Breaking News

STAGIONE CONCERTISTICA 2014/15 ACCADEMIA FILARMONICA E ASSOCIAZIONE ''BELLINI''

Domani, giovedì 9 ottobre, ore 11:15, presentazione della 66ª Stagione Concertistica dell'Accademia Filarmonica e della 58ª Stagione Concertistica dell'Associazione Musicale "Vincenzo Bellini". La conferenza stampa si terrà nella Sala Sinopoli del Teatro Vittorio Emanuele di Messina.


L'Accademia Filarmonica di Messina e l'Associazione Musicale "Bellini", di nuovo insieme da quest'anno in un cartellone unico, molto ricco e variegato, con ben 37 Concerti in abbonamento. Da ottobre a maggio la Stagione Concertistica 2014/15 vedrà nomi eccellenti del panorama musicale nazionale e internazionale sia di musica classica sia di musica jazz ed etnica: da Ramin Bahrami a Enrico Rava, dai Quintorigo a Santi Scarcella, dall'Orchestra Ars Musica con le 4 stagioni vivaldiane all'Orchestra Afflatus, da Chiara Taigi, regina della lirica italiana, che sarà protagonista con la mezzosoprano Emy Spadaro, nel meraviglioso "Stabat Mater" di Pergolesi, ai solisti dei Berliner Philarmoniker, dall'Orchestra Tzigana di Budapest alla Camerata RCO Royal Concertgebow, solo per citarne alcuni.


Gli eventi in programma saranno illustrati domani dai Presidenti dell’Accademia Filarmonica e dell'Associazione "Bellini", Marcello Minasi e Giuseppe Ramires, insieme al neo direttore artistico dell’Accademia Filarmonica, Grazia Maria Spuria. Il presidente del Teatro Vittorio Emanuele, Maurizio Puglisi e il direttore artistico della sezione Musica, Giovanni Renzo porteranno il loro saluto inaugurale.


La Stagione Concertistica sarà inaugurata sabato 25 Ottobre, alle ore 21:00, al Teatro Vittorio Emanuele con il giovane pianista iraniano Ramin Bahrami, considerato tra i massimi interpreti del grande compositore tedesco Johann Sebastian Bach, riconosciuto universalmente come uno dei più grandi geni nella storia della musica.





A.D.P.


1 commento:

  1. La Storia della Musica in un formidabile gemellaggio tra Associazioni siciliane di alto spessore. Numerosi ed intensi i saggi proposti nel cartellone. Vorremmo tutti correre ad ascoltare, applaudire,apprendere, disegnare col cuore in alto ,le note già vaganti nel nostro storico e rinnovato Teatro: 'V.Emanuele' in Messina -

    Roberto Lo Presti

    RispondiElimina