ore

Breaking

Post Top Ad

mercoledì 20 novembre 2013

RADICALI MESSINA LEONARDO SCIASCIA - DOMANI SIT-IN AL CARCERE DI GAZZI


L’Associazione "Leonardo Sciascia" del Partito Radicale Messina, ha organizzato per domani, giovedì 21 novembre, alle ore 10.00, un sit-in di protesta in occasione della giornata di mobilitazione nazionale dove, davanti a tutte le carceri italiane i Radicali protesteranno per: pretesa di amnistia, indulto, riforma della giustizia, abolizione dell'ergastolo e introduzione del reato di tortura. I partecipanti si troveranno presso l’ingresso della sala colloqui del Casa Circondariale di Messina a Gazzi per denunciare il ritardo negli adempimenti previsti in merito dalla Corte Europea.

“Che fine ha fatto - si legge nel comunicato - l’indicazione contenuta nel messaggio del presidente della Repubblica di inizio ottobre? Che fine hanno fatto i “rimedi straordinari” di amnistia e indulto? In Italia la giustizia è insensatamente lenta e senza alcun rispetto dei diritti umani fondamentali, tanto per l’irragionevole durata dei processi (violazione art.6 della Convenzione Europea sui diritti dell’Uomo) quanto per i trattamenti inumani e degradanti (violazione art. 3 della stessa Convenzione) a cui sottopone i suoi cittadini detenuti. 

Dall’8 gennaio scorso la Corte Europea dei diritti dell’uomo ha accertato in Italia la violazione strutturale dell’art. 3 della Convenzione europea che, sotto la rubrica “proibizione della tortura”, pone il divieto di pene e di trattamenti disumani o degradanti a causa della situazione di sovraffollamento carcerario in cui 7 dei ricorrenti si sono trovati (tre di loro erano difesi dagli avvocati radicali Giuseppe Rossodivita e Flavia Urcioli).

La Corte ha affermato, in particolare, che “la violazione del diritto dei ricorrenti di beneficiare di condizioni detentive adeguate non è la conseguenza di episodi isolati, ma trae origine da un problema sistemico risultante da un malfunzionamento cronico proprio del sistema penitenziario italiano”.

Marco Pannella - conclude la nota dei Radicali Messina Leonardo Sciascia - si rivolge ai presidenti delle Camere per “convocare i Presidenti dei gruppi parlamentari affinché la questione venga calendarizzata” e al Governo perché agisca fattivamente e si prenda le sue responsabilità. Un’iniziativa che, ancora una volta come in passato, vuole arrivare al cuore dello Stato: per trasmettere, attraverso il proprio indebolimento fisico, energia e forza alle istituzioni affinché facciano ciò che devono per rispettare le leggi, i propri annunci, le proprie dichiarazioni”.



Nessun commento:

Posta un commento