ore

Breaking

Post Top Ad

mercoledì 11 giugno 2014

TRASPORTO VELOCE STRETTO DI MESSINA: GARA FALLITA PER VIZI DI FORMA


L'assessore della Regione Calabria, Luigi Fedele ha incontrato a Roma i vertici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per affrontare le problematiche connesse al trasporto marittimo veloce di passeggeri nello Stretto di Messina.

Alla riunione - riferisce una nota dell'ufficio stampa della Giunta regionale - hanno preso parte, tra gli altri, il sindaco di Villa San Giovanni, Rocco La Valle e i dirigenti degli assessorati calabrese e siciliano. Dal coordinamento è scaturito che alla gara bandita per l'affidamento del servizio di trasporto tra le città di Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni hanno partecipato soltanto due società, Bluferries e Ustica Lines. A causa, però, di una documentazione errata la società 'Bluferries' è stata esclusa, mentre 'Ustica Lines' si è ritirata proprio allo scadere dei termini, rendendo non valida la gara. Allo stato dei fatti, quindi, la compagine calabrese e siciliana, in accordo con il Ministero, ha proposto e poi ottenuto di prorogare per altri sei mesi l'attuale servizio e, nel frattempo, di bandire una nuova gara per l'affidamento del servizio a lunga scadenza per far sì che venga garantito il diritto di mobilità agli utenti che quotidianamente usufruiscono di un collegamento indispensabile per il trasporto passeggeri tra la Calabria e la Sicilia.

"Ci siamo prodigati subito - ha dichiarato l'assessore Fedele - per evitare che si generassero disservizi per i numerosi utenti del trasporto marittimo. Grazie a questa soluzione momentanea, infatti, i tanti pendolari non subiranno nessun tipo di criticità. Purtroppo però il problema rimane. Inoltre, non si riesce a capire com'è possibile che società esperte che si occupano di espletare questo tipo di servizio non riescano a presentare la documentazione corretta e completa per partecipare in maniera idonea ad un bando di gara. In ogni caso, abbiamo cercato di recuperare al meglio la situazione, grazie anche alla grande disponibilità del ministro Lupi e del direttore generale Enrico Pujia, evitando un'interruzione sicura dei collegamenti tra le due sponde. Altra questione, invece, è quella di trovare una soluzione che sia definitiva. È impossibile pensare che un servizio indispensabile per le due regioni debba subire continue proroghe. Esiste l'estrema esigenza che il Ministero recuperi i fondi necessari per bandire una nuova gara che preveda l'affidamento del servizio per almeno tre anni. Con questa soluzione - ha concluso l'assessore Fedele - anche le società interessate avrebbero la possibilità di attuare nuovi investimenti ed effettuare una diversa programmazione delle attività".

La proroga del contratto con Metromare consentirà di evitare disservizi in attesa di trovare una soluzione definitiva che dovrebbe portare all’affidamento del servizio per almeno tre anni.

Alla riunione di ieri a Roma era presente anche l'assessore alle Risorse del mare del Comune di Messina, Filippo Cucinotta, che, in una nota dell'ufficio stampa, afferma: “Con stupore abbiamo appreso che la documentazione presentata da Bluferries è inaccoglibile da parte del Ministero per vizi di forma insanabili, così come ha sorpreso il fatto che nessun'altra compagnia abbia presentato offerte. Tutto ciò deve indurci alla riflessione sul fatto che va rivisto il modo di realizzare i bandi, per allargare il più possibile la fascia di partecipazione, consentendo quindi una maggiore concorrenza a livello europeo. Il periodo di affidamento di sei mesi e le limitazioni imposte sulla tipologia di nave rischiano di non essere appetibili per l'ingresso di nuovi competitor. La proroga ottenuta ci ha sicuramente tranquillizzati per l'immediato, ma deve essere impiegata in maniera utile e produttiva per una riflessione che porti a riconsiderare complessivamente i criteri di selezione del bando”.


A.D.P.

Nessun commento:

Posta un commento