RENZI: IL NUOVO CHE AVANZA?


"Siamo consapevoli che siamo a un bivio straordinario. Con le riforme sarà tutto più semplice anche per quanto riguarda il lavoro, lo sviluppo. Se si affossa anche questa possibilità di riforme diventa davvero delicato immaginare uno spazio di speranza per questa legislatura". A parlare è il segretario del Pd, Matteo Renzi che sembra lanciare quasi un ultimatum sulle riforme. Oggi, 27 gennaio, alle 13,00 è scaduto il termine per la presentazione degli emendamenti ed il sindaco di Firenze avverte: "Il testo base è già stato approvato e le modifiche spero siano il più condivise possibile: non è pensabile che per lo 0,5% salto l’accordo". 

"Con la riforma elettorale si rafforza il rapporto tra cittadino ed eletti. È ovvio che ci saranno emendamenti, ce ne saranno tantissimi. - prosegue Renzi - vediamo quali saranno quelli su cui ci sarà consenso, il compito del Pd è prendere il buono dal contributo di ciascuna forza politica e trovare un accordo che è complicato ma possibile. Sono molto ottimista, abbiamo dimostrato che se che se si mette di buzzo buono la politica riesce a fare. A chi vuol mettere i bastoni fra le ruote noi diciamo: 'Andiamo avanti' ". 

E lui va avanti come un caterpillar perchè è il nuovo che avanza anche se, pare, abbia già perso qualche consenso tra i suoi sostenitori che lo chiamano "Renzisconi" e scrivono nella sua pagina Facebook: "Ti sei venduto a Silvio ... Hai perso il mio voto!"



Antonella Di Pietro



Commenti