ore

Breaking

Post Top Ad

giovedì 9 gennaio 2014

ALFANO: NO A DROGHE, GAY E IMMIGRATI


"Davvero, dopo i dati Istat di ieri sulla disoccupazione, dobbiamo parlare, nel 2014, di matrimoni gay, legalizzazione della cannabis e frontiere aperte e libere per gli immigrati? No, per noi prima di tutto c'è il lavoro! Semplificare le regole, diminuire le tasse, smontare la Legge Fornero, vincere l'oppressione burocratica liberando i capitali privati". A parlare è il Vice Premier Angelino Alfano che prosegue: "Siamo in un governo con la sinistra, ma è sufficiente leggere la rassegna stampa delle ultime ore per rendersi conto che se non ci fossimo noi, la sinistra riterrebbe normale legalizzare la canna, i matrimoni e le adozioni ai gay e spalancherebbe le frontiere. Questo è il riformismo della sinistra, il loro universo valoriale. Noi stiamo dall'altra parte. Noi siamo al governo per realizzare alcune cose importanti in questi 12 mesi e per fare da scudo alle cose che la sinistra farebbe se non ci fossimo noi. Noi crediamo che la famiglia sia composta da un uomo e da una donna, siamo al governo per fare scudo alle cose che la sinistra farebbe se non ci fossimo noi. Siamo riformatori di un campo alternativo alla sinistra, sappiamo quello che c’è da riformare e quello che c’è da conservare". 

Infine, rivolge una minaccia al Pd: "Se propongono il matrimonio gay, ce ne andiamo un attimo prima a gambe levate e denunciandolo all’opinione pubblica". "Senza di noi questo governo non vive  - conclude Alfano - e senza di noi il centrodestra non vince. Ci stiamo organizzando con i circoli del Nuovo Centrodestra per avere grande consenso".




A.D.P

Nessun commento:

Posta un commento