Breaking News

CONTINUA LA SFIDA SULLO STRETTO: IL SINDACO ACCORINTI RISPONDE AL PREFETTO TROTTA

Il sindaco di Messina, Renato Accorinti, ha inviato una lettera al Prefetto di Messina, Stefano Trotta, in merito alle problematiche relative all’attraversamento dei Tir nel centro cittadino, che pubblichiamo qui di seguito integralmente. 


“Sono assolutamente certo che l’intento ispiratore della Sua nota dello scorso 9 luglio sia stato soltanto quello di favorire il dialogo tra istituzioni da una posizione di assoluta neutralità. Tuttavia, ho il dovere di segnalarLe che la stessa ha finito con il risuonare, per i contenuti e i toni sostanzialmente monitori, alla medesima stregua delle numerose diffide e azioni giudiziali da parte dei vettori del traghettamento sullo Stretto e dalle associazioni degli autotrasportatori delle quali questo Comune è già stato più volte, recentemente, destinatario in relazione all’adozione di misure restrittive della libera circolazione dei veicoli c.d. pesanti all’interno della città. 

Le fonti (unilaterali) delle informative che Ella ha ritenuto di assumere avranno probabilmente dimenticato di rappresentarLe che, nel complesso e molteplice contenzioso (TAR CT – TAR LAZIO RM – CGARS) pendente, derivato dai provvedimenti già assunti da questa Amministrazione comunale, RFI e BLUFERRIES hanno proposto autonomi ricorsi così come hanno fatto gli altri soggetti privati interessati, mentre l’Autorità Portuale, con atti di intervento ad adiuvandum, si è costituita facendo proprie le ragioni dei vettori e degli autotrasportatori. Alcuni di questi giudizi sono ancora pendenti e i provvedimenti comunali esecutivi, essendo state scrutinate e respinte le istanze cautelari, mentre quelli pendenti dinanzi al TAR Lazio sono stati respinti nel merito in primo grado. 

Comprenderà che i diversi “soggetti” dai quali sono giunte le “sollecitazioni” in direzione di una Sua iniziativa epistolare nei confronti del Comune altro non sono che parti in un contenzioso, sul medesimo tema, già sfociato in sede giudiziale. In tal modo, la Sua nota è stata dai più percepita come condivisione delle ragioni avanzate nelle diverse sedi da dette parti, e non ha certo concorso a smentire una tale sensazione la Sua decisione di tenere fuori dal ‘dialogo istruttorio’ proprio il Comune di Messina, forse considerato Istituzione meno importante o, peggio, meno credibile dell’Autorità portuale o della Capitaneria di Porto. 

E’ vero che questa Amministrazione intende rivolgere al problema la massima attenzione e la possibile novità  che ha suscitato tanto interesse nell’Ufficio governativo territoriale sta probabilmente soltanto nel differente approccio. Si ritiene, infatti, doveroso superare quel senso di assoluta soggezione e, talvolta, anche di assuefazione alle esigenze del mercato ‘a tutti i costi’, ricercando con ogni sforzo un migliore bilanciamento di tali esigenze con gli interessi dei cittadini. Ciò non è avvenuto finora e sono certo che non avverrà nel futuro – com’è possibile che Le sia stato fatto credere – con pregiudiziali di tipo ideologico, ma tutto sarà fatto, ricorrendone le condizioni, nel rispetto delle attribuzioni proprie del Comune e dei ruoli interni ben distinti tra amministrazione e gestione, nonché avendo ben presenti i principi di libera circolazione e di libera concorrenza, che, però, vanno sempre coniugati con quelli della sicurezza della circolazione stradale nella città. 

Devo dirLe francamente che la Sua nota è giunta inaspettata proprio perché proviene da un Ufficio tradizionalmente orientato a porsi come autorevole mediatore imparziale di possibili conflitti tra istituzioni locali, mentre contiene una chiara presa di posizione ante litteram sul problema e toni di carattere monitorio, che, al di là delle attenuazioni di sapore formale, non lasciano sostanzialmente spazio alcuno alle scelte comunali. Ma, poiché resto convinto della fondamentale funzione dell’Ufficio territoriale del Governo e della reale neutralità dell’intento che l’ha spinta ad intervenire nella vicenda, Voglia considerare ogni mia personale disponibilità e quella degli uffici dell’Amministrazione che rappresento a conferire in qualsiasi momento, anche previa convocazione informale e d’urgenza, con la S.S., per fornire direttamente una più corretta rappresentazione del percorso tracciato negli indirizzi della Giunta municipale. Ciò, auspicando che, anche attraverso la Sua autorevole mediazione, esercitata con pari forza nei confronti di tutte le parti interessate, si possa ancora pervenire a soluzioni condivise che evitino di sacrificare ancora e soltanto la sicurezza delle strade e dei cittadini”.

Intanto, la Giunta municipale, riunitasi venerdì 11 luglio a Palazzo Zanca, sotto la presidenza del sindaco Renato Accorinti, ha formalizzato l'indirizzo politico dell'Amministrazione comunale finalizzato a contrastare il transito indiscriminato di tutti i mezzi pesanti lungo le vie La Farina, Campo delle Vettovaglie, Rizzo e Vittorio Emanuele II, per elevare la sicurezza della circolazione veicolare e pedonale a difesa dei diritti e dell'incolumità dei cittadini. L'Esecutivo ha inoltre dato mandato al dipartimento mobilità urbana e viabilità di adottare un provvedimento dirigenziale, ai sensi del Codice della Strada, che dia attuazione, dal 21 luglio, all'indirizzo politico armonizzandolo con l'attuale vigente regolamentazione della circolazione stradale, tenendo conto della necessità di rendere comunque possibile, nell'arco delle 24 ore, il transito dei mezzi pesanti nelle vie indicate, consentendo il raggiungimento del Molo Norimberga ed il relativo deflusso. Il Corpo di Polizia municipale predisporrà un servizio continuativo per l'attività di prevenzione ed accertamento delle violazioni ai provvedimenti adottati. 

Nessun commento