CROCETTA: "UNA MEDAGLIA IN MEMORIA DEL MARITO ALLA SIGNORA RACITI" - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

CROCETTA: "UNA MEDAGLIA IN MEMORIA DEL MARITO ALLA SIGNORA RACITI"

CROCETTA: "UNA MEDAGLIA IN MEMORIA DEL MARITO ALLA SIGNORA RACITI"

Share This

"Mi associo al dolore della vedova Raciti per l'episodio increscioso di ieri a Roma. Il 15 maggio in occasione dell'anniversario della Regione Siciliana voglio consegnare una medaglia alla signora Grasso in memoria del marito. Alla cerimonia voglio siano presenti delegazioni di tifosi e di calciatori di tutte le squadre siciliane". Così all'ANSA il Governatore della Sicilia Rosario Crocetta. "Filippo Raciti va ricordato anche per solidarizzare con i poliziotti che rischiano la vita nonostante lo sport sia occasione di pace - dice Crocetta - Dagli stadi vanno banditi tutti coloro che inneggiano alla violenza e disprezzano chi si batte per la sicurezza dei cittadini".

"E' una vergogna": lo stadio "in mano a dei violenti" e lo "Stato che non reagisce, impotente e quindi ha perso". Non ha dormito Marisa Grasso, la vedova dell'ispettore capo Filippo Raciti, morto il 2 febbraio del 2007 nello stadio di Catania, che ieri sera ha visto in tv la maglietta del capo ultras Genny, detto 'a Carogna', con la scritta 'Speziale libero' durante la finale di Coppa Italia Fiorentina-Napoli. "Ieri sera - aggiunge Marisa Grasso - mi sono sentita umiliata perché è stata offesa la memoria di mio marito: è stata indossata una maglietta che inneggia all'assassino di un poliziotto. Tutti hanno visto la prepotenza di questa persona, ma poi che è successo? Io ho pieno diritto, adesso, di avere risposte dalle Istituzioni".

Il premier Matteo Renzi ha telefonato a Marisa Grasso, vedova dell'ispettore capo di polizia Filippo Raciti, per esprimerle "vicinanza e solidarietà personale e dello Stato". "La prima chiamata è arrivata dal ministro Alfano - aggiunge all'ANSA- e poi hanno telefonato anche il presidente del Senato, Pietro Grasso, e il capo della Polizia, Alessandro Pansa. Le conversazioni sono riservate, ma mi hanno fatto piacere e sentire meno sola".



Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad