IALACQUA: VOGLIAMO SENTIRE PROFUMO DI ROSE! - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

IALACQUA: VOGLIAMO SENTIRE PROFUMO DI ROSE!

IALACQUA: VOGLIAMO SENTIRE PROFUMO DI ROSE!

Share This

Il Comune di Messina, in collaborazione e con il coinvolgimento delle Circoscrizioni, intende organizzare il Concorso “Messina In Fiore – MIF2014” per stimolare la cultura del verde e rendere più accoglienti le vie e le piazze della città di Messina. L’iniziativa intende promuovere la realizzazione di composizioni floreali che arricchiscano i balconi, i davanzali e gli angoli fioriti di proprietà privata nonché le vetrine o i fronti di attività commerciali al fine di coinvolgere la comunità locale a contribuire attivamente a promuovere il territorio per valorizzare in particolare gli spazi adottati, i balconi e le fioriere, i giardini e le aiuole, le vetrine e le scuole cittadine.

Il concorso sarà gratuito ed aperto a tutti i cittadini, comprese le associazioni e gli enti, con esclusione dei componenti la giuria esaminatrice e di coloro che esercitano l’attività di fioraio, fiorista o vivaista. Le spese sostenute per la realizzazione degli abbellimenti floreali saranno a carico dei concorrenti i quali potranno usufruire, previa esibizione della copia del modulo di partecipazione, di facilitazioni sull’acquisto di piante e fiori, presso i fiorai e vivaisti che aderiscono all’iniziativa e a tal proposito ieri, 20 gennaio 2014, si è tenuto un primo incontro operativo con rappresentanti delle categorie di fiorai e florovivaisti alla presenza dell’Assessore all’Ambiente ed ai Nuovi stili di Vita, Daniele Ialacqua e dell’esperto per la consulenza nelle politiche di riqualificazione dell'arredo urbano e del verde pubblico, Alessandro Giaimi.

Nei prossimi giorni saranno programmati degli incontri con le Circoscrizioni, le Associazioni e ulteriori approfondimenti operativi con le categorie professionali interessate.
Per Info:  email mif2014@gmail.com - Messina in Fiore






1 commento:

  1. Bravo Daniele,una bella idea!...peccato che dovremmo educare anche i cittadini,tutti...ad avere più rispetto per la loro città,e dire chiaramente,che quando si ristruttura un'abitazione,l'eternit,le finestre,e lo "sterro" non si buttano per strada,che il sacchetto,non si posiziona sul tettuccio della macchina:"Aunni cadi ...cadi" e che i sacchetti accanto ai cassonetti non si raccolgono dopo una settimana da quando sono stati svuotati i cassoni.
    Che poi per limitare i reati e le infrazioni,occorre un nucleo di "Ispettori Ambientali che abbiano ilpotere di identificare chi non si comporta bene",le risorse umane ci sono ,semmai bisogna utilizzarle bene,con professionisti dell'organizzazione del lavoro,possibilmente che vengano dal Nord i dall'Europa.
    So che la pensiamo allo stesso modo,ma ora bisogna agire.Io sono un nostalgico diun certo passato,e ricordo con nostalgia,quando la Saspi e poi l'Azienda della Nettezza Urbana,lavavano le strade ed i marciapiedi di Messina,anche in periferia con le autobotti ed il disinfettante all'odore di PINO SILVESTRE.

    RispondiElimina

Post Bottom Ad