PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MICHELE DOTTI "SBAGLIANDO NON S'IMPARA" - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MICHELE DOTTI "SBAGLIANDO NON S'IMPARA"

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MICHELE DOTTI "SBAGLIANDO NON S'IMPARA"

Share This

Oggi, domenica 6 aprile, alle ore 10,30, nella sede dall'Associazione "Puerto de Buenos Aires", a Palazzo Magaudda di Messina (accanto alla Chiesa dei Catalani), ha avuto luogo la presentazione del libro "Sbagliando non s'impara", sottotitolo "è grazie ai successi che cambia il mondo e cambiamo anche noi"(edito da EMI), con l'autore Michele Dotti. L'incontro, organizzato da "Puerto de Buenos Aires", è stato introdotto da Sergio Calderone e moderato in un'intervista dibattito da Gigi Cartagenova. 

"Oggi ho avuto il piacere di ospitare una persona che ho conosciuto alcuni anni fa in occasione di un evento organizzato da un'amica comune.  - confida Calderone - Prima di allora non ne avevo mai sentito parlare e quando ebbi modo di ascoltarlo e poi di farci due chiacchiere ne restai piacevolmente colpito. Dalle poche battute intercorse ne percepii infatti l'energia positiva, il buon senso delle sue parole, la sua gran voglia di fare".

"A distanza di anni  - prosegue Calderone - lo ospito nella mia città per condividere quell'energia positiva, quel buon senso, quella gran voglia di fare che pur dopo parecchio tempo ritrovo intatti. Incontrare Michele Dotti non è per nulla tedioso, al contrario tra battute e aneddoti di cui sono ricchi i suoi interventi non è scappato a noi spettatori più di un sorriso e mi pare che, di questi tempi, permetterci di sorridere sia il più bel regalo che qualcuno possa farci".

Nella quarta di copertina del libro leggiamo: "Se fosse vero che sbagliando s’impara, dovremmo essere tutti perfetti! Invece continuiamo a ripetere gli stessi errori. Il fatto è che solo dai successi nasce il cambiamento, a tutti i livelli: personale, sociale, culturale... Questo libretto ci mostra come imparare a riconoscere i successi, a crearli e replicarli. Come farne insomma una regola nella nostra vita, anziché un'eccezione". 

Michele Dotti, classe 1973, originario di Faenza dove vive, svolge da molti anni un’intensa attività educativa con i corsi di formazione che tiene nelle scuole di tutta Italia, attraverso laboratori sull'educazione ai diritti umani e alla pace. Ha una lunga esperienza di volontariato internazionale, da oltre 18 anni, infatti, collabora come volontario nell'Associazione "Mani Tese" e in vari stati dell’Africa occidentale. Ha promosso campagne di sensibilizzazione sul commercio equo e solidale e da anni organizza esperienze di turismo responsabile in Burkina Faso con l'Associazione T-ERRE. In parallelo all’attività di solidarietà concreta in Africa, ha sempre cercato di portare avanti un approfondimento culturale in Italia, lavorando in particolare sugli stereotipi e sui pregiudizi e proponendo sempre una visione propositiva rispetto ai problemi.

Oltre al suo Blog che porta il titolo del libro Sbagliando non s'impara, ha uno spazio sul Fatto Quotidiano e collabora con diverse riviste educative e del mondo della solidarietà. Ha scritto alcuni saggi sulle tematiche della mondialità, dell’intercultura e dell’impegno civile, fra i quali  “La tela del ragno”, “Non è vero che tutto va peggio” (con Jacopo Fo), “L’anticasta” (con Marco Boschini) e “Dudal Jam, a scuola di pace” editi dalla EMI di Bologna e di recente “Educare, amare e saltare nelle pozzanghere” per l’Editrice Kaleidos. Da qualche anno è attivo anche nel campo della produzione video, con inchieste e reportage. L’ultima prodotta è una “Una scuola diversa è possibile”, per RaiNews24. Sposato e con due figli, si definisce un “sognatore instancabile”!



A.D.P.

Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad