ore

Breaking

Post Top Ad

mercoledì 11 giugno 2014

CONCLUSO IL CONVEGNO "GLI EFFETTI POLITICI DELLE DECISIONI DELLE CORTI NEL CONFLITTO TRA POTERI"


Si è svolto, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Messina, il convegno internazionale di studi su “Gli effetti politici delle decisioni delle Corti Supreme e Costituzionali nel conflitto tra Poteri”. 


I lavori, presieduti dal prof. Andrea Romano, sono stati introdotti dal prof. Giovanni Moschella. Nel corso dell’incontro, organizzato dall’Ateneo peloritano in collaborazione con la Sezione italiana dell’Instituto Iberoamericano de Derecho Constitucional, presieduto dal prof. Luca Mezzetti e con il patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana, della Corte d’Appello di Messina e dell’Ordine degli Avvocati peloritano, sono intervenuti numerosi docenti provenienti da Università italiane, spagnole e Sud Americane.

Nel pomeriggio i lavori, presieduti dal prof. Alberto Russo e introdotti dal prof. Pierangelo Grimaudo, sono stati ospitati presso l’Aula Magna della Corte d’Appello e introdotti dai saluti del dott. Nicolò Fazio, Presidente della Corte d’Appello di Messina del dott. Melchiorre Briguglio, Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Messina e dell’avv. Francesco Celona, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Messina.

Tanto il dott. Fazio, quanto il dott. Briguglio e l’avv. Celona hanno sottolineato la particolare incidenza dei conflitti risolti dalla Corte Costituzionale che si sono verificati tra potere politico e potere giurisdizionale. Il prof. Grimaudo, dal canto suo, ha sottolineato come di fronte alla politicità delle decisioni della Corte Costituzionale non esiste altro antidote, se non una particolare attenzione all’equilibrio tra le varie componenti istituzionali che la compongono. In questo senso, particolare rilevanza potrebbe avere la riforma del Senato, cambiando gli equilibri tra maggioranza e minoranza.

La giornata di studi è servita altresì a intensificare la collaborazione ed i rapporti di scambio tra l’esperienza accademica e quella della magistratura e dell’avvocatura messinese.


Nessun commento:

Posta un commento