CONVEGNO SU AUTISMO E NUOVE SOLUZIONI TERAPEUTICHE


“Nuove soluzioni terapeutiche e assistenziali per l’autismo” è il titolo del convegno medico-scientifico promosso dai Comitati Montinari Sicilia e Aspromonte, in programma sabato 14 giugno, alle ore 16:00, presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, con il patrocinio del Comune di Messina. 

L'incontro, moderato dalla giornalista Letizia Lucca, sarà introdotto da Carmelina Manganaro, presidente del Comitato Montinari Sicilia Onlus. Intervengono: il professore Massimo Montinari, responsabile della sezione Neuro Immuno Gastroenterologia Pediatrica dell’Istituto Universitario “Nicolaus” di Bari e autore del libro “La sindrome autistica”; l’avvocato Giuseppe Romeo, esperto di Diritto sanitario, sul tema “Tutela del diritto alla salute ed educazione scolastica del soggetto disabile”; il dottor Giuseppe Ruggero su “Reazione avversa ai vaccini: aspetti medico-legali”; la dottoressa Angela Selvaggio, logopedista, su “Logopedia, orientamento e terapia biomedica: possibilità di interazione?”.

Massimo Montinari nasce nel 1957 a Bari. Laureatosi nel 1982, si specializza in Chirurgia Pediatrica nel 1987 a Padova. Dal 1992 al 2004 tiene la cattedra di Chirurgia Pediatrica presso l'Università di Bari. Dal 2010 ricopre invece l'incarico di funzionario medico della Polizia di Stato a Firenze, nonché di consulente per la Legione Carabinieri Toscana. Titolare di un incarico di ricerca presso l'AIAS di Afragola e direttore della Scuola Superiore di Scienze e Medicine Complementari Città di Sarzana "Stefano Romeo", è anche responsabile della Sezione di Neuro-immuno-gastroenterologia pediatrica dell'Istituto Universitario Nicolaus. Giornalista pubblicista, ha partecipato a varie pubblicazioni di carattere scientifico per varie case editrici importanti, quali la Utet. Dal 1994 ha iniziato ad approfondire i suoi studi sulla sindrome autistica (ASD) in relazione alle patologie dell'apparato intestinale.

La Sindrome Autistica (ASD), o Sindrome di Kanner, è un disturbo che interessa la funzione cerebrale e che comporta una diminuzione significativa dell'integrazione sociale e della comunicazione. 


Commenti