TEATRO VITTORIO EMANUELE DI MESSINA: ORCHESTRALI E MAESTRANZE A RISCHIO - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

TEATRO VITTORIO EMANUELE DI MESSINA: ORCHESTRALI E MAESTRANZE A RISCHIO

TEATRO VITTORIO EMANUELE DI MESSINA: ORCHESTRALI E MAESTRANZE A RISCHIO

Share This
Nonostante il sindaco di Messina, Renato Accorinti, si sia dichiarato dalla parte dei lavoratori precari, il CdA del Teatro Vittorio Emanuele di Messina vorrebbe approvare il Regolamento che porrebbe gli orchestrali e le maestranze fuori dall'organico del Teatro. 


Ma i consiglieri comunali Luigi Sturniolo e Nina Lo Presti, ex Cambiamo Messina dal Basso - movimento che ha sostenuto Accorinti nella sua corsa a sindaco - e ora approdati nel Gruppo Misto non ci stanno. E hanno intenzione di restare a fianco dei lavoratori non stabilizzati dell'E.A.R.

Sostegno anche da parte della segretaria generale della Funzione Pubblica Cgil Messina, Clara Crocè la quale ha annunciato che "non si tirerà indietro e che sarà accanto agli orchestrali ed alle maestranze in vertenza con il Teatro Vittorio Emanuele" alla luce della probabile approvazione della bozza di regolamento che penalizzerebbe più di 40 lavoratori del Teatro.

Secondo il professore d'orchestra Giampiero Cannata "il sindaco Accorinti, dopo aver parlato con il membro del CdA Totò D'Urso, ha garantito il blocco del nuovo regolamento interno del Teatro redatto dall'attuale Sovrintendente, ma nei fatti il presidente Maurizio Puglisi - aggiunge Cannata - continua inesorabile nella sua marcia".

Per sapere se il primo cittadino ha intenzione di opporsi o meno al suddetto regolamento, non resta altro che aspettare domani, dopo l'incontro previsto a Palazzo Zanca, alle ore 18:30, con il sindaco Accorinti insieme ad una delegazione degli orchestrali e delle maestranze dell'Ente Teatro di Messina.

Intanto, due componenti del CdA, Laura Pulejo e Totò D'Urso spiegano che “Siamo stati costretti ad autosospenderci in autotutela dal momento che nonostante l’appello di Accorinti, il presidente ed il resto del Cda non hanno inteso ragioni ed hanno avviato la discussione sul regolamento. A questo punto ci chiediamo come possa essere ignorato un invito ad attendere almeno l’incontro di domani soprattutto quando questo invito viene dal primo cittadino. Ci autosospendiamo fino a quando non ci sarà un incontro chiarificatore tra Accorinti e il Cda, anche perché il presidente Puglisi ha sostenuto di non aver avuto alcuno stop dal sindaco su questa vicenda”

Guarda i video proposti da Voce di Popolo, andati in onda su TGNEWS Tirrenosat, di Giuseppe Bevacqua.


A.D.P.

Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad