Breaking News

LUIGI MICHAUD: MERCOLEDI' APERTA LA CAMERA ARDENTE ALL'ATENEO DI MESSINA


Sarà aperta mercoledì 5 febbraio alle ore 9, presso l’Aula Magna dell’Ateneo e non, contrariamente a quanto previsto martedì 4, la camera ardente in onore di Luigi Michaud, il giovane ricercatore dell'Università di Messina, scomparso tragicamente in Antartide il 17 gennaio scorso durante un’immersione per il prelievo di campioni subacquei. Difficoltà di ordine burocratico non hanno reso possibile la consegna della salma ai familiari, a Roma, operazione che era stata inizialmente prevista per oggi (lunedì 3) pomeriggio. Questa circostanza ha imposto un rinvio di 24 ore rispetto al programma originario.

Viene pertanto posticipata a mercoledì la sospensione dell’attività didattica presso il Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali dell’Ateneo. Mercoledì sarà possibile rendere omaggio al dott. Luigi Michaud fino alle ore 14.30. Una volta chiusa la camera ardente, all’ingresso dell’Ateneo verrà tributato un ultimo saluto da parte, tra l’altro, delle Autorità accademiche, dai rappresentanti dell’Enea e del CNR e della Croce Rossa Italiana, di cui il dott. Michaud era volontario. Quindi, la salma sarà tumulata al Gran Camposanto di Messina.

Luigi Michaud era nato a Messina nell’ottobre del 1974, sposato con due figli, si era laureato in Scienze Biologiche (indirizzo Biologico-Ecologico) nel 2001 e, successivamente, aveva conseguito il dottorato di ricerca in “Scienze Ambientali: Ambiente Marino e Risorse” nel 2007. Dal marzo 2010 era assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali. In questo lasso di tempo Michaud aveva svolto in maniera eccellente la sua attività di ricerca, caratterizzata da un forte amore per il mare e per gli studi nell’ambito dell’ecologia microbica. Ha operato a Messina e all’estero in prestigiosi enti ed istituti di ricerca ed era già stato coinvolto in numerose spedizioni in Artide ed in Antartide.



Nessun commento