ore

Breaking

Post Top Ad

lunedì 15 dicembre 2014

COMITATO RIFIUTI ZERO TAORMINA: NO AL SISTEMA CARRETTA-CARRETTA

Il Comitato per l’adesione a Rifiuti Zero Taormina, con una nota firmata da Marco Monforte e Gerardo Schuler, chiede al sindaco di Taormina Eligio Giardina di modificare il Piano d’intervento presentato alla Regione Siciliana. 



Nella nota il Comitato Rifiuti Zero Taormina "esprime sconcerto" per le ultime decisioni della Amministrazione Comunale sulla programmazione futura della Gestione Rifiuti che il 30 gennaio del 2014 ha deliberato in Consiglio all’unanimità l’adesione al progetto di raccolta differenziata secondo i principi di “Rifiuti Zero”. 

Il Comitato cittadino sottolinea che "sono seguiti diversi incontri e due presentazioni ufficiali al Palazzo Duchi di S. Stefano:
  • Il 19.09.14 il Sindaco ha presentato ufficialmente alla cittadinanza, assieme ai vertici di Messinambiente, il progetto RD di Messinambiente basato sui principi “Rifiuti Zero”.
  • Il 12.11.14 i vertici di Messinambiente, in presenza degli Assessori taorminesi al ramo, hanno esposto alla cittadinanza il piano dettagliato della RD annunciandone la fase di inizio già per gennaio 2015.

Due giorni dopo, invece, il 14.11.14  - prosegue la nota - con Delibera GM 2014 n. 048 il Comune ha inaspettatamente inoltrato alla Regione Siciliana un Progetto di RD totalmente diverso, assolutamente non coerente con i suddetti principi. Un cambiamento di rotta effettuato senza neanche informare il nostro Comitato che ha fin qui collaborato con senso civico, ma che ora sembra essere stato usato più che altro come alibi. 

Non si riescono a capire le intenzioni reali dei promotori/firmatari della Delibera GM 2014 n. 048, visto che il Comune da una parte ha firmato un contratto di proroga di 12 mesi+6 riconfermando il servizio a Messinambiente, ma allo stesso tempo la sconfessa presentando un progetto diverso, in netto contrasto con il progetto di quest'ultima ed anche con la volontà più volte espressa dai cittadini e dalle associazioni che rappresentiamo.

Il Progetto originale presentato dal Comune e da Messinambiente, al quale il nostro Comitato Cittadino ha collaborato attivamente, prevedeva il sistema “Porta a Porta” e le Isole Ecologiche. Lo stesso Progetto, e il conseguente Piano di Intervento, consentiva inoltre di accedere a finanziamenti regionali, già approvati per ca. Euro 180.000.

Il nuovo Piano di Intervento, presentato dalla Amministrazione Comunale alla Regione Siciliana il 14.11.14 presenta molte criticità che segnaliamo:
  1. prevede il sistema RD “carretta-carretta”, che non è un metodo di raccolta porta a porta ma un metodo di prossimità, cioè fatto di postazioni dove i singoli cittadini devono andare, in determinati giorni e orari, a conferire i loro rifiuti in modo differenziato, perché esisteranno“zone dove non verrà effettuatala raccolta porta a porta”. E' chiaro che quei "punti" dove si ferma in giorni e orari stabiliti ilmezzo con l'operatore per la raccolta, sono soggetti a diventare discariche abusive. Inaltre località in cui si è tentato di applicare questo metodo diraccolta il risultato è stato proprio questo. Asserire che ilmetodo “carretta-carretta” è un sistema “porta a porta” è un falso.
  2. é previsto solo per Taormina centro e Trappitello. Per tutte le altre zone, compresa Taormina-Mare è previsto con cassonetti stradali, esattamente come oggi.Così continueremo ad avere le discariche abusive lungo lestrade da cui passano anche gli abitanti dei comuni vicini.


Si rende molto più improbabile il finanziamento regionale già deliberato,  - si legge ancora nella nota - perchè il nuovo progetto è palesemente privo di quei requisiti essenziali inseriti dettagliatamente nel Piano UC di Legambiente/Associazione Albergatori, che invece era un vero “porta a porta” e la fonte della richiesta di finanziamento già approvato. Inoltre, trattandosi di una specifica modalità di raccolta con l'indicazione di particolari strumenti e mezzi, brevettati dalla stessa ditta che detiene il brevetto del progetto “carretta-carretta”, potrebbe limitare la trasparenza e la concorrenza al momento dell'appalto a gara.

Il Comune di Taormina è liberissimo di decidere di quale Società servirsi per la Gestione della RD, ma destano preoccupazione non solo le motivazioni della inaspettata scelta, ma anche la probabile tempistica, con l'appalto da indire a stagione turistica iniziata con il rischio concreto di una prospettata emergenza rifiuti.

Per questi motivi, - concludono i rappresentanti del Comitato Rifiuti Zero Taormina - chiediamo al Sindaco di Taormina di apportare modifiche al Piano d'intervento presentato alla Regione Siciliana, per garantire una maggiore coerenza con una gestione dei rifiuti secondo i principi sottoscritti di “Rifiuti Zero”: un porta a porta vero, moderno, sostenibile,adeguato alle caratteristiche peculiari della nostra città, che inizi a funzionare nei tempi previsti,cioè prima dell’inizio della prossima stagione turistica, e che consenta l'accesso ai finanziamenti già stanziati e che rischiamo di perdere".


3 commenti:

  1. Egregia redazione,
    in relazione a questo articolo:
    http://magazinepausacaffe.blogspot.it/2014/12/comitato-rifiuti-zero-taormina-no-al.html
    a seguire, chiedo di replicare con FATTI documentati, rispetto a chiacchiere, peraltro, si rileva, al limite della diffamazione.
    In questo articolo si arriva a scrivere:
    ..."E' chiaro che quei "punti" dove si ferma in giorni e orari stabiliti ilmezzo con l'operatore per la raccolta, sono soggetti a diventare discariche abusive"... (!!!???). ..."In altre località in cui si è tentato di applicare questo metodo di raccolta il risultato è stato proprio questo". ???
    QUALI? DOVE?...
    Perchè non si indica dove sarebbero successi questi disastri?
    ...
    "Asserire che il metodo “carretta-carretta” è un sistema “porta a porta” è un falso."
    Chi lo asserisce di grazia?
    Porta a Porta e Carretta Caretta sono metodi complementari, sostitutivi dei sistemi stradali.
    Peraltro e non a caso, il metodo Carretta Caretta è citato a pagina 127 del vigente Piano rifiuti regionale
    e meglio ancora precisato nell'allegato tecnico n°6: le informazioni sono sul sito e nel Piano predisposto da Regione Sicilia fin dal 2010 e adottato dal Ministero dell'ambiente nel 2012.

    Prego chi ha scritto cose così inesatte (eufemismo) di provare a informarsi invece di "sentenziare" (peraltro a casaccio), e di aprirsi al confronto con chi si occupa di rifiuti per mestiere, con l'intento di ridurre costi e impronta ecologica a carico degli Enti locali.

    Esempi minimi, persino ridondanti ma per far capire di cosa si parla in concreto, al di fuori della Sicilia:
    http://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca/2015/01/21/news/rifiuti-porta-a-porta-la-citta-e-da-record-trevigiani-promossi-1.10711184
    http://www.contarina.it/cittadino/raccolta-differenziata/ecobus
    ...in collaborazione con il sistema Carretta Caretta
    http://www.wormitalia.com/Worm/Carretta.html

    Note
    sono gli Enti locali a predisporre Piani, Contratti di servizio e Regolamenti rifiuti a termini di Legge.
    Il gestore del servizio di raccolta e spazzamento esegue il contratto assegnato sotto il controllo delle Autorità a seguito di gare o affidamenti nei termini previsti dalla Legge.
    (si segnala sommessamente l'Iter tecnico amministrativo seguito da città come Montalbano Elicona, Modica, Troina, e i 3 comuni sull'Isola di salina, tutti con Piano di intervento approvato dai competenti uffici del dipartimento acqua e rifiuti della Regione Sicilia.
    Recentemente si è aggiunto il Comune di Vittoria, che attende il parere della Regione al Piano presentato).

    Cordiali saluti, Roberto Pirani
    legale rappresentante Worm snc
    www.wormitalia.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile avv. Pirani, quello pubblicato è un comunicato diramato dal Comitato Rifiuti Zero Taormina a tutte le testate. Come questa http://www.vaitaormina.com/taormina-monforte-e-schuler-comitato-rifiuti-zero-sconcertato-dalle-ultime-decisioni-dellamministrazione-comunale/ Siamo sempre a Vostra disposizione per eventuale replica da pubblicare nel nostro blog. Cordiali saluti. Antonella Di Pietro

      Elimina
  2. Gentile DiPietro la ringrazio
    per aver favorito la replica.
    Se crede, e le riesce, sarebbe così gentile da farla avere a chi aveva inviato il comunicato?

    A vostra disposizione per eventuali approfondimenti.
    Non sono Avvocato comunque, ma un tecnico del settore rifiuti, peraltro impegnato nella
    Rete nazionale rifiuti zero (...) fin dal 2003.
    Roberto Pirani
    Legale rappresentante Worm snc
    www.wormitalia.com

    PS
    sempre a proposti di adozione del metodo Carretta Caretta ove adatto, si segnala:
    http://www.comune.modica.gov.it/content/gara-dappalto-rifiuti-soldi-urbani-inviati-gli-atti-allurega
    (...)
    Piano di intervento approvato dalla Regione e Gara europea in itinere

    RispondiElimina