici e con i miei figli, dieci anni fa. E di colpo la mia vita cambiò completamente. - racconta Sasà Neri - Ogni incontro era ed è una festa. Un mondo di energia si sprigiona da ciascun allievo e da tutto il gruppo. Mi hanno costretto a essere sempre più bravo, sfidandomi con la loro fantasia e con il loro talento. I Balocchi sono travolgenti. Nel frattempo, accanto ai Balocchi hanno cominciato a fare da spalla allievi di altri laboratori da me diretti, più grandi ma sempre giovanissimi. Si aiutano, bambini e ragazzi, ed è davvero splendido vederli lavorare insieme. Nell’ottobre del 2014 abbiamo sentito ch’era giunto il tempo di organizzarci in modo professionale, con insegnanti di canto e di danza. A condividere il progetto, con entusiasmo, passione e, posso proprio dirlo, con affetto, sono oggi Agnese Carrubba e Sarah Lanza, due splendide professioniste. Alle audizioni della Scuola si sono ripresentati alcuni dei “vecchi” Balocchi che non mi hanno mai abbandonato e ragazzi che non conoscevo. La squadra è numerosa, più di trenta allievi. E ogni giorno che passa continuano a sorprenderci per il talento e l’impegno”.

“Lavorare con la Compagnia dei Balocchi è un vero piacere. - sottolinea Sarah Lanza - Ho avuto modo di conoscere i ragazzi durante uno spettacolo e mi ha colpito molto la loro voglia di arrivare allo spettatore. Oggi sto affrontando un percorso che servirà non solo a loro ma anche a me, perché avverto energia, ed io mi nutro di questo. Inoltre mi piace molto la figura del maestro/padre Sasà, riferimento importantissimo per i ragazzi … e come potrei non menzionare la collega Agnese Carruba? Insieme siamo un vulcano in continua eruzione”. Per di più, aggiunge la ballerina e coreografa, “Il Re Leone” è “un musical affascinante ed educativo basato sulla scoperta della vita e sul senso di responsabilità; è una giostra che va tra bene e male eternamente in conflitto. Nel cerchio della vita tutto dipende dalla fiducia in se stessi, dalla speranza e dalla voglia di arrivare. Cadere per poi rialzarsi, questa secondo me è la giusta chiave di lettura. Quando si è piccoli non si riesce a cogliere la profondità di un cartone animato, ma il bello è proprio questo … riscoprirli da adulti”.

“Il mio rientro in Sicilia nel 2012 - ricorda Agnese Carrubba -  mi ha riportata di nuovo all'incontro inaspettato con Sasà, che avevo incontrato già a 14 anni, e in seguito in diversi spettacoli, e che fin da subito mi aveva colpito. Questa volta l’ho incontrato nel laboratorio teatrale del Liceo Ainis. Altrettanto sbalorditivo è stato l'incontro con Sarah Lanza, una ballerina, coreografa e insegnante di danza che ho ‘amato’ dal primo momento che ho visto. Insomma quello dell'Ainis non è stato solo un laboratorio scolastico, è stato un luogo di incontro, di emozioni e di grandi soddisfazioni. E quando decidemmo di provinare i ragazzi per la Scuola dei Balocchi, ne rimasi totalmente affascinata. Tra loro c'erano musicisti, cantanti e attori talentuosi con tanta energia e voglia di fare e ricordo che una delle cose che mi colpì di più fu scoprire che alcuni di loro erano veramente molto giovani e totalmente al naturale, ovvero non avevano mai studiato! Allora mi dissi in uno con Sasà che avrbbe potuto essere l'occasione giusta per costruire qualcosa di ambizioso. La Scuola di Musical costituisce per me la possibilità di dare un reale apporto alla realtà musicale messinese e la cosa più interessante in assoluto è che grazie ai ragazzi, al talento indiscusso di alcuni di loro, ma soprattutto alla loro umiltà e voglia di apprendere, sto avendo l'opportunità di affinare metodi innovativi, come docente di musica e canto, per la memorizzazione e la costruzione di nuove vocalità per grandi organici (20-30 elementi) attraverso l'uso della polifonia (Il Cerchio delle vita) e la creazione di mash-up meno tradizionali, mettendo insieme brani inaspettati (The Lion sleeps tonight/One Love)”.

Sasà Neri è uno dei registi di teatro-scuola più premiati d’Italia. Il “Prometeo incatenato” di Eschilo che ha preparato con il laboratorio teatrale del liceo classico Maurolico di Messina è stato appena ammesso all’edizione 2015 del "Festival internazionale della Gioventù, TeatroScuola - Dramma Antico, Antica Messene”. Sedici le rappresentazioni previste a Messene dal 22 al 29 aprile; tra di esse, oltre al “Prometeo” messinese, solo altre due esperienze non greche: la Royal Academy of Dramatic Art (Londra) con le “Eumenidi” di Eschilo e l’University College di Londra con le “Baccanti” di Euripide. L’anno scorso – anno scolastico 2013-2014 – con “I Giganti della Montagna” del laboratorio scolastico del Liceo classico Maurolico di Messina, Neri ha vinto alla “rassegna delle rassegne” di Serra San Quirico il Sipario d’Argento, primo premio assoluto nazionale. E con il musical “Un amico in più” del laboratorio scolastico del Liceo magistrale Ainis di Messina ha conquistato alla rassegna nazionale Pulcinellamente il primo premio come miglior attore ad Andrea Merenda, il premio speciale della critica allo spettacolo, il premio-selezione per l’edizione 2015 della rassegna di Serra San Quirico. Nel 2012-2013 Sasà Neri ha ricevuto il Premio Orione alla Cultura per il suo impegno con giovani e giovanissimi. “I Giganti della Montagna” ha vinto alla rassegna nazionale Pulcinellamente il premio della critica e il premio-selezione per l’edizione 2014 della rassegna nazionale di Serra San Quirico, nonché il primo premio assoluto e il premio migliore attrice a Giulia De Luca alla rassegna regionale Tindari Teatro Giovani. “Il Canto di Natale” del laboratorio scolastico dell’Istituto tecnico Jaci di Messina  ha conquistato nellla rassegna regionale Tindari Teatro Giovani la menzione speciale per gli effetti scenici. Nel 2011-2012, “Sicily Tragedi” dell’Ainis è stato premiato per la migliore regia e il miglior adattamento teatrale al Tindari Teatro Giovani. L’anno precedente - 2010-2011 – il “Tartufo” dell’Ainis è stato primo premio nella sezione “teatro” per la buona prova di recitazione corale e di alcune individualità, e per l’eccellente lavoro di laboratorio; premio alla miglior attrice a Bernadette Malaponti; premio per la didattica alla professoressa Serena Scuto nella rassegna Pro…Vinciamo, menzione speciale della giuria per “l’efficace resa scenica della sperimentazione meta-teatrale” a Tindari Teatro Giovani, e Medaglia della Camera dei Deputati per l’alto valore artistico e culturale della messinscena.alla rassegna nazionale Teatro Giovani di Altomonte. Nel 2009-2010 l’“Amleto” dell’Ainis ha vinto il premio miglior spettacolo alla rassegna Teatro Scuola a Messina, ; premio alla miglior attrice a Veronica Cuppari\Ofelia alla rassegna nazionale “Pulcinellamente” di S.Arpino a Caserta, e menzione miglior spettacolo degli ultimi 30 anni della rassegna nazionale “Ragazzi in gamba” di Chiusi\Siena. Nello stesso anno “Mare profondo” del liceo Bisazza di Messina ha conquistato il premio miglior spettacolo alla rassegna Teatro Scuola a Messina. E ancora: nell’anno scolastico 2008-2009 “Il Drago” dell’Ainis ha vinto premio “rappresentazione esemplare” ; premio “selezione per Serra S. Quirico di Ancona”;premio “miglior attore” a Michele Falica. a Pulcinellamente; nel 2005-2006 “MammaCattiva” (di Neri) sempre dell’Ainis si è aggiudicato al Tindari Teatro Giovani il premio miglior testo e il premio speciale della giuria, alla rassegna “Teatro Giovani di Campofranco a Caltanissetta” il premio “Miglior prova di Recitazione Corale” e il premio speciale della giuria per “Miglior Testo”, alla rassegna “Pulcinellamente” di S. Arpino di Caserta il primo premio assoluto “Maccus Atellanus” e la segnalazione migliori attrici ex aequo a Veronica Cuppari, Sandra de Domenica e Giusy Maimone. Infine, nel 2004-2005, “Il delirio della pace” (di Neri), sempre dell’Ainis, ha ricevuto nella rassegna Teatro Giovane di Roma il premio miglior testo nazionale il premio migliore prova di recitazione, e nella rassegna Tindari Teatro Giovani il premio speciale della giuria, il premio miglior testo e il premio miglior attrice a Sandra de Domenico.


Agnese Carrubba, cantante, pianista e arrangiatrice per ensemble vocali, è tornata a Messina da un paio di anni dopo una fortunata carriera che l’ha portata in prestigiose location in Italia e all’estero. L’anno scorso è stata esperto esterno per il “laboratorio  musicale”. “Un amico in piu’” con coro polifonico e band  dal vivo e esperto esterno  “laboratorio di canto individuale propedeutico al canto corale” al liceo Ainis. Dal 2012 a Progetto Suono dirige e coordina il Coro di Voci Bianche  e il gruppo vocale “Teen Choir” per ragazzi in eta’ compresa tra 12  e  15 anni e Progetto Voices per ragazzi dai 16 anni in su (socio-istruttore) ed è cantante, pianista e arrangiatrice del gruppo vocale “Glorius”. A Bologna per Studio Media è stata coordinatore e responsabile di produzione per l’Italia progetti editoriali distribuiti da Medusa Video, Cghv, Terminal Video e di progetti distribuiti  in  Francia, Spagna, Inghilterra, Giappone, Usa, Germania, nonché assistente alla produzione (con artisti del calibro di Stefano Bollani, Nicola Piovani, Sergio Cammariere, Fabrizio Bosso, Danilo Rea, Rita Marcotulli , Stefano Di Battista, Vittorio Nocenzi, Avion Travel, Marco Tamburini, Jovanotti) e produttore esecutivo per “Il cantante al microfono” Eugenio Finardi.  E’ stata cantante solista e  corista  nel coro polifonico “Manuel de Falla” dell’Universidad de Granada e corista nel coro polifonico “Concert Women’s Chorus” -  Moores    School Of Music – dell’University of Houston. E’ stata rappresentante dell’area franco-italiana all’ultima edizione del Womex di Copenaghen (2011) per il gruppo musicale spagnolo “Diego Guerrero Y el Solar de Artistas”. E’ cantante solista e corista dei gruppi musicali: Glorius (gruppo vocale a cappella- 2°posto a livello nazionale al Lucca Jazz Donna 2014), Triskéle (gruppo vocale a cappella, finalista  per due volte consecutive alla trasmissione televisiva  X- Factor), Match Music (con cui si è esibita con Mario Venuti, Sagi Rei, Tony Canto), Progetto Suono Choir&Band (band  vocale accompagnata da strumentisti selezionata per una diretta radiofonica su Radio1). Sale sul palcoscenico anche in qualità di attrice, nell’ambito di produzioni teatrali legate al musical. (al Teatro Vittorio Emanuele di Messina come Duchessa ne “Gli Aristocratici Gatti”, direzione musicale di Emanuele Friello e regia di Antonio Gullo, e Drusilla ne “Il gatto con gli stivali”, direzione musicale di Dino Scuderi e regia di Vincenzo Tripodo). Nell’ambito della sua formazione, oltre al tradizionale percorso classico (in Canto Lirico e in Pianoforte), segue corsi di perfezionamento in Canto Moderno e Canto Jazz, in improvvisazione vocale, in arrangiamento e in direzione corale. 

Sarah Lanza, danzatrice, coreografa ed insegnante dalla formazione eclettica, inizia a studiare danza all'età di 6 anni e nel  2005 vince la borsa di studio per frequentare il corso di perfezionamento modern-contemporary  presso il Centro Internazionale della danza e dello spettacolo “Opus Ballet”. Partecipa a numerosi stage avvicinandosi ad alcuni dei nomi internazionali più importanti della danza. Nel 2002 inizia la collaborazione con il Teatro Vittorio Emanuele di Messina che la seleziona per svariati spettacoli tra i quali: La Vedova Allegra (2002),La Traviata (2003),La Carmen (2004),Rigoletto (2005), Ernani (2007),Un Ballo in Maschera (2008), La Traviata (2009), La Carmen (2009), Madama Butterfly (2010),Don Giovanni (2010), Rigoletto (2013). Viene inoltre selezionata per alcune produzioni presso i Teatri greci di Taormina e Tindari (“Medea” 2003 con Pamela Villoresi; “Carmen 2004” “Rigoletto 2013” “Cavalleria Rusticana 2013” “pagliacci  2013”), presso il Palacongressi di Taormina, presso il Teatro Politeama di Palermo (“L’Istoire du soldat” 2006) e Presso i Teatri F.Cilea di Reggio Calabria, A.Rendano  di Cosenza e Politeama  di Catanzaro (“Un Ballo in Maschera” 2005). Inizia ad insegnare nel 2005 presso la scuola di danza Fuoricentro di Lucca, diretta da Elisabetta Fiorino e attualmente  insegna presso numerosissimi centri di formazione siciliani e calabresi in qualità di insegnante di danza classica, modern-contemporary e musical. Docente in numerosi stage internazionali di danza, tra cui “Danza in Fiera” (edizioni 2012 e 2013), vincitrice di concorsi per la migliore coreografia e giurata di vari concorsi di danza. Nel 2011 supera gli esami presso il Centro Sportivo Educativo Nazionale (CSEN) abilitandosi all’insegnamento della danza classica e moderna e nello stesso anno viene nominata responsabile provinciale dello CSEN, settore danza, e tecnico della commissione nazionale di danza. Nel dicembre del 2010 viene selezionata per l’inserimento in Compagnia del Balletto di Calabria, diretto da Massimiliano De Luca e Anna Pignataro,  mettendo in scena gli spettacoli “Corporis” (Produzione 2011) e “Multiverso” (Produzione 2012). Laureata in Scienze e tecnologie dell'arte, della moda e dello spettacolo presso l’università di Palermo. Dal 2010 cura la Direzione Artistica dello Stage Internazionale di danza “Vibrazioni”, con la partecipazione di nomi illustri nel panorama internazionale della danza, e della Compagnia di danza “Vibrazioni dance Company” che ha debuttato presso il Teatro Vittorio Emanuele nell’aprile 2014 con lo spettacolo dal titolo “ConTatto” ottenendo la massima approvazione cittadina; adesso si prepara a debuttare nel maggio 2015 sempre presso lo stesso Teatro con la nuova produzione “Linee d’ombra”. Coreografa ufficiale delle produzioni liriche 2014 “Aida” andata in scena al Teatro Greco di Siracusa, “Pagliacci” e “Cavalleria Rusticana” andate in scena al teatro Antico di Taormina. Nel 2014 partecipa al corso di aggiornamento per insegnanti di danza classica presso l’Accademia del Teatro La Scala di Milano. Ha partecipato  alla Rassegna teatrale Atto Unico in qualità di coreografa e danzatrice con lo spettacolo “Erebo. Il lungo addio” diretto da Auretta Sterrantino e come coreografa con lo spettacolo “Volevo essere brava !” diretto da Paride Acacia. Attualmente collabora con l’Associazione culturale Daf al progetto “Laudamo in Città” curando i movimenti coreografici del laboratorio “Nel paese dei balocchi” ideato e diretto da Angelo Campolo e Annibale Pavone.



Nessun commento:

Posta un commento