MASSIMO BISOTTI A MESSINA PER PRESENTARE "IL QUADRO MAI DIPINTO" - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

MASSIMO BISOTTI A MESSINA PER PRESENTARE "IL QUADRO MAI DIPINTO"

MASSIMO BISOTTI A MESSINA PER PRESENTARE "IL QUADRO MAI DIPINTO"

Share This

Giovedì 4 settembre, alle ore 18:30, presso la Libreria La Gilda dei Narratori - Mondadori Messina, lo scrittore Massimo Bisotti incontrerà i suoi lettori presentando "Il quadro mai dipinto" (Mondadori), giunto alla terza edizione. Un libro sul perdersi e il ritrovarsi, sulla memoria e l'accettazione di se stessi, sull'importanza di restare fedeli al precetto più vero e necessario: "mai controcuore". Dialogherà con l'autore il giornalista Francesco Musolino.


Massimo Bisotti
Patrick è un insegnante e un pittore con l'ossessione per la perfezione. In una mattina di giugno entra per l'ultima lezione nella sua aula dell'Accademia di Belle Arti. E pronto a lasciare Roma per ripartire da zero a Venezia, città fatta d'acqua e d'incanto. Torna a casa e prima di partire decide di andare in soffitta per dare un ultimo sguardo al quadro che ritrae la donna che ha molto amato, la donna il cui ricordo porta sempre con sé. Ma, quando scopre la tela, la vede vuota: la donna sembra avere abbandonato il quadro. Sgomento, Patrick copre nuovamente il dipinto. In fretta e furia abbandona la soffitta e Roma, e corre all'aeroporto. Durante il volo, però, batte la testa e all'arrivo si ritrova confuso, non riesce a ricordare bene il motivo per cui è partito. Ma in tasca ha un biglietto con un indirizzo e un nome: "Residenza Punto Feliz". Si recherà là e troverà una nuova e strana famiglia pronta ad accoglierlo. Miguel, il proprietario della pensione, uno spagnolo saggio cui è facile affidarsi; Vince, gondoliere con il cuore spezzato da un amore andato male; e il piccolo Enrique, curioso ed entusiasta come solo i bambini sanno essere. La nuova vita di Patrick scorre tra amnesie e scoperte, finché a una festa incontra Raquel e non ha dubbi: è lei, la donna che è fuggita dal suo quadro.


Massimo Bisotti è nato e vive a Roma, ha studiato Lettere, compone musica, suona il pianoforte e ama l'energia che lo strumento gli trasmette. E' un appassionato di letteratura, psicologia, filosofie orientali, in particolare ama la cultura Zen. Nel 2012 ha pubblicato il suo romanzo di esordio, "La luna blu" (prima edizione Psiconline, seconda edizione, 2013, Ultranovel), che è stato uno dei casi editoriali dell'anno, letto e amato da decine di migliaia di lettori.


Crede di aver iniziato a scrivere affinchè le sue parole rimarginassero le ferite e si chiudessero in cicatrici. "Mettersi a nudo è un rischio ma vale la pena rischiare. - afferma Massimo Bisotti - Fondersi senza confondersi è alla base di ogni rapporto che funzioni. Utilizzare ogni dolore vissuto per gli altri e non come un pass contro gli altri. Spendersi senza riserve e donare quel che si può. Quindi donare quel che si è. Viaggia pure attraverso le strade dell’anima ma senza andare controcuore. Avere contro il tuo cuore è più devastante che avere contro il cuore degli altri. La mia bio in due parole? Mai controcuore".


A.D.P.


Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad