RAFFAELE LOMBARDO: "FAREMO RICORSO IN APPELLO" - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

RAFFAELE LOMBARDO: "FAREMO RICORSO IN APPELLO"

RAFFAELE LOMBARDO: "FAREMO RICORSO IN APPELLO"

Share This

L'ex presidente della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo, è stato condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Assorbito il reato elettorale. La sentenza è stata pronunciata dal gup di Catania, Marina Rizza, nell'ambito del processo svolto col rito abbreviato. Assolto, invece, dall'accusa di associazione al clan Cappello. Disposta anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. L'ex governatore, dopo la lettura della sentenza, ha deciso di convocare una conferenza stampa all'hotel Excelsior, che è a poca distanza dal tribunale.

Poco prima della pronuncia della sentenza, Lombardo, che era seduto accanto all'avvocato Guido Ziccone e al legale Alessandro Benedetti, è apparso teso. Fra le mani aveva una cannuccia che continuava a maneggiare nervosamente. Angelo Lombardo, fratello dell'ex presidente della giunta siciliana Raffaele ed ex parlamentare del Mpa, è stato rinviato a giudizio dal gup di Catania per concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio. Angelo Lombardo, a differenza del fratello che è stato condannato a 6 anni e 8 mesi a conclusione del processo con rito abbreviato condizionato, ha scelto il processo ordinario.

"Vedo sorpresa e scoramento fra i miei legali per questa sentenza. Ho vissuto con serenità la vigilia e il momento perche mi aspettavo questa sentenza che è il naturale epilogo di questa vucenda". Lo ha detto in conferenza stampa Raffaele Lombardo, condannato a 6 anni e 8 mesi al processo in cui era imputato per concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio. "Il giudice ha espresso professionalità e impegno e indipendenza e onesta" nel suo operato. "Ma - aggiunge Lombardo - ci voleva un coraggio superiore al genere umano per resistere alle pressioni della procura con 6 su 16 membri della procura distrettuale antimafia che hanno seguito questo processo. E poi la pressione mediatica. Presenteremo ricorso in appello", ha aggiunto Lombardo.



Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad