STADIO SAN FILIPPO: CONCESSIONE O RISARCIMENTO? IN MEDIO STAT VIRTUS!

Dopo la notizia diffusa ieri, riguardante la concessione dello Stadio San Filippo, da parte del sindaco di Messina, Renato Accorinti all'Agenzia catanese "Musica da Bere" di Carmelo Costa per realizzare grandi eventi, quali i concerti di Vasco e Jovanotti, dal 6 luglio al 6 agosto 2015, con la collaborazione della “Sud Dimensione Servizi” di Lello Manfredi, imprenditore noto in città anche per la presidenza “pro tempore” dell’ACR Messina, è scoppiata una polemica che ha visto l'attuale patron dell'ACR Messina, Pietro Lo Monaco "tuonare" all'indirizzo del primo cittadino, insieme a tanti tifosi giallorossi.


Ma a quanto pare il sindaco Accorinti, che è passato, ultimamente, da una condizione di "osannato" a "bistrattato" qualunque azione egli compia a Messina, abbia voluto evitare altre spese al Comune già in pre-dissesto con questa concessione per "salvare capra e cavoli", come si suol dire, poichè Lello Manfredi, in una intervista rilasciata a Messina Sportiva, pronuncia le seguenti parole: "Da otto mesi attendevamo questa risposta positiva. Il nostro obiettivo è quello di recuperare il concerto di Vasco Rossi che sfumò tre anni fa per l’improvvisa frana che si verificò a ridosso dello stadio. Tengo a precisare che in quell’occasione abbiamo rimborsato i 41.000 spettatori che avevano acquistato un biglietto e che poi non presentammo alcuna richiesta di risarcimento danni al Comune, che pure sarebbe stata sicuramente accolta”.  Sull'accaduto la Procura aprì un'inchiesta dalla quale venne fuori che le travi del muro collassato erano state incredibilmente montate al contrario! “Avremmo potuto fare causa e Palazzo Zanca si sarebbe eventualmente dovuto rivalere sulla ditta che eseguì gli interventi” aggiunge Manfredi.

La concessione ottenuta dal Comune di Messina prevede l’uso delle aree interne ed esterne dello stadio, della foresteria e dei parcheggi, dal 6 luglio al 6 agosto 2015, in cambio di un consistente versamento di poco superiore ai € 52.000. “E’ importante evidenziare che ogni onere è a carico nostro, come l’eventuale rifacimento del manto erboso in caso di danneggiamenti. Il Comune dovrà impegnarsi per garantire la migliore viabilità possibile – dichiara Manfredi – La strada che conduce al PalaRescifina era chiusa anche in occasione degli ultimi concerti. Ma è ovvio che il concerto può essere un pretesto. L’Amministrazione sarà stimolata ad intervenire per ampliare la capienza dello stadio e questo rappresenterebbe un vantaggio anche per la squadra di calcio. In tal senso confidiamo nell’operato del Comune e nel responso positivo da parte della Commissione di Vigilanza”.

Intanto, il patron dell'ACR Messina, Pietro Lo Monaco ha comunicato che oggi, giovedì 3 luglio, alle ore 17:00, presso la sala stampa dello stadio "San Filippo" si terrà una conferenza stampa in merito al disimpegno della proprietà ed in relazione al futuro dell' A.C.R. Messina dopo il comunicato diffuso in data 2 luglio che pubblichiamo di seguito:

"All’indomani della riunione tenutasi fra il sindaco Renato Accorinti, i suoi uomini e l’Acr Messina, circa la messa a norma dello stadio per la disputa dei campionati 2014/2015 ed il relativo rinnovo della concessione d’uso dello stesso per il periodo che intercorre (come da concessione in essere) da Settembre 2014 a Settembre 2015, apprendiamo dagli organi di stampa che il primo cittadino e la sua giunta hanno concesso l’intero impianto dello stadio “San Filippo” e le sue pertinenze ad una società organizzatrice di eventi, per la realizzazione  di concerti per la stagione estiva 2015. Non comprendiamo tale atteggiamento dopo tutte le promesse, poi puntualmente disattese. Il Comune ignora gli innumerevoli problemi riguardanti la gestione dello stadio, a cui  deve ottemperare per renderlo agibile e consentire la partecipazione ad un campionato professionistico come quello della C unica, dopo anni di totale disinteresse. Non si può pensare di concedere ad una società organizzatrice di eventi extra calcistici lo stadio per un periodo così lungo, quando lo stesso dovrebbe essere in esclusivo godimento all’Acr Messina. Risulta evidente il disinteresse dell’amministrazione per le sorti di Messina calcistica. É impensabile di poter fare attività senza campi di allenamento per la prima squadra, campi di allenamento per l’attività del settore giovanile a cui ora si aggiunge anche il non utilizzo dello stadio “San Filippo”. Questa società ha compiuto in questi due anni innumerevoli sforzi economici e non, onde poter ridare dignità sportiva alla città di Messina, ma è evidente che non si può pensare di rimanere in paradiso a dispetto dei Santi. Da oggi il sindaco e la giunta, che tanto solerte sono stati nel concedere l’uso del “San Filippo” a ditta esterna per organizzare eventi alla “considerevole” cifra di € 15.000 (sic.) da oggi avranno un altra incombenza, quella di provvedere ad una nuova conduzione societaria per l’Acr Messina più consona alle proprie esigenze. Per quanto sopra esposto, l’attuale proprietà  comunica il proprio disimpegno da qualsivoglia attività sportiva presente e futura, auspicando che il sindaco Accorinti e la giunta tutta possano dare a Messina sportiva una conduzione societaria che possa riportare la città di Messina a rinverdire i fasti di un recente passato".

Mentre, domani, venerdì 4, alle ore 11:00, il sindaco Renato Accorinti, terrà una conferenza stampa nella sala Falcone Borsellino di Palazzo Zanca. Nel corso dell'incontro con i giornalisti saranno affrontati i temi relativi alla gestione dello Stadio San Filippo.

Questa mattina, il consigliere comunale, Piero Adamo, nel corso della VIII Commissione consiliare, è intervenuto sull'argomento ed ha deciso di convocare con urgenza il sindaco, Renato Accorinti, per chiedere conto di quali siano le intenzioni dell'Amministrazione comunale rispetto all'utilizzo dello stadio “San Filippo” per l'estate 2015. "E' opinione unanime della Commissione che i grandi eventi musicali siano importanti per la Città e che, quindi, debbano essere realizzati, ma ciò non deve interferire con l'attività sportiva, che resta quella primaria per lo stadio San Filippo, ed in particolare con le attività dell'ACR Messina che, alla luce anche degli innegabili sforzi profusi e dei lusinghieri risultati raggiunti, devono essere sostenuti ed incoraggiati dall'Amministrazione", afferma Adamo che aggiunge "L'audizione del Sindaco sarà anche l'occasione, dopo avere ascoltato recentemente sempre nell'ambito dei lavori della Commissione i vertici dell'ACR Messina, per affrontare il tema – più generale – della concessione pluriennale dello stadio San Filippo. La Commissione ed il Consiglio comunale auspicano che il Sindaco compia ogni passo utile a ricomporre la situazione e fa appello alla proprietà dell'ACR Messina, affinché rinunci al proposito dell'annunciata smobilitazione".



©Antonella Di Pietro

Commenti