ore

Breaking

Post Top Ad

domenica 22 giugno 2014

MESSI PUO' TUTTO: ARGENTINA AGLI OTTAVI

Argentina-Iran 1-0: decide una perla del fuoriclasse nel recupero.


C'è chi diceva che in Nazionale non era mai decisivo, che sentiva troppo la pressione, che non riusciva a fare la differenza come nel Barcellona. Ebbene, Leo preferisce parlare coi fatti e questo Mondiale parla chiaro: due partite due goal. E la Nazionale Argentina è già agli ottavi di finale.

In realtà le cose non sono state affatto semplici. Il calcio dell'albiceleste non è certamente stellare, molti campioni non rendono al meglio, e persino un tridente con Messi, Higuain e Aguero è decisamente meno efficace di quanto sarebbe lecito attendersi. L'Argentina non riesce a combinare nulla di buono, anzi soffre persino la spavalderia di un buon Iran. 

E così, paradossalmente, il protagonista diventa il portiere argentino, Romero, costretto a compiere diverse parate per fermare gli avversari.


L'Iran punge e al contempo possiede una difesa ermetica: le cose sembrano mettersi male. Il tridente cambia volto: entrano Palacio e Lavezzi che sembrano più pimpanti. Ma la partita la risolverà sempre lui: Lionel Messi, in pieno recupero. La gioia esplode fra il pubblico ed esulta anche Diego Armando Maradona, presente allo stadio per assistere alla sua Nazionale e alle meraviglie del suo pupillo (grazie alle prodezze del leggendario Diego, l'Argentina vinse il suo ultimo Mondiale, nel 1986).

Cosa cambia adesso? L'Argentina non è parsa irresistibile, ma intanto vola agli ottavi e avrà tutto il tempo per ritrovare un equilibrio e un gioco valido. Nel frattempo, si gode questo Messi, capace di qualsiasi impresa. E così, Romero commenterà: "Ringrazio Dio che Messi sia argentino". Il C.T. Alejandro Sabella ribadirà il concetto: "Con Messi tutto è possibile".



©Bob

Nessun commento:

Posta un commento