ore

Breaking

Post Top Ad

lunedì 28 aprile 2014

3^ EDIZIONE "OBSESSION JAZZ": GEMELLAGGIO MUSICALE TRA REGGIO CALABRIA E MESSINA


Grazie al contributo ed alla sinergia delle Associazioni "Jazzmin", "Naima", "Mondi Diversi", "Mondo Sax", del Circolo del Cinema "Zavattini", del Museo dello Strumento Musicale, dell'Arci Gay, del Club Unesco Re Italo e con la fattiva collaborazione e partecipazione del Conservatorio F. Cilea, dell’Accademia di Belle Arti e delle Scuole "Giosuè Carducci", "Giovanni Pascoli" e "Principe di Piemonte", anche quest'anno a Reggio Calabria avrà luogo la 3^ Edizione “Obsession Jazz – Per dare voce a chi non ha voce” per l'International Jazz Day dell'Unesco che si celebra il 30 aprile in tutto il mondo. La manifestazione, presentata il 26 aprile scorso presso i locali del Museo dello Strumento Musicale (Pineta Zerbi), dal suo ideatore Giovanni Laganà, patron di "Ecojazz" e presidente dell’Associazione Musicale "Art Blakey", è stata arricchita da un interessante programma culturale e musicale che si svolgerà nell’arco di tre giorni, dal 28 al 30 aprile 2014, con il coinvolgimento del Comune di Messina. 

Per Giovanni Laganà, affiancato da Teresa Mascianà, musicista e presidente dell’Associazione "Laboratori Musicali" che ha coordinato tutto il lavoro delle altre associazioni coinvolte nell’evento, si tratta di una manifestazione che per la prima volta acquisisce un altro significato. “L’adesione del Comune di Messina – spiega Laganà - rappresenta un primo passo verso lo stimolo di attività ludico culturali per affermare un diritto per le due città, quello del riconoscimento dell’Unesco dell’Area dello Stretto come bene universale. Un riconoscimento che ci potrebbe aiutare nel percorso, come auspica lo stesso sindaco Accorinti, verso una sorta di unificazione dell’intera area dello Stretto”. Nella manifestazione saranno coinvolte le scuole elementari per un dovuto quanto piacevole approccio dei bambini con la musica jazz con l’intento di ostacolare il formarsi di stereotipi e luoghi comuni che serpeggiano su di essa. Significativo il coinvolgimento dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. 

Un evento, quindi, che vede i due capoluoghi dello Stretto coinvolti in un progetto che sottolinea la forte valenza del gemellaggio siglato tra Messina e Reggio Calabria. Prove tecnico-culturali di vera integrazione dell’Area dello Stretto, quando alle ore 16:55 di oggi, lunedì 28 aprile si imbarcherà in aliscafo un nutrito gruppo di musicisti reggini che sarà accolto sul molo siciliano da diversi musicisti messinesi per una jam session a ritmo di swing. Al terminal degli aliscafi in via Vittorio Emanuele II, alle ore 17:30, saranno presenti il sindaco di Messina, Renato Accorinti, e l'assessore alla Cultura, Tonino Perna che ha detto: “Al porto di Messina, con l’incontro dei musicisti reggini e messinesi, si celebra per un momento l’unione tra le due sponde per un progetto futuro che ci attende di unire queste due città per farne una grande e metropolitana. E soprattutto unirle sul piano culturale valorizzando ed investendo sulla cultura. Anche la musica – ha aggiunto l'assessore reggino Perna – è uno strumento fondamentale nel cammino avviato verso il riconoscimento, da parte dell'Unesco, dello Stretto di Messina quale Patrimonio dell'Umanità”.



Stasera, alle ore 21:30 si terrà un concerto jazz presso il locale “La Sosta” di Villa San Giovanni (ticket con apericena euro 15,00), dove si esibirà il “Fabrizio D’Alisera Quartet”, la formazione del sassofonista abruzzese di talento che vanta un solido percorso di formazione accademica, autore di “Crossthing”, il secondo lavoro del quartetto pubblicato qualche mese addietro. 

Martedì 29 aprile alle ore 9:30 presso l'Aula Magna della Facoltà di Architettura dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, il Maestro Fabrizio D'Alisera terrà il Seminario "Musica d'Insieme". La sera, al Teatro Politeama Siracusa di Reggio Calabria, alle ore 21:30, i musicisti delle due sponde si incontreranno per la “Kermesse Musicisti Area dello Stretto”, una sorta di jam session che vedrà insieme i migliori fermenti e le tante lucide creatività del jazz delle due città. Con la kermesse si vuole dare un contributo al progetto di unificazione delle due sponde della Fata Morgana. (ticket euro 3,00). 

Mercoledì 30 aprile, alle ore 9:00, al Teatro Politeama Siracusa avrà luogo la proiezione del film “The Trumpet of the Swan” dedicata ai bambini delle scuole elementari “Giovanni Pascoli” e “Principe di Piemonte”, per fare conoscere loro la storia di Louis Armstrong e quindi della discriminazione razziale, la lotta per l’uguaglianza, attraverso un linguaggio semplice e fortemente identificativo. Nello stesso giorno, alle ore 10:00, nell'Aula Magna Facoltà di Architettura Università Mediterranea sarà proiettato il film “Sette/Ottavi” che parla del rapporto tra i regimi totalitari e la cultura ed i musicisti jazz. La sera, al Teatro Politeama Siracusa, ore 21:30, Antonio Onorato Trio, special guest Joe Amoruso (ticket euro 10,00 studenti euro 8,00). 

Un patto di collaborazione per rilanciare il jazz nelle due città, è stato sancito ed ufficializzato in conferenza stampa tra lo stesso assessore Perna, il fondatore del museo dello Strumento musicale Demetrio Spagna e l’affermato critico jazz, il reggino Enzo Capua, da 15 anni a New York dove rappresenta ufficialmente Umbria Jazz, oltre ad essere consulente dell’Istituto Italiano di Cultura e dello stesso consolato e corrispondente della rivista Musica jazz, sempre della “Grande Mela” che ha detto: “La musica jazz non è semplicemente un tipo di musica ma è la musica che per eccellenza raccoglie vari linguaggi nel mondo, li fonde assieme e quindi diventa un linguaggio universale, diventa una cosa unica. Vorrei che la mia città acquisisse un ruolo importante nell’ambito del jazz ed io ho dato la mia disponibilità professionale per raggiungere, assieme a Messina, l’obiettivo”. 

Chi volesse offrire proposte, suggerimenti e idee per l’arricchimento della edizione 2014 di “Obsession Jazz – Per dare voce a chi non ha voce” targata Unesco, o volesse partecipare al seminario di musica d’insieme o solo alla kermesse, o a tutte e due invii una mail con le specifiche a: ecojazz@tin.it - contatti tel. 339 7329130 / 320 7232494



Antonella Di Pietro


Nessun commento:

Posta un commento