INTERNATIONAL JAZZ DAY MESSINA 2014


Anche quest’anno, mercoledì 30 aprile si celebra l’International Jazz Day in tutto il mondo, un grande evento musicale che riunisce comunità, scuole, artisti, storici, studiosi e appassionati di jazz di ogni luogo. E anche a Messina, presso il Centro Multiculturale Officina, nell'ambito della Rassegna “Off in Jazz”, curata da Mimmo Papa e Antonella Casuscelli, dopo il grande successo riscosso nella prima edizione 2013 che ha registrato uno straordinario quanto inaspettato successo sia di pubblico (600 presenze), sia di musicisti partecipanti (più di 90 di ogni età e livello), è stata organizzata la seconda edizione denominata “International Jazz Day Messina 2014”, inserita nell’elenco ufficiale dell’Unesco tra le principali manifestazioni che si svolgeranno in più di 196 Paesi nel Mondo. 

Sarà una vera e propria kermesse, aperta gratuitamente al pubblico, dove musicisti jazz locali, siciliani e non, si alterneranno sul palco di Officina, per una esibizione non-stop a partire dalle ore 18,00 fino a notte inoltrata. Una festa della musica che prevede manifestazioni collaterali attinenti al jazz e l’esibizione di professionisti di classe ed esperienza (molti dei quali si sono già esibiti per “Off in Jazz” e alla prima edizione del Jazz Day Messina), ma anche di giovani musicisti che studiano jazz nei conservatori e nelle scuole, di appassionati dilettanti, di cantanti, di cori scolastici, e di tutti coloro che vorranno partecipare ad un incontro carico di emozione e di allegria. Alla fine dell’esibizione di tutti gli artisti partecipanti, sul palco di Officina si terrà una “jam session”, con formazioni del tutto casuali e spontanee, che vedrà suonare insieme musicisti di ogni età ed esperienza, nello spirito essenziale e profondo dell’International Jazz Day, ovvero la condivisione e la partecipazione gioiosa ad un evento che accomuna e affratella, abbattendo ogni distanza e barriera divertendo nel nome della musica e del Jazz. 


L'International Jazz Day è un evento annuale proclamato durante la Conferenza Generale dell'Unesco nel novembre 2011 per celebrare "le virtù del jazz come strumento educativo, e una forza di pace, l'unità, il dialogo e la cooperazione rafforzata tra le persone". Partner Unesco il Thelonious Monk Institute of Jazz. La prima edizione dell'International Jazz Day ha preso il via a Parigi ed è stata promossa dall'Ambasciatore onorario dell'Unesco, Herbie Hancock e dal Direttore generale dell'Unesco, Irina Bokova che nel suo messaggio dice: "Il jazz è molto più di musica: si tratta di uno stile di vita e uno strumento per il dialogo. La storia del jazz racconta il potere della musica per riunire artisti provenienti da culture ed esperienze diverse, come motore di integrazione e di rispetto reciproco. Il Jazz - ha proseguito la Bokova - ha dato ritmo alle lotte del movimento dei diritti civili negli Stati Uniti, e lo ha fatto in altre parti del mondo. Attraverso il jazz, milioni di persone hanno cantato e cantano ancora oggi il loro desiderio di libertà, la tolleranza e la dignità umana. L'Unesco ha istituito l'International Jazz Day per promuovere questi valori".

L'edizione 2014 dell'International Jazz Day verrà celebrato il 30 aprile a Osaka, in Giappone, con una daylong di programmi di educazione jazz, performance e sensibilizzazione della comunità. "Osaka è una città dove il jazz trae forza da una tradizione che risale al 1920, e che ha mantenuto la sua energia vibrante fino al giorno d'oggi. - dice il Direttore generale dell'Unesco, Irina Bokova - Con i suoi numerosi jazz club di fama mondiale, Osaka è al centro del moderno movimento jazz. Scegliendo questa città per celebrare il jazz , l'Unesco intende anche evidenziare in quale misura culturale, influenze e interazioni musicali stringono legami tra le culture oltre i confini e gli oceani". Importanti prime figure del Jazz in Osaka includono il compositore Hattori Ryoichi e il trombettista Nanri Fumio, soprannominato il "Satchmo del Giappone " di Louis Armstrong. 

Il Jazz è una forma di musica nata all’inizio del ‘900, dall’incontro tra la cultura africana e quella europea, propagatasi inizialmente nel Sud degli Stati Uniti per poi diffondersi in tutto il mondo. Oggi è una forma d’arte internazionale che parla tante lingue ed è un mezzo di comunicazione che trascende le differenze di razza, religione, etnia o nazionalità. Questa importante forma d'arte viene celebrata annualmente con l'International Jazz Day per promuovere la pace e il dialogo tra le culture, la libertà di espressione, il rispetto dei diritti umani e delle diversità; per eliminare le discriminazioni e rafforzare il ruolo dei giovani per il cambiamento sociale.


In occasione della Giornata celebrativa mondiale di mercoledì 30 aprile, l'evento International Jazz Day Messina 2014 sarà interamente ripreso e trasmesso in diretta streaming dal quotidiano online MessinaOra.it, media-partner dell’evento. La locandina è stata appositamente realizzata dall’artista messinese Concetta De Pasquale. "Invitiamo a partecipare anche tutti gli amici che abitualmente assistono ai concerti della Rassegna 'Off in Jazz' - dicono gli organizzatori - certi che sarà una serata di grande divertimento, con il più grande numero di artisti che il Jazz sia riuscito a riunire, tutti insieme, in un locale della nostra città". Tutti i musicisti e gli appassionati che desiderano partecipare alla manifestazione, sono invitati ad inviare una mail di adesione, all’indirizzo: of.jazz@virgilio.it 

Alla serata dell’International Jazz Day Messina seguiranno gli ultimi due concerti previsti dalla Rassegna “Off in Jazz 2013/2014”. Il 4 Maggio, Dino Rubino presenterà in anteprima il suo ultimo, affascinante disco “Kairòs”, con una grande e insolita formazione di otto elementi comprendente, oltre pianoforte, contrabbasso e batteria, anche chitarra, corno francese, trombone e clarinetto basso. Il 25 maggio infine, sarà di scena il duo “Paul McCandless e Antonio Calogero”. Il grande sassofonista della mitica jazz band statunitense degli Oregon, in tournée in Europa, sarà graditissimo e prestigioso ospite della Rassegna, per concludere nel migliore dei modi la felice stagione musicale di "Off in Jazz".



Antonella Di Pietro


Commenti