ore

Breaking

Post Top Ad

sabato 11 ottobre 2014

ITALIA-AZERBAIGIAN 2-1: VINCONO GLI AZZURRI. CHIELLINI ASSOLUTO PROTAGONISTA

Sembra che sappia solo vincere l'Italia di Conte. Eppure, stavolta, non è filato tutto per il verso giusto. Allo Stadio "Renzo Barbera" di Palermo la squadra ha faticato, e anche tanto, contro un avversario non certo irresistibile, ma a risolvere la situazione ci ha pensato il protagonista meno atteso, ovvero un difensore, Giorgio Chiellini.


La Nazionale ritrova il suo regista, Andrea Pirlo, che ha ammesso di essere tornato solo per la presenza in panchina di Antonio Conte. Tornano anche Marchisio e Chiellini. In difesa, oltre a Bonucci, è titolare Ranocchia. La coppia d'attacco è la "solita" di questa gestione: Immobile-Zaza. Due attaccanti moderni (così li definirà Giovinco a fine partita), in grado di fare bene la doppia fase. 

Stavolta però le punte azzurre resteranno a secco, offrendo una prestazione al di sotto delle aspettative. La partita è assai sofferta. Giorgio Chiellini trova un bel goal di testa, al minuto '44. Il portiere esce male e non può nulla. 1-0.

Il pasticcio arriva alla mezz'ora del secondo tempo. La difesa è messa male, Buffon sbaglia il tempo e Chiellini stavolta la combina grossa accompagnando il pallone dentro la porta (quella sbagliata!). È un autogoal clamoroso, quasi comico, che lascia tutti di sasso, avversari compresi che mai avrebbero pensato di poter pareggiare. Non avevamo subito in porta. 1-1. È una doccia fredda.

Ma l'Italia ha carattere, non si scompone. Sarà Giovinco a servire bene Chiellini che si esibirà ancora nella sua specialità, il colpo di testa. È goal, quello definitivo del 2-1, della vittoria.

A fine partita, il protagonista della serata, Giorgio Chiellini non potrà che dire con un sorriso: "Ho fatto tutto io". Ma dopo la battuta il difensore azzurro torna serio e offre uno spunto di riflessione interessante, sottolineando come "le palle inattive siano strane" e che una di queste ci sia costata l'eliminazione nella partita al Mondiale contro l'Uruguay. 

Ci sarà tempo per trovare il bel gioco. Nel frattempo, il gruppo ha dato segnali positivi ed è sembrato piuttosto unito. La conferma migliore arriva da Giovinco, parso in grande spolvero, autore di un gran finale di partita e sfortunato nel colpire una traversa. 

Intanto l'Italia di Conte si gode i suoi 6 punti, frutto di due vittorie ed un primato nel girone, condiviso con la Croazia.


©Bob

Nessun commento:

Posta un commento