RAFFAELLA SPADARO DEI VERDI: QUESTO E QUELLO PER ME PARI SONO - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

RAFFAELLA SPADARO DEI VERDI: QUESTO E QUELLO PER ME PARI SONO

RAFFAELLA SPADARO DEI VERDI: QUESTO E QUELLO PER ME PARI SONO

Share This

"Se avessimo saputo che sulla questione impianti sul Torrente Pace questi due uomini, (Felice Calabrò e Renato Accorinti n.d.r.), allora candidati al ruolo di Sindaco della nostra città, la pensavano allo stesso modo, ci saremmo astenuti dal sostenere uno dei due. Sapete quale. Rivendico la libertà di dire che con la scelta di accettare quanto proposto dalla Regione Sicilia, Renato, allora era ancora un uomo libero e si poteva chiamarlo davvero così, oggi ha tradito la nostra fiducia". A parlare così, dal suo profilo Facebook, Raffaella Spadaro, consigliere Nazionale dei Verdi, componente del Direttivo Regionale Verdi Sicilia e portavoce della Federazione Provinciale dei Verdi Messina che si è candidata nella lista "Cambiamo Messina dal basso" a sostegno del sindaco Accorinti. E che oggi è molto amareggiata per alcune scelte operate dall'Amministrazione. Tanto da spingerla a questa affermazione parafrasando il Duca del "Rigoletto" di Giuseppe Verdi che cantava: "Questa o quella per me pari sono". Del resto sempre di Verdi si tratta....!

La spinosa questione che sta spaccando il fronte degli ambientalisti è quella della discarica a Pace, per la quale la Regione Sicilia ha pubblicato un bando europeo da 20 milioni di euro. Da una parte c'è chi ne promuove la realizzazione, vedi il sindaco di Messina, Renato Accorinti e l'assessore all'Ambiente del Comune di Messina, Daniele Ialacqua e, dall'altra c'è chi dice no all’impianto di trattamento e smaltimento dei rifiuti di Pace, come i Verdi, Green Italia, Idv che hanno tenuto l'altro giorno una conferenza stampa sul tema Rifiuti in Sicilia. Ricordiamo anche che l'ambientalista Anna Giordano con il Wwf e Man, aveva annunciato, lo scorso dicembre, un esposto alla Procura della Repubblica contro l'impianto che dovrebbe sorgere in ZPS, ovvero una Zona a Protezione Speciale. 


Antonella Di Pietro



Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad