FESTIVAL E CHEZ PUB ITALIA AL PALACULTURA. GRANDE KERMESSE PER LA DECIMA EDIZIONE.

Un compleanno speciale, dieci candeline spente all’insegna dell’entusiasmo, di una professionalità difficilmente imitabile e della inesauribile passione per la Musica. Sarà questa la grande festa offerta da Festival Pub Italia, dal 14 al 17 gennaio 2015, che avrà come cornice un palcoscenico di prestigio come quello del Palacultura "Antonello da Messina".



Festival Pub Italia, la rassegna musicale ideata da Franco Arcoraci e prodotta dalle Associazioni Musicali e Culturali "Antares" e "Fucina del Sud" con la direzione artistica dello stesso ideatore, compie 10 anni e per festeggiare ha organizzato una kermesse, in diretta televisiva, che si preannuncia memorabile così come tutte le altre che l'hanno preceduta, con momenti di teatro, grandi nomi e giovani talenti.



La conduzione è affidata ad una della voci più amate della storia della radio che, con il suo charme, ha conquistato le platee più raffinate, a cominciare dal Principato di Monaco: Awana Gana. Cantante, attore e anche chitarrista, Awana Gana è stato conduttore radiofonico e televisivo, nel 1977 assieme a Jocelyn, ha condotto su Telemontecarlo "Un peu d'amour, d'amitié et beaucoup de musique", nel 1978 era a "Domenica In" di Corrado, dal 1979 al 1980 ha condotto "Discoring" insieme a Claudio Cecchetto.


Al Festival Pub Italia, come di consueto, ci sarà un ricco parterre di ospiti che vede, oltre a evergreen come Tony Esposito, Rocco Barbaro, Franco Fasano, Paky dei Nuovi Angeli, Tony Vandoni, Massimo Luca, Alberto Bertoli e Joe Amoruso, anche artisti come Massimo Di Cataldo (già in giuria e special guest della passata edizione) reduce da uno strepitoso successo negli Usa grazie alla sua partecipazione al Festival Della Canzone Italiana a New York che, da quest’anno, ricoprirà anche il ruolo di Direttore Artistico della sezione Compositori del Festival Italian Pop.


E ancora Marcos Vinicius (Testimonial Fao-Onu) che, dopo aver incantato con la sua chitarra le platee di tutto il mondo, approda finalmente in Sicilia; il mago Francesco Scimemi, con la sua incomprensibile prestidigitazione; Marco Carta, Goran Kuzminac, Ugo Mazzei, Saro Venuti, Marco Corrao, Antonio Nicola Bruno, Tony Cercola, Ugo Mazzei, Tony Canto, Peppe Pagano, Renato Villari e tanti altri artisti.


Domani, mercoledì 14, alle ore 19,15, avrà luogo l'inaugurazione “Chez Pub Italia”, un'anteprima offerta da Franco Arcoraci, chef d’Arte e padrone di casa, in esclusiva solo per la grande squadra di addetti ai lavori, agenzie, critici musicali, giornalisti, artisti. "Chez", infatti, vuole essere luogo di incontri, all'interno del Palacultura, per interviste, mostre, salotti culturali, seminari, presentazione di nuovi progetti, esibizioni artisti e anche buffet. Si perchè, durante la manifestazione, una invitante zona buffet, aperta dalle ore 11 alle 2 di notte, delizierà i palati con degustazioni di ogni tipo. Un angolo ristoro per gustare i Forza Blu Energy Drink, sarà riservato a Forza Blu, sponsor ufficiale della manifestazione, che diffonderà e accompagnerà con la sua energia positiva tutto il progetto Festival che attraverserà tutti i pub dalla Lombardia alla Sicilia.


E non poteva mancare il noto giornalista e critico musicale Dario Salvatori, che presenterà l'opera enciclopedica “Il Salvatori 2015”, il più grande dizionario della canzone (sia italiana che internazionale) in due volumi, mai pubblicato in Italia, con oltre 12.000 brani con autori, interpreti, storie e aneddoti.


Inoltre, dal 14 al 17 gennaio, sempre al Palacultura di Messina, sarà visitabile la Mostra Fotografica "Arte e Natura" dell'artista Alfio Bonanno, esponente internazionale della Land Art o “Art in Nature”, considerato uno dei pionieri di arte ambientale. Bonanno ha progettato e realizzato complessi lavori installativi e sculture di grandi dimensioni all’interno di spazi specifici, ambienti naturali e luoghi urbanizzati in perfetta simbiosi tra arte , natura ed ecologia. Nato a Milo in Sicilia nel 1947, tre anni dopo emigra con la sua famiglia in Australia dove studia pittura per poi tornare in Sicilia nel 1965. Dopo aver lavorato a Roma, Bonanno si trasferisce nell'isola di Langeland in Danimarca nel 1975 , dove vive tuttora. Le sue opere sono presenti in numerosi musei nazionali ed internazionali, parchi, città e collezioni private.


Il “battito” del cuore pulsante della Musica Live più tachicardico in Italia inizierà a farsi sentire fin dal 14 gennaio, alle ore 21, con uno spettacolo teatrale che fungerà da aperitivo e porterà in scena il carisma dell'attrice Giusy Venuti protagonista, con il Maestro Gino Accardo alla chitarra, del Recital "Quann’è Sera" con l’attore napoletano Lello Russo e  i musicisti Stefano Sgrò, Peppe Arena, Pino Garufi e Salvo Nigro.



Seguirà la tre giorni totalmente musicale, dal 15 al 17 gennaio, con inizio sempre alle ore 21, orario categorico per la diretta televisiva su Onda tv, Canale 85 del Digitale terrestre.



Giovedì 15 gennaio sarà tributato un omaggio ad un grande artista recentemente scomparso: Pino Daniele. Lo spettacolo titolato come l'album "Terra mia" pubblicato nel 1977, vedrà sul palco del Palacultura, insieme ad altri, uno dei collaboratori storici del cantautore napoletano, Joe Amoruso.



La sera successiva, un altro omaggio ad un grande artista messinese e autore del brano "In fondo al viale" che ci ha lasciato l'anno scorso: Salvatore Trimarchi, che ha ricevuto diversi premi sul palco del Festival Pub Italia. Suoneranno e canteranno per lui dei musicisti che erano anche amici di Salvo.


Su tutto l’occhio vigile della Tv, con dirette, nazionali e regionali,  sul digitale e in streaming in tutto il mondo. Anche la Radio presente attraverso la voce di diverse emittenti. A condurre i collegamenti tv paralleli al Festival sul palco del Palacultura una presenza storica di Pub Italia, quella di Paky Arcella, che dietro le quinte farà simpatiche incursioni fra personaggi e back-stage, coadiuvato da Anita Madaluni, addetto stampa e portavoce dell’evento, che ne curerà gli aspetti più strettamente giornalistici.

Quest’anno anche la Rai dedicherà uno speciale alla kermesse, con un servizio ad hoc per il seguitissimo programma “Tg2 Storie”, per raccontare l'esperienza originale di Franco Arcoraci, patron del Festival, che, quindici anni fa, decise di dedicarsi a una missione parallela a quella di poliziotto, sua professione nella vita, portando il meglio della musica giovanile fuori dai pub, su un palco di grande risonanza.

Entusiasta l'assessore alla Cultura del Comune di Messina, Tonino Perna che, nel corso della conferenza di presentazione della decima edizione della rassegna musicale, ha detto che il Festival Pub Italia "è un progetto dal grande valore artistico che offre un'occasione di crescita professionale a tutti".


Antonella Di Pietro


Commenti

  1. Tanta tanta tantissima musica che scuote gli animi sopiti e ' come quelli che son sospesi'...in una città che chiede armonia ritmo garanzia di cultura,arte e spettacolo in ogni angolo al centro e nei vicoli, sulle scale e sui colli, dentro le barche...le chitarre... i sax nelle abbandonate gallerie a vetri... tamburi lontani sui castelli echeggianti di flauti e violini snelli...grandi personaggi belli...,ricchi d'estro e d'esperienza qui tra noi per raccogliere i profumi delle lindissime zagare e dei novelli Talenti.................-Mercì à tous, Robert Lo Prestì --

    RispondiElimina

Posta un commento