Breaking News

"TOSCA, E LUCEVAN LE STELLE" ALL'ARENA DI MESSINA E AL CASTELLO DI MILAZZO

Fervono i preparativi per l’ultima creazione del regista messinese Carmelo Impalà, "Tosca e lucevan le stelle" di Performance Creations, inserita nel Cartellone teatrale della manifestazione “FierAperta”,  in scena  il 27 agosto, alle ore 21:00, nell'Arena della Fiera di Messina e  il 29 agosto, alle ore 20:30, con replica alle 22:30 al Mastio del Castello di Milazzo.



Grande attesa per l’opera moderna di Carmelo Impalà che premia il talento siciliano, "Tosca e lucevan le stelle", tratta dall’omonimo dramma  teatrale di Sardou,  si dispiega attraverso il triangolo amoroso Scarpia - Tosca – Cavaradossi. L’amore impossibile di una giovane nobildonna dovrà affrontare l’eco di una Roma  stravolta dagli avvenimenti rivoluzionari francesi e dalla caduta della prima Repubblica Romana. Lo stesso regista dichiara con entusiasmo «Sarà emozionante far vivere l’esperienza di “Tosca” al pubblico, è il primo lavoro realizzato come l’avevo sempre immaginato, dinamico a tal punto da far muovere le scenografie come fossero vive senza distaccarmi dalla realistica Roma del 1800, senza allontanarmi dal dramma e soprattutto senza allontanarmi da Sardou… rimarrete affascinati! »

A metà strada tra prosa e musica l’opera immerge lo spettatore nella Roma  dell’anno 1800, in cui il pittore Mario Cavaradossi, all’insaputa di Tosca, la sua gelosa amante, nasconde un prigioniero politico riuscito ad evadere da Castel Sant’Angelo. Il crudele Scarpia, capo della polizia, lo scopre facendolo arrestare e torturare brutalmente. In cambio della libertà del pittore, Scarpia mette in atto un ricatto a sfondo sessuale nei confronti dell’avvenente Tosca. Con l’inganno l’uomo  promette alla donna un salvacondotto per fuggire e una falsa esecuzione per il suo amante. Tosca finge di accettare la proposta ma, una volta ottenuto il salvacondotto lo accoltella, uccidendolo. Subito dopo la donna raggiunge Mario rivelandogli che la sua esecuzione sarà solo simulata. Dopo gli spari Tosca corre verso il suo amante scoprendo, inorridita, che è stato davvero colpito a morte. Vistasi scoperta, mentre sta per essere arrestata, la donna si lancia nel vuoto per ricongiungersi così con il suo amante, maledicendo Scarpia. 

Lo spettacolo, frutto dell’intenso lavoro di un anno fatto di impegnativi laboratori tesi alla costruzione delle singole scene e alla preparazione di inedite coreografie porterà sul palco il talento siciliano nelle sue molteplici sfaccettature. Il cast è composto da circa 30 artisti tra ballerini, attori e comparse scelto meticolosamente dopo lunghi e attenti casting curati dai professionisti di Performance Creations.

Pezzo forte dello spettacolo  le dinamiche  coreografie di Danilo Anzalone e Gianni Martino capaci di mettere insieme energia e modernità, attraverso un coinvolgente gioco di luci e movimenti coreografici i giovani ballerini sfideranno le forze di gravità grazie alla maestose scenografie mobili curate da Domenico Previte. I movimenti delle danze diventeranno un tutt’uno con grandi colonne in movimento per conferire maggiore realisticità alle scene.

Sul palco si avvicenderanno dunque artisti siciliani di elevato spessore artistico provenienti da diverse aree della regione, nello specifico: Pamela Catanzaro sarà la tormentata Floria Tosca; Gaetano Aiello impersonificherà  l’infida cattiveria di  Scarpia;  Paolo Bertano sarà il pittore Mario Cavaradossi; Roberto Cavallaro sarà il fuggitivo Cesare Angelotti; Marco Mondì sarà il superbo Spoletta; Isabella Molonia sarà la regina della notte Sidonia e Johnny La Rocca sarà invece il Borgataro/Cardinale. Il corpo di ballo è invece costituito da: Danilo Anzalone, Umberto Andronico , Luana Barresi, Domenico Basile, Mizzy Tiziana Caliri , Ambra Caruso, Emanuele Currò , Mauro Giorgianni, Davide Giuffrè, Federica Micalizzi , Luana Mollura , Smeralda Morabito, Denise Primo. Vocal coach dello spettacolo: Marco Mondì ed Eleonora Minutoli.

Ricca di colpi di scena,  in una costante  atmosfera tensiva, l’opera non manca di elementi inediti tratti dal  “realismo dinamico” di Carmelo Impalà, segno distintivo del suo stile capace di fondere tradizione e dinamismo. Il  regista-coreografo messinese è un artista a tutto tondo attivo nel territorio messinese. Solo per fare qualche esempio collabora con il "CAM" (Centro Artistico del Mediterraneo), nella sezione coreografia, direzione casting e assistenza alla regia cinematografica. Nell’ultimo anno ha curato le scenografie e le  coreografie del film  Ballando il silenzio con la regia di S. Arimatea, oltre ad essere stato  direttore dei casting settore danza del film in produzione Gli angeli di Salvo Bonaffini, con la produzione "Fuori dal recinto".  Dopo aver affinato i suoi studi con il Maestro Beppe De Tomasi, Carmelo Impalà, tra le altre cose ha già prodotto e realizzato musical inediti scritti integralmente da lui stesso, tra gli ultimi “La Stoffa rosa”. 

La Compagnia Performance Creations è, inoltre, una realtà in continua crescita nel territorio messinese avendo già portato in scena nelle scorse settimane "Parigi 1482 contemporary  opera", sia al  Castello di Milazzo che all’interno della manifestazione FierAperta, oltre a possedere un vasto repertorio costruito nel tempo. 

Per  lo spettacolo "Tosca e lucevan le stelle", in programmazione all’ex Irrera a Mare della Fiera di Messina è previsto un biglietto unico  di  € 12 acquistabile presso il Botteghino di Messina sito in viale della Libertà n°391,  mentre per quanto concerne lo spettacolo rappresentato al Castello di Milazzo il biglietto ha un costo di € 10 acquistabile contattando i seguenti numeri telefonici: 349/3593972, oppure  090/9221291. È possibile inoltre acquistare i biglietti direttamente all’ingresso di ogni singolo spettacolo.




Nessun commento