EUROPCLUB PRESENTA IL GRANDE RENDEZ VOUS DELL'ARTE - OMAGGIO A MASSIMO TROISI

Con la collaborazione del Museo Etnostorico "Nello Cassata", di "Info Centre 2000" e della Pro loco "Alessandro Manganaro", l'Associazione Europclub ha organizzato il “Grand Rendez Vous dell’Arte”, uno spettacolo sotto le stelle che coniuga l'arte in tutti i suoi molteplici aspetti, dalla musica alla pittura, dal cinema al canto e che si svolgerà nella prestigiosa location del Museo Cassata, a Barcellona P.G. (Messina) domani, martedì 29 luglio.


L'evento si apre alle ore 09:15 con una estemporanea di pittura nel verde dell'Oasi degli Artisti nel Parco del Museo "Nello Cassata". La consegna delle opere è alle ore 19:45. Al termine, gli artisti poseranno accanto alla loro opera per essere fotografati insieme ai membri della giuria. In serata avrà luogo la premiazione. Il primo classificato riceverà un prestigioso premio: un bassorilievo realizzato a mano in terracotta con doppia cottura nelle fornaci ad alta tensione. Inoltre, al primo classificato una pergamena sottoscritta da tutti i giurati e una litografia autografata dal Maestro ungherese Istvan Horkay ed altra dal Maestro Dimitri Salonia.

A tutti gli artisti partecipanti alla estemporanea di pittura sarà, invece, consegnato un attestato di partecipazione sottoscritto dal Segretario Generale Europclub, avv. Enzo Ocera, dal Presidente della Giuria Benemerito Procuratore Generale della Repubblica, avv. Franco Cassata, dai membri della Giuria, avv. Dimitri Salonia e dalla pittrice Carmen Crisafulli.

Il programma della manifestazione prevede: alle ore 18:00, una visita guidata al Museo Etnostorico "Nello Cassata"; alle ore 20:25 la filmografia d’avanguardia con proiezioni su maxi schermo del Maestro Istvan Horkay; alle ore 20:55 cena sotto le stelle e musica d’ascolto live con Luciano Basile, Ademara Di Nuzzo e Maria Grazia Marullo.

Alle ore 21:55, “A tu per tu” con Franco Cassata, fondatore del Museo Etnostorico e figlio di Nello Cassata, poeta dialettale, storico e cultore di reperti che iniziò la raccolta a metà del XX secolo. L'esposizione segue i dettami di Giuseppe Pitrè, studioso siciliano che nel XIX secolo fu tra i fondatori della scienza etnoantropologica in Italia. Nell'area del Museo sono state ricostruite circa quarantacinque botteghe d’arti e mestieri, con ventimila reperti d’epoca catalogati e sottoposti al vincolo d’indisponibilità dalla Soprintendenza ai Beni Culturali di Messina. Il Museo possiede anche una raccolta d’epoca di manoscritti musicali e pagine a stampa, nonché numerosi strumenti tra cui una viola d’amore, trombe, trombette e tromboni e una raffinata fisarmonica con intarsi in bachelite.


Nel museo è conservata una Chansona a danser, una macchina musicale costruita a fine ottocento dal francese Folliot e proveniente da Verdun destinata all'uso nei Cafè Chantant e che funziona grazie ad un sistema meccanico a molla e rullo fonotattico, tramite cui dei martelletti battenti sulle corde e i campanelli riproducono una delle dieci melodie presenti sul cilindro chiodato presente all'interno della macchina.


Alle ore 22:10 l'incontro con Eros Salonia, regista apprezzato in ambito internazionale, che presenterà, in anteprima su maxi schermo, alcune scene del suo poema visivo “Scusate avete visto Massimo”, dedicato al grande attore Massimo Troisi nel ventennale della sua morte e dalla prima proiezione del suo capolavoro “Il Postino”. Il film ripercorre gli ultimi giorni di vita a Salina di Troisi, nel ricordo di chi ha lavorato con lui ma anche di persone del luogo. Poeticamente, Salonia fa tornare nell'Isola l'attore napoletano nelle fattezze di un bambino che, attraverso i colori e i profumi eoliani rievoca il suo precedente vissuto a Salina


In questo contesto si inserisce l'installazione artistico naturalistica del Maestro Dimitri Salonia, dal titolo “L’ultimo viaggio in un rifugio ancestrale rubato agli dei”, che descrive l'anima di Troisi e il suo rapporto con l'aldilà. "L'idea - spiega Salonia - nasce da alcune riflessioni sulla violenza della natura e sugli elementi che rendono magici alcuni luoghi di Salina come la grotta scavata nel tufo dove le barche di legno vengono tirate in secco dopo i pericolosi viaggi in mare. Lì ho realizzato la mia opera proprio utilizzando una barca in legno. Come se l'anima dell'imbarcazione si aggrappasse ancora quel rifugio che non l'ha salvata, a quel cancello chiuso che ne ha impedito l'entrata. E ancora rimbalzeranno dentro quei legni 'rumori' e suoni della natura che Massimo Troisi ha registrato per sempre".


Tra gli intervenuti al “Grand Rendez Vous dell’Arte”, saranno sorteggiate 5 litografie autografate del Maestro Istvan Horkay, messe dall'artista a disposizione di Europclub per lo svolgimento della propria attività. Inoltre, il noto ritrattista prof. arch. Lio Sottile farà qualche ritratto ai presenti.

La serata conviviale, alla quale si potrà accedere solo se in possesso del relativo pass, proseguirà alle ore 23:10 con "Jazz e Melsax" e, a seguire, alle ore 23:25, "Tutti insieme in pista" per concludere danzando sotto le stelle. 
                   




Commenti

  1. Quanta quanta bellezza, dolcezza, naturalezza, schiettezza nella delicata,'cucita' presentazione di Europclub nel far rinascere nell' Arte e nella Cultura tante raccolte di figure,immagini al di fuori di mille album nei ricordi di ieri ieri...! Una summa di rimembranze , di usi e costumi, rimasti dentro di noi adulti e di ragazzi cresciuti tra gli strumenti di lavoro ed attrezzi piccoli,medi e grandi...,quasi a giustificare il lavoro possente e geniale del passato con pochi mezzi e forti braccia...- Il filmato sull' Isola di Salina, stupenda e stratificata terra di confine dei venti... e dentro i suoni di Ulisse..., si mostra nella sua interezza dalla cima più alta alla costa ondulata e pianeggiante...- I muri naturali e le pareti in uno , risentono la voce del cigolare della bici dello smilzo e formidabile 'postino'...- No, non lo dimenticheremo mai...,non scorderemo la sua espressione facciale, i grandi occhi parlanti, il sorriro chiuso da una lieve tristezza e speranza...,l'amore per la dolce lingua parlata e scritta in versi musicati al ritmo di onde bluissime y lindissime. La ricerca del segno ancor più pulito,spontaneo di un amore decisamente espresso a cuore aperto alla sua fidanzata...! Grazie Amici tutti per aver dato e darete al nostro lontano e 'sghembo 'Sud ,il tono morbido e sereno nei colori assai pieno. Ad maiora, a presto, Roberto Lo Presti : Governatore di Sicilia 1 in Europclub --

    RispondiElimina

Posta un commento