ore

Breaking

Post Top Ad

martedì 14 ottobre 2014

MALTA-ITALIA 0-1. GOAL DI PELLE'

Malta-Italia 0-1: Vittoria con goal di Pellè al debutto, ma stavolta la Nazionale stecca.


Finalmente è venuto il momento di Graziano Pellè, il bomber giramondo, che ha sempre fatto bene nei campionati esteri, ma che - misteriosamente - è stato sempre snobbato dalla sua patria. Arriva in Nazionale a 29 anni e bagna l'esordio con un goal, quello decisivo, di rapina, da attaccante di razza. Lui c'è. Gli altri decisamente meno.

Il C.T. Antonio Conte presenta alcune novità nella formazione. C'è un cambio in regia: riposo per Andrea Pirlo e spazio per Verratti, suo erede spirituale. Attacco affidato al duo Immobile-Pellè, con Zaza in panchina. A centrocampo i muscoli di Candreva e la duttilità tattica di Marchisio. La difesa rinuncia a Ranocchia, ma trova Darmian, assieme a Chiellini e Bonucci. A sinistra Pasqual

La Nazionale parte forte, vuole ottenere subito il vantaggio. Ma il gioco latita. Il primo quarto d'ora è imbarazzante. Al 18' Pasqual serve Pellé con un cross: l'attaccante colpisce di testa, ma centra la traversa. Successivamente, Chiellini, sempre pericoloso sul fronte offensivo, colpirà un palo.

Al minuto 23' Pellé è il più lesto di tutti nell'aggredire la palla e spedirla in rete. È un goal furbo, di puro istinto, roba che porta alla mente le gesta di Filippo Inzaghi. 0-1.

Dovrebbe essere una rete preziosa per cambiare le sorti della partita. Qualcuno avrebbe tranquillamente scommesso su una probabile goleada. Eppure, le cose non vanno per il verso giusto. L'Italia non cambia. Anzi, continua a giocare allo stesso modo e peggiora col passare del tempo. Gli sviluppi successivi sono incredibili. 

Mifsud entra scomposto su Florenzi: è fallo, forse da ammonizione. Per l'arbitro, invece, è inspiegabilmente cartellino rosso. Avversari in dieci. A disposizione ci sarebbe pure un altro tempo per fare almeno un altro goal, quello della sicurezza. 

Eppure, le cose continuano ad andare male. La nostra Nazionale non riesce ad approfittare della superiorità numerica, i nostri avversari chiudono bene gli spazi e non arrivano altri goal. La delusione è perfettamente leggibile sul volto del C.T. che sa bene che stavolta qualcosa non ha funzionato.

Il secondo tempo è ancora più triste. A un quarto d'ora dal termine l'arbitro decide, sbagliando nuovamente, di compensare la decisione errata del primo tempo. Bonucci commette fallo su Schembri: cartellino rosso per noi e parità numerica ristabilita. La partita finirà senza ulteriori emozioni.

Sicuramente una prestazione deludente considerando l'avversario non certamente irresistibile. Critico Claudio Marchisio, secondo il quale "L'Italia è molto più forte del Malta, ma avrebbe dovuto dimostrarlo sul campo"

Antonio Conte, invece, preferisce parlare di numeri e sottolineare come "Questa Nazionale ha vinto quattro partite su quattro e siamo primi nel girone. È un passo avanti rispetto al disastroso Mondiale"

Resta il fatto che questa squadra ha dato l'impressione di aver fatto un passo indietro. Per il momento, ci godiamo i punti (e le vittorie). 


©Bob


Nessun commento:

Posta un commento