VICESINDACO SIGNORINO SMENTISCE "IPOTESI DI FRIZIONE" CON CIACCI - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

VICESINDACO SIGNORINO SMENTISCE "IPOTESI DI FRIZIONE" CON CIACCI

VICESINDACO SIGNORINO SMENTISCE "IPOTESI DI FRIZIONE" CON CIACCI

Share This
In merito a notizie stampa diffuse oggi, il vicesindaco e assessore al Bilancio del Comune di Messina, Guido Signorino, ha precisato che: “Smentisco nella maniera più categorica ogni ipotesi di frizione da parte della Giunta (o da parte mia) nei confronti del commissario liquidatore di Messinambiente, Alessio Ciacci". 

Guido Signorino
"Ciacci è stato voluto da questa Amministrazione - ha proseguito Signorino - alla guida di Messinambiente per le sue elevatissime e ampiamente riconosciute competenze nella programmazione e gestione dei servizi ambientali. Siamo certi che con lui il servizio di igiene pubblica a Messina potrà elevare il suo standard, giungendo a livelli di eccellenza e portando Messina in linea con le migliori esperienze di gestione del ciclo dei rifiuti. In questa prospettiva, la fiducia che tutta l’Amministrazione comunale ripone nell’operato di Ciacci è completa. Ciacci ha ereditato un’azienda allo sbando, che necessita di interventi strutturali fondamentali, e sta facendo un lavoro durissimo che conduce in piena autonomia, ma in costante raccordo con l’assessore all'Ambiente, Daniele Ialacqua. 

Certamente i limiti entro cui agisce sono molto stringenti, dovendo conciliare la necessità di avviare azioni di tipo liquidatorio e quella di riorganizzare un servizio ed una macchina aziendale che richiedono investimenti ed interventi radicali in un contesto nel quale difficilmente superabili si rivelano i vincoli derivanti dal <piano industriale> vigente. L’Amministrazione ha conferito risorse miranti a regolarizzare alcune posizioni contributive ed ha individuato posizioni debitorie pregresse del Comune verso Messinambiente. Allo stesso tempo, Ciacci ha ereditato azioni avviate dalla gestione precedente in maniera autonoma e nemmeno preventivamente comunicate, che complicano la vicenda e che creano disagio. 

Da tempo (e con una sensibile accelerazione nelle ultime settimane), completato l’esame congiunto delle posizioni debitorie e creditorie, l’azienda, il Comune ed ATO ME 3 stanno lavorando in forte sinergia per individuare le migliori strade finalizzate ad accordi transattivi coerenti con le linee condivise con le aziende ed indicate dall’Amministrazione nel piano di riequilibrio finanziario dell’Ente, al fine di pervenire ad una risoluzione complessiva delle posizioni reciproche. Crediamo che nelle prossime settimane questi sforzi possano portare il loro frutto. In questo percorso il rapporto con Ciacci, che ha accolto la nostra proposta, condividendo le idee e lo spirito di cambiamento della giunta Accorinti, è quotidiano. 

È del tutto evidente che Ciacci gode della piena fiducia di tutta l’Amministrazione e che (alla vigilia dell’avvio della raccolta differenziata <porta a porta> in una parte significativa della città e del completamento dell’impiantistica cittadina) la sua azione è ritenuta da tutti noi preziosa ed insostituibile per il rilancio quantitativo e qualitativo del servizio e per il raggiungimento dell’obiettivo strategico che abbiamo condiviso all’inizio della nostra collaborazione: il passaggio di Messina dall’emergenza all’eccellenza nel campo dei rifiuti”.


Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad