I VERDI MESSINA SUI BUS TORINESI INVITANO ACCORINTI E LA SUA GIUNTA A "REDIMERSI" O A "DIMETTERSI" - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

I VERDI MESSINA SUI BUS TORINESI INVITANO ACCORINTI E LA SUA GIUNTA A "REDIMERSI" O A "DIMETTERSI"

I VERDI MESSINA SUI BUS TORINESI INVITANO ACCORINTI E LA SUA GIUNTA A "REDIMERSI" O A "DIMETTERSI"

Share This

"In merito all'arrivo dei catorci torinesi, l'assessore Cacciola, meglio di chiunque altro, possiede le conoscenze per comprendere l'impatto che tali mezzi possono avere nell'ambiente in cui vengono immessi ed utilizzati e dunque l'effetto delle emissioni di questi mezzi decisamente obsoleti rispetto alla salute dei nostri concittadini e dei lavoratori dell'ATM", inizia così la nota della Portavoce provinciale dei Verdi Messina, Raffaella Spadaro che interviene sulle dichiarazioni rilasciate in un comunicato dall'assessore alla Mobilità urbana e Viabilità del Comune di Messina, Gaetano Cacciola relative all'acquisto di ventisei bus a metano a Torino (leggi qui) che, essendo obsoleti, sono altamente inquinanti. 

"Non comprendiamo e non condividiamo  - prosegue la nota - le scelte di questa amministrazione che pure abbiamo (purtroppo) sostenuto. Scelte, oggi sappiamo, sponsorizzate addirittura dal Ministro per la Ricerca. Ciò che fa restare basiti dinnanzi a tanta mancanza di rispetto per Messina ed i suoi abitanti è, soprattutto, un atteggiamento, un'attitudine ormai più che conclamata a ritenerci sottosviluppati e quindi ad agire coerentemente con tale visione del prossimo da parte di questi signori. Crediamo e speriamo in una "redenzione" da parte della Giunta e del sindaco di Messina, Renato Accorinti. Crediamo e speriamo in un repentino riscatto della nostra popolazione nelle loro menti giudicanti e vessatorie".

"Nel contempo, - conclude Raffaella Spadaro - agiremo come sempre al di là delle parole. Coinvolgendo enti, organismi di controllo ed ogni realtà che abbia davvero a cuore la tutela delle persone e dell'ambiente. Se di innovazione e di ricerca si tratta, se di cambiamento si tratta, noi per Messina esigiamo il massimo ed il meglio che le tecnologie possano offrire nel 2014. Provvedano diversamente intercettando progetti e fondi, oppure si dimettano".


A.D.P.

Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad